Attualità

«Salvaguardare le professionalità dei lavoratori del Polo di Mantenimento»

Cerimonia ufficiale di cambio al vertice dell'ex Arsenale militare. Arriva il brigadiere generale Sergio Santamaria. Il commiato di Petroni: «Qui un bagaglio di competenze che non può andare disperso»

Da sinistra Petroni, Dalla Sala e Santamaria (Foto Gis)

«Salvaguardare le professionalità, le capacità e le esperienze dei lavoratori del Polo di mantenimento. Un bagaglio di competenze che non può andare disperso». Lo ha detto, nel suo discorso di commiato, il brigadiere generale Tommaso Petroni, che il 5 ottobre ha lasciato il comando del Polo di mantenimento pesante Nord al parigrado Sergio Santamaria. Petroni è stato destinato a Roma, per ricoprire l’incarico di Capo dei Trasporti dell’Esercito.

Il Polo, dunque, ha accolto il nuovo vertice, alla presenza del maggior generale Arnaldo Della Sala, comandante dei Trasporti e materiali del Comando logistico dell’Esercito.

La cerimonia, a cui hanno partecipato i labari di istituzioni e associazioni d’arma, ha visto la presenza di numerosi sindaci e dei parlamentari Paola De Micheli e Pietro Pisani. Le varie fasi sono state scandite dalla fanfara della Brigata alpina Julia.

Per l’occasione, il Polo ha aperto le porte ai cittadini, che hanno potuto visitare lo stupendo complesso con i bastioni di ciò che resta del Castello Farnesiano, ma anche il bel museo che mostra la storia del centenario arsenale piacentino.

Durante la mattinata è stata anche inaugurata la cappella a Santa Barbara, restaurata dai lavoratori del Polo. Lungo i viali erano esposti armamenti e mezzi che vengono riparati nello stabilimento di viale Malta e in una piazzetta c’era anche una esposizione di mezzi d’epoca - tra cui un veicolo anfibio americano della Seconda guerra mondiale - e di sistemi d’arma moderni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Salvaguardare le professionalità dei lavoratori del Polo di Mantenimento»

IlPiacenza è in caricamento