Sicurezza, protesta la vigilanza privata. Il 4 maggio sciopero e pullman da Piacenza a Roma

Pascai (Filcams Cgil): “Senza contratto non c'è sicurezza”. Le motivazioni della protesta del 4 maggio

Marco Pascai

“Senza contratto, non c'è sicurezza”. Il 4 maggio le lavoratrici e i lavoratori della sicurezza privata protestano in tutta Italia, e si prefigura una massiccia partecipazione alla protesta anche a Piacenza, dove lavorano oltre 400 guardie particolari giurate (Gpg) e quasi altrettanti addetti ai “servizi fiduciari” non armati. “Scioperiamo per rivendicare il diritto al rinnovo del contratto e per condizioni normative e salariali dignitose. Le esigenze di sicurezza sono in aumento, il comparto è tutto sommato in salute; in aumento sono i servizi di pubblica utilità che anche nella nostra città svolge la vigilanza privata e malgrado questo la risposta della parte datoriale è una gara al ribasso sul costo del lavoro, poche certezze sulla continuità occupazionale e la richiesta di introduzione di forme di precariato insopportabili” spiega i motivi dello sciopero Marco Pascai, della segretaria provinciale Filcams Cgil Piacenza che segue il comparto in sciopero il 4 maggio. “E' un settore, quello della sicurezza privata, che non può essere considerato un normale “appalto commerciale”. Le operatrici e gli operatori svolgono funzioni di pubblica utilità e servizi al cittadino: in questi anni il raggio d'azione della vigilanza privata è aumentato, complici anche servizi appaltati direttamente dallo Stato, ed è migliorato il livello qualitativo degli operatori. La vigilanza privata - è il ragionamento di Pascai – deve essere sullo stesso piano retributivo dei pubblici ufficiali. Occorrono certezze salariali, la garanzia di continuità occupazionali nei casi – e sono parecchi – di cessioni o affitto di ramo di azienda nel comparto della vigilanza privata. Sono i primi ad arrivare nei momenti critici, si tratti di sventare un furto o su un soccorso. La sicurezza - conclude Pascai – si garantisce solo se gli addetti alla vigilanza e della sicurezza privata possono lavorare in condizioni dignitose e consone al rischio che devono prevenire”. E' previsto in partenza dal parcheggio dello Stadio Garilli di Piacenza all'1,30 del 4 maggio un pullman organizzato da Filcams Cgil e Uiltucs (sarà presente anche il segretario provinciale Uiltucs, Vincenzo Guerriero) diretto a Roma, dove le vigilanza privata ha organizzato una manifestazione che richiamerà guardie giurate da tutte le aprti d'Italia. E folta si preannuncia la delegazione piacentina.

LA NOTA DI CISL - E' prevista la partenza del pullman organizzato dalla Fisascat-Cisl, diretto a Roma, alle ore 01:00 del 04 maggio, dal parcheggio dello Stadio Garilli di Piacenza, che raccoglierà i lavoratori che aderiscono a questa grande manifestazione nazionale. Lo stesso pullman fermerà a Parma alle 1:40 circa (parcheggio Roadhouse) per accogliere i manifestanti di Parma. Le motivazioni che hanno portato a questa scelta sono il peggiorare delle attuali condizioni praticate alle lavoratrici ed ai lavoratori del settore, che farebbero compiere al comparto della vigilanza, un salto indietro di 30 anni e spoglierebbero i lavoratori di tutele, garanzie e diritti conquistati a prezzo di sacrifici, lotte e mobilitazioni. Lo sciopero generale della categoria, è l’unico ed estremo atto di contrasto alle posizioni delle associazioni datoriali, volte a ridurre drasticamente diritti e garanzie attualmente previsti dal contratto nazionale di lavoro, scaduto oramai dal 31 dicembre 2015. Come se non bastasse, non c'è nessuna volontà a rivedere in modo favorevole le attuali tabelle salariali. La sicurezza si garantisce solo se gli addetti della vigilanza e della sicurezza privata, possono lavorare in condizioni dignitose e consone al rischio che devono prevenire, con un salario giusto e dignitoso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

Torna su
IlPiacenza è in caricamento