rotate-mobile
Mercoledì, 8 Febbraio 2023
Attualità

Una tessera da 50 euro per visitare più volte tutti i musei di Piacenza

Rivisto e rinnovato il protocollo tra tutte le realtà museali cittadine. La card ha validità per un anno. Quella dedicata ai turisti (un solo ingresso per museo) a 35 euro

“ReteMuseiPiacenza” si rinnova. La collaborazione tra Musei civici di Palazzo Farnese, Museo civico di Storia naturale, Galleria d’arte moderna Ricci Oddi, Musei ecclesiastici diocesani, Opera Pia Alberoni, Fondazione Istituto Gazzola, Ente Museo Palazzo Costa, Piccolo Museo della Poesia

Fondazione di Piacenza e Vigevano e Museo Scalabrini prosegue e si consolida tra visite guidate nel periodo natalizio e le nuove card promozionali di visita, della durata di 72 ore o con abbonamento annuale. Nell’occasione, è stato sottoscritto ufficialmente dai rappresentanti di tutte le realtà coinvolte il Protocollo d'intesa che rinnova, integra ed estende la collaborazione tra le istituzioni culturali e artistiche del territorio.

«Oggi è una giornata importante - ha detto la dirigente della cultura Antonella Gigli, facendo le veci dell’assessore Christian Fiazza, bloccato dal Covid - per la rete dei musei, perché la card è stata rinnovata, vede ora l’ingresso del museo dedicato a monsignor Scalabrini e la card viene modificata. Avevamo un biglietto cumulativo che durava un anno intero, permettendo ai visitatori di vedere una sola volta tutte le realtà museali piacentine. Abbiamo modificato trasformando la Card, che era rivolta soprattutto ai turisti. Sarà ora possibile visitarli anche più volte. Così sarà più utile per i piacentini o per chi viene più spesso a Piacenza».

In pratica si tratta di un abbonamento da 50 euro, con il quale si può visitare più volte le realtà museali. Tre euro dei 50 dell’abbonamento andranno, per volere delle realtà culturali, alla Casa di Iris, l’hospice cittadino.

C’è anche la da 35 euro per i turisti, per visitare una sola volta tutte le realtà museali cittadine, nel giro di 72 ore (tariffa ridotta a 20 euro per i giovani tra i 6 e i 26 anni e per gli over 65). Gratuità invece per i disabili (e un accompagnatore) e per i bambini sotto i 6 anni.

Le tessere sono in vendita nelle biglietterie dei rispettivi musei e nelle librerie Fahrenheit, Pagine, Romagnosi, Coop e Saphira a Grazzano Visconti.

Erano presenti alla firma del nuovo protocollo, oltre ad Antonella Gigli, direttrice dei Musei Civici e dirigente del Servizio Cultura, anche Manuel Ferrari, direttore dell’Ufficio per i Beni Culturali Ecclesiastici e l’Edilizia di Culto della Diocesi di Piacenza-Bobbio, Lucia Pini direttrice della Galleria d’arte moderna Ricci Oddi, Mario Magnelli, vice presidente della Fondazione di Piacenza e Vigevano, Giorgio Braghieri, presidente e legale rappresentante di Opera Pia Alberoni, Alessandro Malinverni, direttore della Fondazione Istituto Gazzola, Marco Horak, conservatore e responsabile dell’Ente Museo Palazzo Costa, Agnieszka Joanna Maksymiuk delegata dal rappresentante legale del Museo Scalabrini, Padre Domenico Colossi e Massimo Silvotti, direttore del Piccolo Museo della Poesia. Ha partecipato all'incontro anche Sergio Fuochi, presidente dell’associazione Insieme per l’Hospice, in quanto parte del ricavato legato agli incassi delle card andrà alla Casa di Iris.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una tessera da 50 euro per visitare più volte tutti i musei di Piacenza

IlPiacenza è in caricamento