rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Attualità

Sanità, venerdì 9 aprile presidio di fronte all'Ospedale di Piacenza: «Servono risorse, non solo parole»

Dalle 10 alle 12 la mobilitazione di Cgil-Cisl-Uil

Nonostante le rassicurazioni della Regione Emilia-Romagna, la mobilitazione di Cgil-Cisl-Uil continua per "salvare" le buste paga degli operatori sanitari.
«Servono risorse oltre alle dichiarazioni- avvertono i sindacati- andremo avanti fino a quando non arriveranno risposte concrete». A metterlo in chiaro sono i segretari regionali di Fp-Cgil, Cisl-Fp e Uil-Fpl Emilia-Romagna: Marco Blanzieri, Carmela Lavinia, Paolo Palmarini. «Bene le risorse per la campagna vaccinale arrivate dal Governo- affermano- e, dalle dichiarazioni dell'assessore regionale Raffaele Donini, in via di assegnazione alle aziende. Cio' che serve pero' sono risposte strutturali per il salario delle donne e degli uomini che lavorano nelle aziende, le colonne portanti del nostro servizio sanitario regionale.

Serve un impegno a superare vincoli di spesa assurdi che rischiano di penalizzare chi lavora e chi assume per migliorare i servizi, come nel caso della nostra Regione».
I sindacati ricordano che «le assunzioni sono irrinunciabili. Lo erano prima della pandemia, visti gli anni di blocco del turnover, e lo sono ancor di piu' in questo momento per garantire tutti i percorsi assistenziali alla cittadinanza. Però - avvertono Cgil, Cisl e Uil - ribadiamo con forza che se non si superano questi assurdi limiti di spesa imposti dal Ministero dell'Economia, e se non c'è un forte investimento di risorse sui fondi della contrattazione delle aziende del servizio sanitario regionale, gli stipendi subiranno un inevitabile calo».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità, venerdì 9 aprile presidio di fronte all'Ospedale di Piacenza: «Servono risorse, non solo parole»

IlPiacenza è in caricamento