Addio a Romano Gobbi, uomo di cultura e fondatore della Libreria Romagnosi

Aveva 82 anni, un anno fa aveva avuto un grave incidente. Il ricordo di Claudia, una delle figlie: «Era un uomo molto dinamico, non stava mai fermo e spronava tutti»

Romano Gobbi e la libreria Romagnosi

Grande perdita per la cultura e il tessuto imprenditoriale piacentino. Si è spento infatti Romano Gobbi, titolare della storica Libreria Romagnosi, persona molto colta e da sempre grande appassionato di cultura e arte. Sua era anche la casa editrice Lir, e sempre alla sua famiglia appartiene anche la libreria Postumia a Sant'Antonio. Aveva 82 anni. «Era un uomo molto dinamico, non stava mai fermo e spronava tutti» ricorda commossa Claudia, una delle figlie.
Romano Gobbi se ne è andato a un anno esatto da un incidente che gli aveva causato pesanti conseguenze per la salute: «Quest'anno è stato un calvario per la nostra famiglia - spiega Claudia - con spostamenti tra gli ospedali di Piacenza, Parma, Villanova e Castelsangiovanni». Proprio a Castello, nel reparto di terapia intensiva, Romano Gobbi se ne è andato lasciando una grande mancanza per Piacenza.

L’assessore alla Cultura Jonathan Papamarenghi è stato tra i primi ad esprimere il proprio cordoglio, verso una persona che ha dato tanto alla cultura e all’editoria piacentina: «Sono passati 53 anni da quando Romano Gobbi nel 1967 aprì il centro librario Romagnosi. Dimostrò da subito di essere un libraio vero, preparato e infaticabile nel rifornire la propria libreria del maggior numero di libri possibile. La sua attività ha infatti interessato non solo la nostra città e la provincia di Piacenza, ma anche le province limitrofe e diverse realtà italiane». 
Prosegue Papamarenghi: «Era un uomo disponibile e cordiale, a tratti, solo apparentemente, un po’ burbero. Insieme alla moglie Mariuccia Marazzi che se ne è andata pochi anni fa e alle tre figlie, da vero imprenditore del libro, ha aperto nel 1995 la Libreria Internazionale Romagnosi. Romano Gobbi non è stato soltanto un libraio, ma anche un editore, un talent scout di scrittori locali e la sua casa editrice LIr, ha rappresentato per molti studiosi, la possibilità di approfondire i loro interessi sulla cultura e sulla storia piacentina. Se ne va un uomo che lascia un profondo vuoto in tutti noi, vuoto che sarà colmato dal dinamismo e dalla professionalità delle figlie, cui vanno le condoglianze dell’Amministrazione Comunale». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Conclude: «Da quel 1967 in cui, all’interno del Centro Librario Romagnosi, esisteva anche una galleria d’arte dove esponevano diversi artisti delle avanguardie italiane, di tempo ne è passato, ma ancora oggi se hai bisogno di un libro che non riesci a trovare, pur in una Città che ha molto da offrire grazie all’iniziativa imprenditoriale di numerosi ottimi librai, devi andare da Romano Gobbi, questo dato è indiscutibile, così come è innegabile la propria indipendenza libraria e la stima dei colleghi e degli appassionati dell’universo librario. A lui, ed a chi come lui si dedica ad un settore che più di altri subisce la concorrenza dei nuovi media e dell’e-commerce, va la riconoscenza più sentita anzitutto da amministratore che si occupa di promozione culturale e poi da lettore esigente».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ruba scarpe da 40 euro ma nella mascherina ne ha più di 6mila: nomade denunciata

  • Tenta un sorpasso a velocità folle poi si ribalta e tenta di scappare a piedi: denunciato

  • Nina Zilli porta Guido Meda in giro per la Valtrebbia

  • San Polo, camion di pomodori si ribalta e perde tutto il carico

  • Diventano parenti al matrimonio e poi si picchiano al bar: due feriti e una denuncia

  • Rissa al Tuxedo, parla il gruppo dei campani: «Noi offesi, minacciati e insultati»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento