Martedì, 21 Settembre 2021
Attualità

Sospesi senza stipendio dieci operatori sanitari: «Inimmaginabile che lavorino a contatto con il pubblico senza vaccino»

Lo ha annunciato il Dg dell'Asl Luca Baldino: «Nei prossimi giorni altre sospensioni». Intanto quasi raggiunta la quota di 200mila piacentini vaccinati

(repertorio)

Quasi raggiunta la quota dei 200 mila piacentini vaccinati (entro la giornata di domani), ma agende mezze vuote per la prossima settimana: «Siamo vicini a vaccinare quell’80% di persone che volevano farlo, ora comincia un’altra battaglia, quella per convincere quel 20% dubbioso o che non lo ritiene opportuno». Il direttore generale dell’Asl Luca Baldino, nel corso della consueta conferenza per illustrare il report settimanale sull’andamento della pandemia Covid-19 sul territorio, ha fatto il punto anche sulla situazione vaccini, annunciando anche la misura attuata nei confronti del personale dell’azienda sanitaria locale che non ha aderito alla campagna. «Al momento sono stati sospesi senza stipendio 10 operatori sanitari, tra cui un medico - spiega il Dg - erano 11 ma uno ha poi deciso di vaccinarsi ed è stato reintegrato; probabilmente nei prossimi giorni ne sospenderò altri due o tre. Ribadisco che è inimmaginabile che un operatore sanitario possa operare a contatto con il pubblico senza essere vaccinato. Questo problema non si ripercuoterà però sui pazienti, che vengono presi in carico da altri professionisti».

                                          Report-settimanale-23-29-ago_page-0002-2

Analizzando nel dettaglio il report del 23-29 agosto, Baldino sottolinea che «nell’ultima settimana abbiamo avuto un buon livello di somministrazioni, sempre tra le 2.500 e le 3mila, in un giorno abbiamo toccato anche più di 3500 vaccini. Un tasso di copertura buono, domani avremo superato le 200mila persone, e il nostro 77,4% è molto vicino a quell’80% che è l’obiettivo nazionale».

                                     Report-settimanale-23-29-ago_page-0003-2

«Abbiamo discreti i livelli di copertura anche per fasce d’età, stiamo superando il 60% anche tra i 12 e i 19 anni, ma già dalla prossima settimana le nostre agende risultano mezze vuote, al momento abbiamo in programma solo 3mila vaccinazioni, quelle che di consueto facciamo in un giorno».

                                      Report-settimanale-23-29-ago_page-0006-2

                                       Report-settimanale-23-29-ago_page-0004-2

«Abbiamo vaccinato quell’80% di persone che volevano vaccinarsi e ora comincia un’altra battaglia – aggiunge il direttore generale dell’Asl - quella per convincere quel 20% perché dubbioso o perchè non ritiene opportuno al momento vaccinarsi. Più arriviamo vicini al 100% e prima riusciremo ad uscire da questa situazione. Possiamo dire che si è esaurita la fase delle vaccinazioni di massa, la nostra ora è una battaglia di trincea in cui dobbiamo andare a stanare quei poco più di 50mila concittadini che hanno deciso di non vaccinarsi».

                                     Report-settimanale-23-29-ago_page-0005-2

In merito all’ipotesi di un terzo richiamo «non abbiamo ancora nessuna indicazione - aggiunge - sicuramente si farà, presumibilmente intorno a novembre, partendo con gli operatori sanitari e gli estremamente vulnerabili, ma uso il condizionale perché un conto sono le discussioni scientifiche, ma è necessario attendere le linee del Governo». Per favorire ulteriormente l’adesione alla vaccinazione sono offerte sedute vaccinali in libero accesso alle quali il cittadino può accedere per effettuare la prima dose vaccinale senza prenotazione. Giorni e orari fruibili sono disponibili e aggiornati in tempo reale su: https://www.covidpiacenza.it/prime-date-disponibili-per-prenotare-lavaccinazione/#Sedute_vaccinali_con_libero_accesso. Il libero accesso è sempre possibile per ragazzi dai 12 ai 19 anni e studenti i quali possono effettuare la vaccinazione contro il Covid-19 senza appuntamento.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sospesi senza stipendio dieci operatori sanitari: «Inimmaginabile che lavorino a contatto con il pubblico senza vaccino»

IlPiacenza è in caricamento