Scuola paritaria “Vittorio Montiglio” di Santiago, studenti cileni in visita in Municipio

I 13 studenti ospiti nella nostra città sono arrivati il 1° febbraio e ripartiranno il 15; frequentano le lezioni in aula con i coetanei ma hanno anche numerose occasioni di visite culturali e alla scoperta del territorio

Un momento dell'incontro

Mercoledì 5 febbraio, il sindaco Patrizia Barbieri e l’assessore alla Cultura, Jonathan Papamarenghi hanno accolto in Municipio, nella sala consiliare, gli studenti della scuola paritaria “Vittorio Montiglio” di Santiago del Cile, che in questi giorni sono ospiti a Piacenza nell’ambito di uno scambio culturale con il liceo Gioia. Dopo l’incontro istituzionale, presenti anche il dirigente scolastico del liceo Gioia Mario Magnelli e il prof. Paolo Strona, gli studenti - 13 ragazzi giunti a Piacenza assieme alle prof.sse Jacqueline Figueroa e Gianella Vindigni - hanno visitato il Duomo, anche per ammirare gli affreschi del Guercino all’interno della cupola della Cattedrale.

Lo scambio tra il liceo Gioia (in particolare la 2° Scientifico E) e la scuola Vittorio Montiglio di Santiago – in cui è previsto l’insegnamento dell’italiano dall’asilo al diploma di maturità – è il frutto del progetto “Dall’Italia al Cile: vedere l’infinito”, che ha vinto, l’anno scorso, un bando pubblicato dalla Consulta degli emiliano-romagnoli nel mondo (tra i partner dell’iniziativa anche le associazioni Dante Alighieri e Piacenza nel mondo). L’obiettivo del progetto è quello di approfondire e mettere a confronto la storia dei due Paesi, attraverso il dialogo tra le nuove generazioni.

I 13 studenti ospiti nella nostra città sono arrivati il 1° febbraio e ripartiranno il 15; come già è avvenuto per i liceali piacentini che sono stati in Cile dal 27 settembre al 13 ottobre scorsi, frequentano le lezioni in aula con i coetanei ma hanno anche numerose occasioni di visite culturali e alla scoperta del territorio. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il viaggio compiuto qualche mese fa in Sud America, per i liceali del Gioia è stato occasione di visitare luoghi culturali di rilievo, centri di interesse scientifico come un importante osservatorio astronomico, ma anche di ricordare e ripercorrere le tracce degli emigrati piacentini che hanno mantenuto saldo il legame con le proprie radici. Tra loro Ilde Campolunghi, scomparsa nel 2019, che è stata tra le più rappresentative insegnanti della scuola italiana a Santiago, dove era arrivata nel 1946 lavorando alla “Vittorio Montiglio” per quasi cinquant’anni. Per la sua attività di promozione della cultura italiana nel mondo aveva ricevuto, a Bologna, l’attestato di benemerenza da parte della Consulta degli emiliano-romagnoli nel mondo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce di strada e si ribalta in un campo, muore a 32 anni

  • Ruba scarpe da 40 euro ma nella mascherina ne ha più di 6mila: nomade denunciata

  • Nina Zilli porta Guido Meda in giro per la Valtrebbia

  • Cavo nel bosco ad altezza gola, ciclista piacentino salvo per miracolo

  • Diventano parenti al matrimonio e poi si picchiano al bar: due feriti e una denuncia

  • «Ho ucciso Leonardo, ma l’ho fatto per difendermi. Chiedo scusa alla famiglia»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento