rotate-mobile
Anpas

Sicurezza in servizio, al via il corso regionale per i soccorritori

Studiato e progettato da Paolo Rebecchi per per dare risposta alla sempre maggior richiesta di sicurezza degli operatori sanitari impiegati sulle ambulanze

Dopo la presentazione Ufficiale avvenuta in ottobre alla Dallara Academy di Varano De’ Melegari, all’interno del Meeting della Formazione di Anpas Emilia Romagna, mercoledì 17 aprile a Piacenza, all’auditorium di Croce Bianca Piacenza in via Emilia Parmense, si darà il via al primo Corso Opa – Observation, Prevention, Action, studiato per dare risposta alla sempre maggior richiesta di sicurezza degli operatori sanitari impiegati sulle ambulanze.

Mercoledì ci sarà la prima edizione rivolta a soli istruttori qualificati di moduli formativi scelti, che verranno avviati all’iter per diventare a loro volta formatori di questo modulo specifico. Per scelta della direzione scientifica, il corso sarà a numero chiuso e i coinvolti saranno tutte persone di alto profilo che avranno poi il compito di «creare una cascata formativa per operatori di ambulanze» su tutta la regione.

Per l’occasione a Piacenza, tra i vari, saranno presenti anche i membri della Direzione Scientifica del movimento: Giulio Desiderio di Bologna e Cristiana Madoni, oltre ovviamente allo staff di professionisti che hanno contribuito allo studio del percorso formativo, che comprendono ex componenti delle forze dell’ordine, avvocati e psicologi. La violenza contro gli operatori sanitari, molto discussa in questi ultimi anni, può verificarsi in molteplici contesti, tra cui ospedali, ambulatori, in strada e anche sui mezzi di soccorso.

Le ragioni dietro questi atti possono essere varie, tra cui frustrazione del paziente, problemi di salute mentale, abuso di sostanze, tensioni sociali. Le conseguenze della violenza possono essere gravi, sia per gli operatori sanitari che per i pazienti stessi. Gli operatori sanitari possono subire lesioni fisiche, traumi psicologici, stress e burnout. Questo può influire negativamente sulla loro salute mentale e sul loro desiderio di continuare a operare nel settore sanitario e/o di fare Volontariato.

A tal fine è fondamentale implementare politiche e procedure che proteggano gli operatori sanitari. Anpas per trovare una soluzione al problema, ha attuato una formazione sulle tecniche di gestione dei conflitti, implementazione di sistemi di sicurezza, miglioramento della comunicazione paziente-operatore sanitario e sensibilizzazione sulla violenza. L’ideatore del Modulo Formativo Opa è il piacentino Paolo Rebecchi, dirigente Nazionale Anpas e Coordinatore della provincia di Piacenza, che tra le altre attività, vanta oltre 30 anni di esperienza tra sport da combattimento e arti marziali, con uno specifico indirizzo nella difesa personale.«Da tempo rileviamo situazioni a rischio, ritengo che ognuno debba fare la sua parte. Noi come Anpas, grazie al contributo fondamentale di professionisti di livello, abbiamo costruito un format, che ha l’obbiettivo di indentificare il prima possibile situazioni che potrebbero sfuggire di mano, mettendo in pratica delle buone prassi e un dialogo positivo nel rispetto dei pazienti e delle norme, ricordando che in situazioni di stress l’equilibrio deve rimanere il nostro punto di forza», ha dichiarato Rebecchi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicurezza in servizio, al via il corso regionale per i soccorritori

IlPiacenza è in caricamento