L'evento

Seventyfive Bpm arriva in Senato, una delegazione piacentina accolta a Palazzo Madama

Nella sala "Caduti di Nassiriya" la presentazione ufficiale del cortometraggio del regista piacentino Gian Francesco Tiramani

Rosso è il colore del cuore che la piccola Cecilia si attacca al petto alla fine del film e rosso è il colore che caratterizza Piacenza: per questo ieri, martedì 18 giugno, il Senato della Repubblica si è tinto di un rosso "vivo" per la presentazione ufficiale del cortometraggio Seventyfive Bpm, targato Piacenza, che sta facendo letteralmente il giro del mondo.

Mattinata dedicata alla sensibilizzazione sul dono degli organi per dare una risposta a quelle 8mila persone che sono in attesa di un pezzo di vita per migliorare o salvare la loro. Nel prestigio della sala Caduti di Nassiriya è stata la senatrice piacentina Elena Murelli a fare gli onori di casa insieme al regista Tiramani, accogliendo Senatori, Deputati, dirigenti di Ministeri e prestigiose istituzioni sanitarie, la dirigente Gruppi dell'Ausl piacentina, la giunta nazionale Aido al completo, la nutrita delegazione del comune di Morfasso guidata dal sindaco Calestani, il presidente della Federazione nazionale dei Cineclub Caravello e giornalisti di testate nazionali ed internazionali.

In prima fila - emozionati come non mai - una parte degli attori piacentini: Federica Amorevoli, Patrizio Capelli, Pier Marra e Valentina Schiavi con la piccola Cecilia Maria Goffredi; poi altri piacentini della troupe con Valter Sirosi (presidente del Cineclub G. Cattivelli che ha prodotto l'opera), Cinzia Paraboschi e Valeria Tedaldi che sono stati calorosamente applauditi quando la giornalista Mediaset, Beatrice Bortolin, li ha chiamati uno ad uno per ricevere il grazie della sala.

L'evento è iniziato con il toccante videomessaggio del Ministro della salute Schillaci (visibile a questo link: https://youtu.be/W4-k9DOrYkI) che ha sottolineato la funzione che il film riveste nel sensibilizzare la comunità sull'importanza di dire sì alla donazione.

Diversi poi i relatori che si sono succeduti, tutti toccati emotivamente dalla visione del corto presentato per la prima volta in una nuova versione preparata appositamente per l'evento. Lo stesso Tiramani non è riuscito a trattenere l'emozione quando si è parlato della piccola che ha ricevuto un nuovo cuore a Torino.

Letto anche il partecipato messaggio inviato ai presenti dalla presidente della provincia di Piacenza, Monica Patelli che non ha voluto mancare di sostenere tutta la troupe.

Alla fine il presidente di Avionord (la compagnia aerea italiana che gestisce la maggior parte dei trasporti di organo) ha presentato una rivoluzione nel mondo del trasporto aereo di pazienti ed organi, con aeromobili che possono decollare ed atterrare verticalmente, come elicotteri, ma che poi viaggiano in crociera come normali aerei: questo consentirà di aumentare notevolmente il numero degli organi trapiantati visto che si potrà effettuare il prelievo e la consegna direttamente nelle strutture sanitarie interessate, senza ulteriori passaggi che allungano i tempi.

Diverse anche le richieste esplicite di presentazione del film per la formazione degli studenti di medicina ed infermieristica, tra le quali quella al Policlinico Gemelli ed un'altra direttamente al Ministero per i loro funzionari.

Arrivata anche la richiesta di una campagna a tappeto in tutte le università italiane partendo dal cortometraggio piacentino come strumento di comunicazione per la formazione del personale sanitario a tutti i livelli.

A chiusura dell'impegnativa mattinata c'è stato l'incontro del regista Tiramani e della presidente nazionale di Aido, Petrin, con il Presidente del Senato, La Russa, che per un ritardo nel volo che lo portava a Roma ha raggiunto i partecipanti appena dopo la chiusura dei lavori.

La conferenza stampa è stata trasmessa in diretta dal Senato stesso ed è visibile ora al seguente indirizzo: https://www.youtube.com/watch?v=u8tTm3vFvBg .

Nella descrizione del video è possibile trovare l'elenco dei vari capitoli con il minutaggio d'inizio per poter andare direttamente (cliccando sulla riga voluta) alla parte interessata.

Il messaggio della Presidente Patelli

«La proiezione in Senato di “Seventyfive Bpm” – commenta Monica Patelli, presidente della Provincia di Piacenza – rappresenta un momento di straordinaria importanza per la sensibilizzazione della cittadinanza alla donazione. Si tratta di un ulteriore e prestigioso riconoscimento che si aggiunge alla serie di importanti risultati già raccolti dal cortometraggio, accolto anche a livello internazionale con grande favore per la sua qualità e per l’importanza del messaggio, e rappresenta anche un ulteriore motivo di soddisfazione per il territorio, perché la troupe e quasi tutti gli attori sono piacentini.
A tutto lo staff che ha contribuito alla realizzazione di "Seventyfive Bpm" vanno le più sentite e sincere congratulazioni da parte dell’Amministrazione Provinciale: la storia vera che viene raccontata dal cortometraggio commuove e spinge a riflettere sollecitando la coscienza individuale e quella collettiva su alcuni dei temi più delicati, e ineludibili, della vita e delle scelte di ciascuno di noi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Seventyfive Bpm arriva in Senato, una delegazione piacentina accolta a Palazzo Madama
IlPiacenza è in caricamento