"Segnalaqui", il nuovo servizio del Comune per segnalare criticità online

Con una semplice registrazione permetterà ai cittadini di comunicare agli uffici comunali in modo immediato, tempestivo e diretto la necessità di interventi di manutenzione, pulizia o riparazione di guasti

La presentazione

Era stata una delle promesse del sindaco Barbieri in campagna elettorale, e finalmente è diventato realtà: da lunedì 20 gennaio è infatti operativa, in via sperimentale, sul sito www.comune.piacenza.it la piattaforma “SegnalaQui”, che permette ai cittadini – con una semplice procedura di registrazione – di comunicare agli uffici comunali in modo immediato, tempestivo e diretto la necessità di interventi di manutenzione, pulizia o riparazione di guasti. 

«E' una piattaforma che funziona bene, facile da gestire e che abbiamo voluto fortemente per portare trasparenza nelle segnalazioni e nelle pronte risposte da dare ai piacentini» ha commentato il vicesindaco Elena Baio. «In questo modo, si riduce la distanza tra il comune e i cittadini. Abbiamo lavorato al meglio e siamo soddisfatti del risultato, speriamo sarà così per tutti».

«Questo è un altro impegno che viene rispettato e, dal punto di vista della partecipazione attiva delle persone, permette con pochi semplici click di segnalare problemi o criticità e di migliorare la città» ha aggiunto l'assessore alla Partecipazione, Luca Zandonella.

Un sistema innovativo che coinvolge, attualmente: l’Unità operativa Mobilità per le questioni riguardanti la segnaletica stradale o il malfunzionamento di impianti semaforici; i Servizi di Impatto Ambientale per le segnalazioni di rifiuti abbandonati su aree pubbliche, la pulizia stradale e la mancata raccolta di deiezioni canine, i problemi relativi a cassonetti e cestini, la presenza di animali infestanti e la segnalazione di allagamenti; la Polizia Locale in caso di veicoli abbandonati; i Servizi al Cittadino per la manutenzione delle aree cimiteriali; l’Unità operativa Manutenzione per le riparazioni di fontanelle e fontane, nonché per interventi sui servizi igienici dei parchi gioco; l’Economato per manomissioni, anomalie o furto di defibrillatori, nonché per i bagni pubblici di piazza Cavalli.

Entro il 31 ottobre di quest’anno l’utilizzo della piattaforma sarà esteso anche alle segnalazioni su impianti di illuminazione non funzionanti, trasporto pubblico, parcometri, bike sharing, buche e dissesti stradali o su marciapiedi, manutenzione di impianti sportivi, scuole, aree verdi, parchi gioco, fioriere e alberature, nonché per l’abbattimento delle barriere architettoniche.  

L’attivazione della piattaforma on line va nella direzione di ridurre ulteriormente la distanza tra Amministrazione e collettività, semplificando – grazie all’uso di una tecnologia facilmente accessibile a tutti, anche tramite lo smartphone – le modalità di contatto con gli uffici e valorizzando, sempre di più, il protagonismo attivo dei cittadini nella tutela del decoro urbano e nella gestione efficiente dei beni comuni. 

Si concretizza, così, un percorso avviato nel marzo 2018 con l’approvazione all’unanimità, da parte del Consiglio comunale, della mozione (presentata dal M5S) con cui si impegnava l’Amministrazione ad adottare un sistema di gestione informatizzata delle segnalazioni dei cittadini. Da lì è iniziato l’iter amministrativo con l’inserimento di questo obiettivo strategico nel DUP e nel PEG, affidando alla Direzione generale dell’ente il coordinamento del progetto. 

Ne è scaturito un confronto organizzativo e tecnico con tutti i Servizi comunali coinvolti (Polizia Locale, Risorse umane, Infrastrutture, Pianificazione urbanistica, Segreteria del Sindaco) che ha portato alla individuazione della piattaforma informatica per la gestione coordinata ed efficiente da parte delle suddette strutture delle segnalazioni dei cittadini sul degrado urbano e sulla necessità di interventi manutentivi di varia natura (strade, parcheggi, verde, illuminazione, rifiuti, pulizia strade).

Sono stati quindi, in un primo tempo, implementati nella piattaforma i diversi modelli organizzativi di gestione delle segnalazioni e di comunicazione al cittadino e successivamente – nell’aprile 2019 – una prima versione della piattaforma è stata presentata alla giunta. Quindi, nei mesi successivi, sono state apportate al sistema informatico modifiche, personalizzazioni e migliorie finalizzate a recepire le esigenze manifestate durante l’incontro.

In sede di Peg 2019/2021 è stata inoltre prevista la realizzazione di una serie di attività propedeutiche all’avvio del nuovo servizio, quali la presentazione della piattaforma ai dirigenti e ai funzionari responsabili, il coordinamento della formazione del personale coinvolto in tutte le strutture, la pubblicizzazione del servizio, ulteriori incontri con i servizi per la verifica di eventuali azioni correttive e altro ancora.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In questa prima fase, a seguire la formazione sono stati 18 dipendenti appartenenti a quattro settori comunali e addetti alle diverse tipologie di segnalazione, oltre al personale dell'Urp. Il canone annuale per l’utilizzo della piattaforma e dell’app ammonta a circa 6mila euro, comprensivo di tutti i costi di gestione, manutenzione e aggiornamento dei sistemi informatici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto si ribalta dopo lo schianto contro il terrapieno, muore un uomo

  • Precipita dal sesto piano, muore un giovane

  • Spostamenti tra regioni e viaggi: cosa si può fare (e cosa no) da oggi 3 giugno

  • Incastrato nell'auto ribaltata, grave incidente in via Colombo

  • Sbanda per una vespa nell'abitacolo e si schianta contro un terrapieno di cemento

  • "Litigano" su Twitter, poi s’incontrano a Piacenza e ora convolano a nozze

Torna su
IlPiacenza è in caricamento