rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Attualità Ospedale / Via Campagna

Santa Maria di Campagna, proseguono le ricerche sul cimitero paleocristiano

L’ingegnere Roberto Tagliaferri della Banca di Piacenza ha fatto il punto sull’attività di studio durante la celebrazione dell’anniversario del ritrovamento del Pozzo dei martiri

Il 2 gennaio è - secondo la tradizione, richiamata anche da antiche testimonianze - il giorno nel quale si celebrava la memoria dei cristiani uccisi a seguito delle persecuzioni ordinate da Diocleziano nel 303, successivamente gettati nel Pozzo dei martiri posto all’interno di Santa Maria di Campagna. Questa mattina, dopo la messa solenne delle 11, la Comunità francescana e la Banca di Piacenza hanno inteso rivitalizzare questa secolare ricorrenza, dando conto dell’esito delle ricerche (in atto da più tempo, e che continuano) relative al cimitero paleocristiano che si trova sotto la Basilica mariana.

Padre Secondo Ballati ha ricordato le iniziative in programma per le celebrazioni dei 500 anni dalla posa della prima pietra per la costruzione della chiesa, che si deve proprio alla devozione nata intorno al Pozzo dei martiri con la realizzazione, dopo l’anno mille, dell’oratorio di Santa Maria in Campagnola, nel tempo divenuto troppo piccolo per accogliere fedeli e pellegrini. Gli aggiornamenti sull’attività di studio intorno al cimitero ipogeo sono stati forniti da Roberto Tagliaferri, responsabile dell’Ufficio Economato della Banca. L’esposizione è stata intervallata da musiche di Schumann e Handel suonate da Alessandro Achilli (organo) e Sergio Piva (sax).

«Duplice - ha spiegato l’ingegnere Tagliaferri - l’obbiettivo del gruppo di lavoro che si avvale del contributo, tra altri, degli architetti Elena Montanari e Carlo Ponzini: da una parte ampliare la conoscenza di parti non prima visitate del cimitero, dall’altra aggiungere, grazie a questa maggiore conoscenza e all’analisi di documentazioni inedite, elementi riguardanti il Pozzo dei martiri». L’area cimiteriale sottostante la chiesa - è stato evidenziato - si può considerare divisa in tre parti. Una riguarda la zona sottostante la sagrestia, che ospitava le inumazioni dei frati della Basilica. Un’altra parte è sottostante la croce greca, la cui proiezione si estende dall’ingresso fino ai gradini del presbiterio attuale, ed è composta sostanzialmente da quattro gallerie parallele; in alcuni punti sono presenti loculi spesso sostenuti da archi in muratura con ancora presenza di resti di salme. Sotto l’ingresso della Basilica, ci sono poi due camere parallele da cui si accede ad altre celle con loculi.

La parte sotto il Coro, retrostante il presbiterio e l’attuale altare, è quella meno conosciuta ed è stata oggetto - ha sottolineato l’ing. Tagliaferri - di ispezioni ed indagini mai prima svolte. Si tratta della zona dove, secondo molte testimonianze, era stata conservata, in aderenza alla Basilica, la chiesetta di Campagnola. Lì si sono concentrate le nuove ricerche. Proprio l’altro ieri, una delegazione della Direzione della Banca, accompagnata da fra’ Franco, ha compiuto un sopralluogo, accedendo da una scala di una stanza attigua, nell’area della sagrestia, dove fu portata la salma di Pierluigi Farnese prima di essere trasferita all’isola Bisentina. E’ stato infine annunciato che gli organizzatori pensano di poter aprire qualche parte del cimitero ipogeo in occasione dell’inizio delle celebrazioni per i 500 anni dalla posa della prima pietra di Santa Maria di Campagna, previsto per il prossimo 3 aprile.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Santa Maria di Campagna, proseguono le ricerche sul cimitero paleocristiano

IlPiacenza è in caricamento