Appalti pubblici, rinnovata l’intesa per la prevenzione

Il prefetto e il direttore generale dell’azienda Ausl hanno firmato il nuovo protocollo che durerà cinque anni e consentirà di intensificare i controlli antimafia sulle imprese appaltatrici

La firma del protocollo

Nella mattinata di ieri il prefetto Maurizio Falco e il direttore generale dell’azienda Usl Luca Baldino hanno rinnovato l’intesa per la legalità e la prevenzione dei tentativi d’infiltrazione criminale negli appalti pubblici con la sottoscrizione di un nuovo protocollo.  Il protocollo durerà cinque anni e consentirà di intensificare i controlli antimafia sulle imprese appaltatrici. Il precedente protocollo era scaduto nel giugno scorso ed entrambe le amministrazioni hanno così colto l’occasione per rafforzare i controlli antimafia negli appalti pubblici. 

Ciò è avvenuto concordando una deroga più incisiva alle soglie di valore dei contratti di appalto, fissate da regolamenti comunitari a livelli elevati che non sempre consentono di individuare le imprese che subiscono infiltrazioni o condizionamenti della criminalità organizzata. È stato così convenuto di ulteriormente ridurre le soglie di valore oltre le quali è necessario richiedere l’informazione antimafia per le imprese aggiudicatarie dell’appalto pubblico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«La riduzione delle soglie di valore da 250 mila a 150 mila euro per gli appalti di opere e lavori e l’istituzione di una soglia di valore, prima assente, per le forniture di beni e servizi (individuata in 80 mila euro) appaiono oggi idonee a garantire i controlli in misura sensibilmente maggiore rispetto al passato e si pongono come frontiera avanzata della cautela antimafia, non solo in questa provincia. Pur consapevoli che tali novità incideranno sulla gestione ordinaria con un aumento delle attività amministrative, tuttavia si è convinti che il fine di perseguire l’interesse pubblico alla legalità e alla trasparenza nei settori degli appalti pubblici è preminente e che è opportuno e necessario che esso sia realizzato in via prioritaria».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Sbanda con l'auto e si ribalta, è grave

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento