Sabato 4 maggio in Prefettura presidio sindacati confederali: «Sicurezza sul lavoro vera emergenza»

«La decisione dei rappresentanti dei lavoratori è stata presa anche a seguito dell’infortunio mortale che ha funestato il Primo maggio sul territorio piacentino, dove ha trovato la morte, in un cantiere in comune di Cortemaggiore, Alessandro Zigliani»

«I sindacati confederali Cgil, Cisl, Uil hanno indetto per sabato 4 maggio 2019, dalle 10 alle 12, un sit-in di fronte la Prefettura Piacenza (via San Giovanni) per denunciare l’emergenza di questo Paese: la sicurezza sul lavoro», si legge in un comunicato.

«La decisione dei rappresentanti dei lavoratori è stata presa anche a seguito dell’infortunio mortale che ha funestato il Primo maggio sul territorio piacentino, dove ha trovato la morte, in un cantiere in comune di Cortemaggiore, Alessandro Zigliani, 50 anni. Sono oltre 100 le morti sul lavoro nei primi mesi del 2019; 4 morti sul lavoro nella sola giornata del 24 aprile. L’analisi dei dati sugli infortuni sul lavoro è impietosa. I dati INAIL 2018 ci forniscono un quadro sconfortante: gli infortuni crescono», continua.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Crescono quelli sul lavoro (+2,8%) e quelli nel recarsi al lavoro (+5%). Crescono in tutti i territori, a partire dal Nord-Est, con un +5,2%; crescono sia per gli uomini (+3,7%) che per le donne (+5,5%); crescono nell’Industria e nei Servizi (+2,6%) e in Agricoltura (+7,4%)». Ci vuole più prevenzione e vigilanza ma servono anche più controlli, come ricorda il presidente dell’Anmil, Bettoni: «Delle 20.942 aziende ispezionate nel 2018 dall’I.N.A.I.L. (Ispettorato Nazionale del Lavoro) ben 16.394, pari al 78,2% del totale, sono risultate irregolari con una crescita del tasso di irregolarità del 5% rispetto all’anno precedente. «Le violazioni accertate sono state 31.218, di cui la stragrande maggioranza (26.885) di natura penale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento