menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(repertorio)

(repertorio)

Scuole di montagna, sufficienti 300 alunni per avere diritto al dirigente

La modifica alla normativa nazionale permette di tirare un sospiro di sollievo anche in Emilia-Romagna, dove alcune scuole delle aree montane correvano il rischio di perdere nuovamente queste figure fondamentali

Scuole di montagna, dal prossimo anno saranno sufficienti 300 alunni per avere diritto al dirigente: è stato infatti portato a 500, e a 300 in caso di complessi situati nei comuni montani, il numero di studenti iscritti per avere diritto all’assegnazione del dirigente scolastico e del direttore dei servizi generali e amministrativi. La modifica alla normativa nazionale, introdotta con la Legge di bilancio e già pubblicata in Gazzetta Ufficiale, permette di tirare un sospiro di sollievo anche in Emilia-Romagna, dove alcune scuole delle aree montane - tra cui quelle nei comuni di Bedonia (Parma) e Pennabilli (Rimini) - correvano il rischio di perdere nuovamente queste figure fondamentali e di vederle sostituite con dirigenti scolastici reggenti, incaricati presso altre istituzioni. Dal prossimo anno scolastico (2021/2022) potranno, infatti, superando la quota di 300 alunni, richiedere quanto tolto nell’anno in corso. Un risultato ottenuto anche grazie all’impegno della Regione, delle Amministrazioni comunali e delle stesse scuole, da mesi impegnate con il Governo per ottenere questa modifica.

«Siamo soddisfatte perché, anche grazie a un proficuo lavoro di squadra svolto sul territorio, è stato raggiunto un risultato molto importante per le nostre comunità appenniniche» sottolineano le assessore regionali alla Scuola, Paola Salomoni, e alla Montagna, Barbara Lori. Era una battaglia giusta, perché è giusto che le leggi vengano fatte non solo sulla base dei numeri, ma delle esigenze e delle peculiarità dei territori, soprattutto quando si parla di aree, come quelle montane, rispetto alle quali l’impegno di questa Regione per evitarne lo spopolamento e rafforzarne i servizi è massimo. Ci auguriamo vivamente- concludono Salomoni e Lori - che le soglie minime introdotte sul numero di alunni vengano mantenute anche per i prossimi anni». La precedente normativa prevedeva ‘l’acquisizione e il mantenimento della personalità giuridica’, con la conseguente assegnazione di un dirigente scolastico e di un direttore dei servizi generali e amministrativi, per gli istituti di istruzione con popolazione scolastica di almeno 600 unità, ridotto fino a 400 per le istituzioni site nelle piccole isole, nei comuni montani e nelle aree geografiche caratterizzate da specificità linguistiche. Con il cambiamento introdotto, per l’anno 2021/2022 si passa a 500 unità, che vengono ridotte a 300, appunto, per le scuole situate nelle piccole isole, nei comuni montani (è il caso dell’Emilia-Romagna) o nelle aree geografiche caratterizzate da specificità linguistiche.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

«Allargare la cava significa più inquinamento per la zona»

Attualità

Sanità, venerdì 9 aprile presidio di fronte all'Ospedale di Piacenza: «Servono risorse, non solo parole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento