menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La firma del protocollo

La firma del protocollo

Appalti pubblici, rinnovata l’intesa per la prevenzione

Il prefetto e il direttore generale dell’azienda Ausl hanno firmato il nuovo protocollo che durerà cinque anni e consentirà di intensificare i controlli antimafia sulle imprese appaltatrici

Nella mattinata di ieri il prefetto Maurizio Falco e il direttore generale dell’azienda Usl Luca Baldino hanno rinnovato l’intesa per la legalità e la prevenzione dei tentativi d’infiltrazione criminale negli appalti pubblici con la sottoscrizione di un nuovo protocollo.  Il protocollo durerà cinque anni e consentirà di intensificare i controlli antimafia sulle imprese appaltatrici. Il precedente protocollo era scaduto nel giugno scorso ed entrambe le amministrazioni hanno così colto l’occasione per rafforzare i controlli antimafia negli appalti pubblici. 

Ciò è avvenuto concordando una deroga più incisiva alle soglie di valore dei contratti di appalto, fissate da regolamenti comunitari a livelli elevati che non sempre consentono di individuare le imprese che subiscono infiltrazioni o condizionamenti della criminalità organizzata. È stato così convenuto di ulteriormente ridurre le soglie di valore oltre le quali è necessario richiedere l’informazione antimafia per le imprese aggiudicatarie dell’appalto pubblico.

«La riduzione delle soglie di valore da 250 mila a 150 mila euro per gli appalti di opere e lavori e l’istituzione di una soglia di valore, prima assente, per le forniture di beni e servizi (individuata in 80 mila euro) appaiono oggi idonee a garantire i controlli in misura sensibilmente maggiore rispetto al passato e si pongono come frontiera avanzata della cautela antimafia, non solo in questa provincia. Pur consapevoli che tali novità incideranno sulla gestione ordinaria con un aumento delle attività amministrative, tuttavia si è convinti che il fine di perseguire l’interesse pubblico alla legalità e alla trasparenza nei settori degli appalti pubblici è preminente e che è opportuno e necessario che esso sia realizzato in via prioritaria».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

«Il giardino di via Negri è un ritrovo di spacciatori»

Attualità

"Paga per sbloccare il pacco": attenzione alla nuova truffa via sms

Attualità

Inps: «Nuovo tentativo di truffa tramite e-mail»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento