rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Attualità

“Respiri d’arte”, un catalogo valorizza il campus della Cattolica come galleria

Un catalogo che valorizza la collezione artistica della sede piacentina dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, piccolo polo museale che educa al bello

Respiri d’arte è il nome del progetto sviluppato dall’architetto Laura Tagliaferri e dal giornalista Ippolito Negri, che ha portato a riunire in un unico volume immagini del campus di Piacenza dell’Università Cattolica del Sacro Cuore colto in una prospettiva originale, quella artistica. «Tutto nasce da una piacevolissima, quanto casuale scoperta: la grande quantità di opere d’arte presente nella sede piacentina dell’Università Cattolica», spiega Laura Tagliaferri. «Al di là della conoscenza dell’immobile, realizzato su progetto di Mario Bacciocchi, che già di per sé evidenzia quale fosse lo spirito di padre Gemelli, non immaginavo, che, oltre all’affresco a tutta parete di Luciano Ricchetti che accoglie chi varca la soglia della prestigiosa Università introducendolo subito in un luogo suggestivo, fossero collocate, nei vari ambienti, tante opere d’arte. Recenti e di autori piacentini». «Dalla sorpresa, pian piano, è maturata l’idea di far conoscere, attraverso una pubblicazione che avesse le vesti di un catalogo, ma che fosse anche capace di suscitare una riflessione oltre gli schemi, facendo dialogare le singole opere d’arte con poesie collocabili sullo stesso piano emotivo e spirituale».

«Anche per me è stata una scoperta - sottolinea Ippolito Negri -. Dopo il lavoro legato alla valorizzazione della sede del Liceo Respighi, progetto di Luigi Moretti, mi ha interessato la proposta dell’architetto Tagliaferri di realizzare qualche cosa che valorizzasse la collezione della Cattolica, cercando anche di approfondire il rapporto tra una visione religiosa e l’arte. In fin dei conti è proprio per la visualizzazione del messaggio religioso che si sviluppano le arti visive, anche nei secoli bui. Ma a parte questo, l’interesse era anche per la curiosità di scoprire, se vogliamo, un piccolo polo museale del tutto ignorato, che può educare gli studenti alla cultura del bello». «Se penso al ciclo delle opere di Braghieri e a quello che rappresenta, non possono non metterlo in relazione agli arazzi dell’Alberoni, appena qui di fronte. Diciamo che mi ha entusiasmato l’idea di realizzare qualche cosa che testimonia l’esistenza di un polo artistico a San Lazzaro che unisce in un percorso ideale il Collegio Alberoni ed anche la sede dell’Università Cattolica. Per ora un percorso ideale, ma che - da narratore anche delle vicende piacentine – non mi dispiacerebbe fosse considerato non solo sede universitaria, ma anche una galleria d’arte fruibile. Difficile forse da realizzare, ma chissà?».

Esprime soddisfazione il direttore della sede, Mauro Balordi. «Respiri d’Arte è un bellissimo regalo natalizio alla sede di Piacenza dell’Università Cattolica. Un’idea affascinante che si è concretizzata in questa pubblicazione che riporta una buona parte delle opere artistiche che, grazie a diverse donazioni, arricchiscono la nostra sede rendendola più bella e più gradevole da vivere per tutti coloro che, per studio o per lavoro, ci trascorrono le loro giornate. Quindi ribadisco anche in questa sede il “grazie”, che ho già espresso nella prefazione del libro,  a Laura e ad Ippolito per questo prezioso lavoro».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Respiri d’arte”, un catalogo valorizza il campus della Cattolica come galleria

IlPiacenza è in caricamento