rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
L'agenda

Rete Natura, dalla Regione piano da oltre 6mila interventi in 7 anni. A Piacenza 14 siti per 27.201 ettari

Vale 150 milioni di euro l’impegno della Regione tra 2021 e 2027 per la tutela e la valorizzazione dei 159 siti compresi tra Piacenza e Rimini. In cima all’agenda boschi e foreste

“Rete Natura,” dalla Regione piano da oltre 6mila interventi in 7 anni. Un programma che include anche il territorio piacentino, incluso nella rete con 14 siti, per 27.201 ettari complessivi. Vale 150 milioni di euro e oltre 6mila interventi l’impegno della Regione per la tutela e la valorizzazione dei 159 siti della Rete Natura 2000, tra 2021 e 2027. «Al centro - spiega la nota della Regione - la salvaguardia della biodiversità, di habitat e specie animali e vegetali che appaiono sempre più minacciati dall’attività umana. E un'agenda di priorità e obiettivi - messi nero su bianco - che nel prossimo settennato dovranno tradursi in azioni concrete di salvaguardia, regolamentazione, monitoraggio, formazione e divulgazione. Qualche esempio: interventi di ampliamento della rete ecologica regionale (la rete cioè che collega le aree protette e i siti Natura 2000) e di miglioramento ambientale e forestale; incentivi e indennizzi per un’agricoltura sempre più attenta alla biodiversità; promozione della pesca sostenibile. Senza dimenticare la comunicazione: per far conoscere questo importante patrimonio e valorizzarlo anche in chiave turistica». «Il tutto - prosegue la nota - a beneficio di un vero e proprio corridoio ecologico che in Emilia-Romagna interessa - tra Rimini e Piacenza - un’area di oltre 300 mila ettari».   

I siti della Rete Natura 2000 per provincia - Regolata da due successive direttive europee – la direttiva “Habitat” e la direttiva “Uccelli” – la Rete Natura 2000 è una realtà consolidata, che insieme ai Parchi, alle Riserve naturali, alle Aree di riequilibrio ecologico, ai Paesaggi naturali e semi naturali protetti, costituisce quel sistema regionale delle aree protette che tutela il 16% del territorio regionale. La provincia con il maggior numero di siti è quella di Bologna, primato che tuttavia passa a quella di Ferrara considerando l’estensione in ettari. Nel dettaglio: sono 24 i siti sono in provincia di Bologna (41.891 ettari); 23 in provincia di Reggio Emilia (31.523 ettari); 22 in quella di Parma (32.725 ettari) e altrettanti in quella di Ravenna (20.770 ettari). Seguono: il Modenese con 17 siti (25.051 ettari); il Ferrarese con 16 (82.349 ettari); la provincia di Forlì-Cesena con 15 siti (29.629 ettari), quella di Piacenza con 14 (27.201 ettari). Infine il Riminese conta 6 Siti di Rete Natura 2000 per complessivi 10.622 ettari.

Al primo posto nell’agenda dell’Assessorato regionale vi sono gli interventi relativi a “boschi e foreste”, seguite da quelli su “fiumi e laghi”. Ma gli habitat interessati sono numerosi: “formazioni erbose”, “altri agro-sistemi”, “brughiere e sottobosco”; “acque marine costiere”, “torbiere, paludi e altre zone umide”, “habitat rocciosi, dune e terreni a bassa densità di vegetazione”, per ricordare i principali. Per la maggior parte - 49%- si tratta di interventi di tutela attiva, con un costo stimato che supera il 60% del totale.  

Lo strumento, il Paf – ovvero Prioritised Action Frameworks - un documento di programmazione previsto dalla Commissione europea e approvato dalla Giunta regionale. Un documento che è parte integrante del nuovo ciclo di programmazione dei Fondi europei per il 2021-2027: oltre 2 miliardi di euro per il territorio emiliano-romagnolo, 780 milioni in più rispetto al settennato precedente. «Il Paf è un documento strategico che, ancora una volta, ribadisce l'attenzione e l'impegno della Regione Emilia-Romagna per l'ambiente» spiega l'assessora a Montagna, Parchi, Forestazione e Programmazione territoriale e paesaggistica Barbara Lori. «Di fatto individua un piano di azioni prioritarie per la tutela e la valorizzazione della Rete Natura 2000, un patrimonio green in cui crediamo e che necessita di interventi essenziali a partire dalla conservazione di habitat e biodiversità. Un piano di azioni obbligatorio, previsto dalla Ue, che impegna la Regione anche in vista della programmazione 2021-2027, mette al centro le politiche per l’ambiente e ne definisce le priorità di intervento. Fondamentale è stato il confronto interno con tutti gli assessorati e i servizi che a vario titolo, ciascuno per la propria parte, hanno contribuito a individuare i fondi più adatti a finanziare le misure di conservazione».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rete Natura, dalla Regione piano da oltre 6mila interventi in 7 anni. A Piacenza 14 siti per 27.201 ettari

IlPiacenza è in caricamento