Studenti della “Casa del Fanciullo” in visita al Genio Pontieri

I Pontieri hanno ospitato l'altro giorno presso la caserma “Ten. Filippo Nicolai”, sede del Comando del 2° Reggimento Genio Pontieri, una classe della scuola primaria paritaria della “Casa del Fanciullo” di Piacenza che ha visitato l’infrastruttura

I Pontieri hanno ospitato l'altro giorno presso la caserma “Ten. Filippo Nicolai”, sede del Comando del 2° Reggimento Genio Pontieri, una classe della scuola primaria paritaria della “Casa del Fanciullo” di Piacenza che ha visitato l’infrastruttura. La caserma oltre a costituire un importante patrimonio artistico e culturale per la città di Piacenza, custodisce preziosi oggetti storici della Prima e Seconda Guerra Mondiale.

L’iniziativa è stata particolarmente apprezzata dai bambini e dalle maestre della “Casa del fanciullo” che è una realtà educativa e di accoglienza che opera sul territorio cittadino perseguendo finalità educative e socio-assistenziali rivolte ai minori, con particolare riferimento ai ragazzi dai cinque ai diciotto anni. Una realtà creata da Padre Gherardo Gubertini, frate del convento di Santa Maria di Campagna del Terzo Ordine francescano, originario del modenese. Padre Gherardo dopo essere stato nel 1942 in Russia per oltre sette mesi, come cappellano militare, fu richiamato a Piacenza dove era stato ordinato sacerdote nel 1937. A quei soldati che non sarebbero più tornati, padre Gherardo aveva fatto delle promesse che intendeva mantenere. A Piacenza trovò tante macerie, materiali e spirituali e decise di porsi l’obiettivo di salvare tutti dalla fame, dalla miseria, dall’ignoranza e dalla strada. Tutto inizio con un doposcuola, per togliere i ragazzi delle famiglie più povere dalla strada e aiutandoli al tempo stesso nelle loro più immediate difficoltà. L’iniziativa ebbe così tanto successo che si riuscì con l’aiuto dei volontari a creare una struttura che risolvesse il problema di semi-abbandono, mettendosi al loro fianco, vivendo con loro giorno dopo giorno. Così nel dicembre del 1943 nacque vicino alla Basilica di Santa Maria in campagna, la “Casa del Fanciullo”.
La visita presso la Caserma “Nicolai” rientra in un percorso di scoperta delle bellezze storico-archittettoniche di Piacenza.  
La scolaresca ha assistito ad una breve illustrazione della storia del Reggimento, soffermandosi sulle recenti attività di pubblica utilità. In particolare sui recenti impieghi del 2° Pontieri nell’operazione “Strade Sicure” a Roma e nell’operazione “Sabina”, nelle aree del centro Italia colpite dal terremoto del 2016, per la demolizione delle infrastrutture pericolanti, la rimozione ed il trasporto delle macerie.
I giovani scolari, dopo i saluti del Comandante di Reggimento, Colonnello Salvatore Tambè, hanno potuto visitare il piazzale dell’alzabandiera, il cortile “Rebora”, la cappella ed una sala con pregevoli affreschi seicenteschi adibita a Sacrario del Reggimento che custodisce i cimeli delle due Guerre.
La visita è terminata con gli entusiasti alunni che hanno intonato, davanti il pennone della bandiera ed il monumento del pontiere, l’inno d’Italia ed una canzone di ringraziamento per l’indimenticabile esperienza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento