rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
La nota / Gossolengo

Scuola di Quarto, Gilda: «Per evitare il taglio è giusto rivolgersi al Tar»

Il sindacato: «La sentenza sulla scuola di Gropparello è un esempio»

La scuola di Quarto parte senza la prima classe delle elementari: il numero di bambini è insufficiente per la sua formazione. «La situazione – interviene nuovamente sulla vicenda il sindacato Gilda - è drammaticamente semplice e se la politica vuole può risolverla, l’organico delle scuole statali viene concesso dagli organi centrali e distribuito su base provinciale, successivamente secondo i parametri delle iscrizioni ripartito dall’Ufficio Scolastico Territoriale ai vari Istituti. Essi sono frutto dei tagli indiscriminati fatti all’organico dei docenti, per mero motivo di spesa pubblica, perpetrato dalla politica “finanziaria” che tutti i governi (di tutte le parti politiche!) hanno attuato o mantenuto in danno dell’Istruzione almeno dal 2008 a oggi. Siccome Il Ministero dell’Istruzione (oggi anche del Merito) quando si tratta di decisioni che comportano maggiore spesa pubblica rispetto al budget previsto non è autonomo ma di fatto commissariato, perché soggetto al placet del Ministero dell’Economia o dei suoi organi periferici (a seconda del livello decisionale) è opportuno che i partiti predispongano una norma che preveda delle deroghe ad hoc». «Un’altra azione più farraginosa – interviene Salvatore Pizzo, coordinatore della Gilda degli Insegnanti di Parma e Piacenza - sarebbe quella di impugnare al Tar, ove tecnicamente possibile, la futura distribuzione degli organici con l’obiettivo che il giudice “in nome del popolo italiano” ordini di non ridurli. Proprio una sentenza del Tar, relativa ad una scuola piacentina, quella di Gropparello, può essere un esempio che talvolta questa opzione risolve il problema seppur amaramente – conclude – e se proprio la politica non riesce l’ultima speranza per evitare l’agonia delle scuole rimane la magistratura».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuola di Quarto, Gilda: «Per evitare il taglio è giusto rivolgersi al Tar»

IlPiacenza è in caricamento