rotate-mobile
Attualità / Podenzano

«Una buona rete tra cittadini e polizia Locale risolve efficacemente i problemi»

Il comando dell'Unione Valnure Valchero traccia il bilancio del 2022. L'attività di polizia giudiziaria ha tenuto impegnati gli agenti per buona parte dei servizi: «Così preveniamo truffe e furti». Tutti i numeri

Funziona e cresce la polizia Locale dell’Unione di Comuni della Valunre e Valchero. Lo dicono i numeri e questo avviene grazie ai sindaci che credono nel servizio e ai cittadini che, nel corso degli anni, hanno imparato a creare una rete con i quattordici agenti, pochi per un territorio vasto di sei Comuni (compreso Pontenure che da poco ha convenzionato la propria polizia Locale con quella dell’Unione). Il comando ha colto l’occasione del patrono San Sebastiano per tracciare un bilancio di quanto svolto nel corso del 2022. Tutti riuniti – agenti, comandante, sindaci e volontari delle associazioni – nella sala consigliare di Podenzano dove, nella mattinata di sabato 21 gennaio, sono stati premiati anche i “cittadini attivi” del territorio.

Andiamo con ordine. Per la polizia Locale «è stato un anno particolare con il comando che si è rinnovato, grazie all’inclusione di Pontenure, con nuovo personale da formare ma che ha buona volontà» - ha spiegato il comandante Paolo Giovannini. «Un anno di transizione che è stato portato a termine grazie all’impegno delle Amministrazioni che credo in noi e che, allo stesso tempo, chiedono un servizio efficace». Per fare ciò «è stata creata una buona rete di cittadini che si impegnano volontariamente per il proprio territorio e insieme agli agenti in strada abbiamo efficacemente dato risposta ai problemi».

La polizia Locale dell'Unione Valnure-Valchero celebra San Sebastiano ©ilPiacenza

Da qui un bilancio che vede la maggior parte del tempo (6.600 ore su 27.520 di attività) dedicato a «dare risposte ai bisogni dei cittadini che richiedono la presenza della polizia Locale in caso di furto, truffe e per contrastare ogni tipo di reato». Un’attività di polizia giudiziaria, in sostanza, che ha portato a denunciare 37 persone, ad avviare indagini, sequestri, ma soprattutto a togliere dalla strada 40 veicoli intestati a prestanomi. «Quando ci vedete correre per le strade con lampeggianti e sirene accese stiamo cercando di fermare questi veicoli intestati a prestanomi ma che vengono utilizzati per entrare nel nostro territorio, mettere in atto truffe o furti ai danni di anziani e poi fuggire. Noi abbiamo poco tempo per fermarli perché arrivano, consumano il reato e fuggono».

Un altrettanto quarto dell’attività del 2022 è stata dedicata alla circolazione e all’infortunistica stradale con 108 incidenti rilevati, in diminuzione del 7,69 percento rispetto al 2021. «Sono stati messi in atto servizi di polizia ambientale e, grazie all’aiuto di cittadini e associazioni, sono stati recuperati 210 cani vaganti» - ha spiegato sempre il commissario Giovannini, «orgoglioso dell’operato dei suoi uomini sulla strada». «Gli uomini in divisa – ha aggiunto il presidente dell’Unione, il sindaco di Podenzano Alessandro Piva - li vediamo come quelli che ci fanno le multe. Ce le fanno perché non rispettiamo le regole. Infatti i nostri agenti si stanno molto impegnando nell’attività con le scuole, così già da bambini si rispettano le regole».

Tante altre ore di servizio sono state dedicate alla polizia amministrativa con i controlli su fiere e mercati, alla protezione civile con la collaborazione del Gruppo Vega. È stata implementata la videosorveglianza, il ché ha comportato la gestione, da parte degli uomini del commissario Giovannini, di 670 pratiche per la condivisione di informazioni utili alle altre forze di polizia del territorio. Tra i progetti futuri la realizzazione della nuova sede del comando in un terreno adiacente al Municipio di Vigolzone e la partecipazione ad un bando Regionale per l’istituzione del Corpo di polizia Locale.

Report polizia Locale Unione Valnure e Valchero

Polizia Locale Pontenure-2

Pontenure si accorda con l’Unione Val Nure Val Chero per il Corpo di Polizia Locale

Il Consiglio Comunale di Pontenure ha approvato la delibera che prevede di associare la propria Polizia Locale con quella dell’Unione dei Comuni della Val Nure e Val Chero. Il Comune di Pontenure ha così siglato la convenzione per l’esercizio in forma associata della Polizia Locale. «Questo consente agli agenti di operare con maggiore efficienza ed efficacia – ha spiegato Manola Gruppi, sindaco di Pontenure –. La responsabilità gestionale è affidata a Paolo Giovannini, comandante del Corpo di Polizia Locale dell’Unione Val Nure Val Chero, e permetterà a tutti gli agenti di lavorare in sinergia, così come i mezzi e le attrezzature andranno incontro alle effettive esigenze del territorio, sia sul piano della sicurezza stradale che nei rapporti con i cittadini».

Il Comune di Pontenure sta impegnando risorse a favore della sicurezza: da alcuni mesi sono entrati in servizio due nuovi agenti che la cittadinanza ha iniziato a conoscere: Stefano Cimelli e Athos Pagliari, che sono andati ad affiancare l’agente Filippo Fermi. A loro tre è affidato il compito di occuparsi delle diverse problematiche attinenti alla sicurezza urbana: da qui è iniziato un percorso che ha portato l’Ente di Via Moschini ad adottare nuovi regolamenti del Servizio di Polizia Locale, fra i quali anche il regolamento di video-sorveglianza e di polizia urbana, che intendono mantenere un forte collegamento con le persone, nel rispetto delle regole di condivisione della sicurezza. Analogamente agli agenti sono stati fornite diverse e innovative attrezzature, e una nuova auto di servizio - in sostituzione di mezzi non più funzionali, per garantire un servizio più puntuale e più efficiente -, che sarà impiegata nelle attività di controllo nel centro abitato e nelle frazioni.

«Il Comune di Pontenure ha fatto richiesta di essere convenzionato con la Polizia Locale dell’Unione – ha sottolineato Paolo Giovannini, comandante del Corpo di Polizia Locale dell’Unione Val Nure Val Chero – e ora si garantisce un servizio su sei comuni. Un impegno espresso dall’Amministrazione Comunale di Pontenure e alla quale abbiamo aderito, andando così, di fatto, ad aumentare la copertura territoriale e le attività in essere». «In collaborazione con il Comune di Pontenure – ha chiosato il sindaco di Podenzano Alessandro Piva, presidente dell’Unione Val Nure Val Chero – abbiamo intrapreso una strada: quella di convenzionarci con loro e abbiamo così portato all’interno del servizio di Polizia Locale anche il territorio del Pontenure che ha aggiunto negli scorsi mesi due nuovi agenti, arrivando ad un organico di tre alle proprie dipendenze. Andiamo così a garantire a tutta la cittadinanza della nostra Unione un numero di agenti maggiormente rilevante offrendo una presenza sul territorio ancor più massiccia».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Una buona rete tra cittadini e polizia Locale risolve efficacemente i problemi»

IlPiacenza è in caricamento