San Polo, pronti i primi 40 posti ma si potrebbe arrivare a 150

L’area logistica dell’Aeronautica militare ospiterà chi è guarito dal Covid-19 e deve rispettare la quarentena. L’assessore Priolo: «Una risorsa che cade nel momento giusto». Il sindaco Piva: «San Polo non è omertosa e chiusa, pronti a dare una mano». Il generale Santamaria: «Da subito il ministro mise a disposizione questa struttura»

San Polo è pronto a ospitare i primi guariti dal Covid-19 che dovranno osservare un periodo di quarantena. I primi ex malati, quaranta, potrebbero arrivare già la prossima settimana e saranno alloggiato nell’Area logistica dell’Aeronautica militare. Il sopralluogo finale è stato svolto la mattina del 9 aprile, alla presenza dei vertici delle istituzioni, civili e militari, che stanno gestendo l’emergenza coronavirus. L’operazione consentirà di alleggerire il carico dell’ospedale e di dare una risposta a chi si trova in difficoltà nel trovare un luogo adatto dove rimanere in quarantena.

Priolo Falco Piva Rossi-2Le stanze sono in una delle palazzine della base logistica. Ogni camera ospiterà una persona ed è dotata di bagno, letto, armadio, sedia e tavolino oltre al televisore e la coperta azzurra con il simbolo dell'Aeronautica. All’esterno, i volontari della Protezione civile che hanno riadattato la palazzina hanno anche preparato una piccola area verde, che consentirà a chi è in isolamento di uscire all’aperto. In caso di bisogno, la struttura militare potrà arrivare a ospitare fino a 150 persone. Nel piazzale, inoltre, è stato allestito un posto medico avanzato che sarà gestito dalla Croce Rossa. Al sopralluogo erano presenti l’assessore regionale alla protezione civile, Irene Priolo, il prefetto Maurizio Falco, il sindaco di Podenzano, Alessandro  Piva, il direttore e del Polo di mantenimento, il maggior generale Sergio Santamaria, il comandante dell’aeroporto militare, il colonnello Francesco Rossi, il coordinatore dei volontari della Protezione civile, Leonardo Dentoni.

«Stabiliremo con l’Asl - ha affermato Priolo - le modalità per ospitare le persone. Questo è una risorsa importante per il periodo post Rossi Santamaria-2covid, in cui si dà  sollievo anche all’ospedale liberando posti. E’ una collaborazione importante fra Forze dello Stato, Regione, Asl, Croce Rossa. Il risultato è straordinario. Grazie a tutti coloro che hanno consentito di realizzare questo centro». Fin dalle origini la base dell’Aeronautica era destinata ad accogliere pazienti dalla Lombardia. Poi non se ne fece più nulla, ma il progetto continuò per i piacentini e la Protezione civile preparò le stanze, ormai pronte da un mese. «Da subito - continua Priolo - dissi che poteva essere una risorsa anche per l’Emilia Romagna. E oggi cade nel momento giusto, sul piano organizzativo che ha visto il personale sanitario di Piacenza gestire in modo eccellente una fase complicatissima». Soddisfatto il sindaco Piva che ha subito come la popolazione di San Polo non fosse contraria all’utilizzo dell’area: «Mesi fa San Polo venne additata come omertosa e chiusa. I suoi cittadini guardano avanti. Per uscire da questa emergenza serve il contributo di tutti e San Polo è qui pronta a dare una mano». Il grazie del sindaco va a tutti. Poi sottolinea che «San Polo e Podenzano potranno dare una mano all’ospedale per poter tornare alla normalità».

Il generale Santamaria ricorda come fin da subito il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini abbia dato la disponibilità per l’uso di questa struttura da parte della Protezione civile. «In questa fase - spiega Santamaria -  ci sono persone guarite clinicamente, non più in terapia, ma hanno hanno un periodo di una decina di giorni in cui sono ancora positivi. Chi non ha spazi a casa compatibili con l’isolamento, e per alleggerire l’ospedale e liberare posti letto, potrà venire qui. La Protezione civile ha allestito gli spazi e preparato percorsi di decontaminazione. L’Aeronautica aveva già eseguito lavori di adeguamento e ora mette a disposizione le palazzine. L’Asl coordinerà l’operazione». Subito ci saranno 40 posti letti, ma l’Aeronautica «con piccoli interventi potrà aumentare i posti a oltre 150».

Il prefetto Falco, infine, sottolinea il gioco di squadra di Piacenza «che vedo fin dal mio arrivo nel 2017. Non avrei voluto che questo gioco di squadra si spendesse per una situazione di “guerra” come questa. E’ la migliora risposta di chi vuole fare. Questo è il tempo dei tessitori, non degli analisti. Si deve andare tutti verso i risultati». Il prefetto parla della Fase 2 e della proiezione autunnale «della quale non sappiamo che strada prenderà e che possibilità offrirà il sistema. Ora, tutti concentrati per ottimizzare il sistema sanitario Piacenza».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

stanza covid coronavirus san polo-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce di strada e si ribalta in un campo, muore a 32 anni

  • Ruba scarpe da 40 euro ma nella mascherina ne ha più di 6mila: nomade denunciata

  • Nina Zilli porta Guido Meda in giro per la Valtrebbia

  • Cavo nel bosco ad altezza gola, ciclista piacentino salvo per miracolo

  • «Ho ucciso Leonardo, ma l’ho fatto per difendermi. Chiedo scusa alla famiglia»

  • Invia le foto del tradimento alla moglie dell'amante della sua compagna, prima condanna per revenge porn a Piacenza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento