rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Sicurezza urbana / Calendasco

Telecamere, nuovi arredi e azioni educative per Cavallerizza e aree verdi di Calendasco

I progetti dei comuni di Piacenza e di Calendasco – quest’ultimo rivolto al parco giochi di via Anguissola e all’area verde di via Adua - finanziati dalla Regione con 175.800 euro

Telecamere, nuovi arredi e azioni educative per la Cavallerizza e le aree verdi di Calendasco. Due i progetti da attuare sul territorio piacentino, rispettivamente nel capoluogo e a Calendasco, destinatari del finanziamento della Regione, per un importo complessivo di 175.800 euro. Progetti che rientrano nei 31 Accordi di programma sottoscritti nel corso del 2021 dalla Regione con i territori per la sicurezza urbana, la prevenzione della criminalità e del disordine urbano. «Il numero più alto dell’ultimo decennio, con contributi regionali per oltre 3 milioni di euro (su un investimento complessivo che sfiora i 4 milioni) per i progetti di 24 Comuni, 6 Unioni e un’Università (Bologna)» sottolinea la nota della Regione. Nel dettaglio i due progetti della provincia di Piacenza sono i seguenti:

“Comunità Sicure” (comune di Piacenza) - Il progetto prevede un intervento di riqualificazione ambientale dell’area verde “Cavallerizza” di Stradone Farnese fondato sul potenziamento del locale sistema di videosorveglianza, l’integrazione di nuove panchine e la manutenzione straordinaria. Contestualmente si intende rafforzare l’azione educativa indirizzata alle aggregazioni giovanili che frequentano l’area. Gli interventi di prevenzione saranno accompagnati da una sensibile azione di comunicazione rivolta ai cittadini residenti, al fine di promuovere il loro attivo coinvolgimento e impegno civico. Il costo totale del progetto è di 130.000 euro e la Regione assicura un contributo di 103.800 euro.

 “On the road”(comune di Calendasco) - Il progetto è finalizzato alla riqualificazione, in un’ottica di sicurezza urbana, del parco giochi di via Anguissola e dell’area verde di via Adua. Gli interventi di prevenzione contemplano il potenziamento della pubblica illuminazione, la posa di nuovi arredi e nuovi giochi per bambini e l’installazione di telecamere di videosorveglianza. Il tutto sarà accompagnato da attività di educazione, animazione e prevenzione sociale, con il coinvolgimento di educatori di strada sull’intero territorio comunale. Il costo totale del progetto è di 91.500 euro e la Regione assicura un contributo di 72mila euro.

«Seppur i numeri del ministero dell’Interno registrino un calo costante, negli anni, di fenomeni criminosi sul nostro territorio, non sottovalutiamo né minimizziamo problemi e criticità presenti, insieme alla percezione di insicurezza dei cittadini» sottolinea il presidente Stefano Bonaccini. «Questo ci spinge ad andare avanti nei percorsi intrapresi con gli enti locali. Il nostro impegno è lavorare sulla prevenzione e promuovere lo sviluppo della qualità di vita all’interno delle comunità, sostenendo progetti promossi e realizzati dai territori». «Questa Regione - conclude - vuole essere parte attiva nelle politiche per la sicurezza urbana, affiancando il lavoro portato avanti quotidianamente da Istituzioni, Magistratura e Forze dell’ordine, cui va il nostro ringraziamento e tutta la collaborazione possibile».

Gli Accordi: le risorse stanziate dalla Regione - Interventi di “prevenzione integrata”, dove misure quali il rafforzamento di telecamere, sistemi di lettura delle targhe e illuminazione vengono puntualmente accompagnati da attività socioeducative e di animazione comunitaria che hanno l’obiettivo di prevenire: è il filo conduttore che accompagna la maggior parte degli Accordi sottoscritti tra Regione e territori. In provincia di Bologna vengono realizzati 5 progetti (di cui uno con l’Università), finanziati dalla Regione con 455.200 euro; nel modenese i progetti sono 6, con un intervento regionale di 573.000 euro; 4 nel reggiano, con 371.100 euro di contributi; per la provincia di Parma i progetti sono 4, finanziati dalla Regione con 286.800 euro. Due quelli nel piacentino, con contributi per 175.800 euro, altri due nel ferrarese (240.400 euro dalla Regione). In provincia di Forlì-Cesena vengono realizzati 3 progetti, con 292mila euro di contributi; altri 3 in provincia di Ravenna, finanziati dalla Regione con 327.400 euro. Infine, due progetti in provincia di Rimini (con 297.500 euro di sostegno). Dal 2015, la Regione Emilia-Romagna ha finanziato 149 progetti/accordi dedicati alla sicurezza dei cittadini, stanziando oltre 10,5 milioni di euro, con un andamento in crescita.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Telecamere, nuovi arredi e azioni educative per Cavallerizza e aree verdi di Calendasco

IlPiacenza è in caricamento