menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tre chilometri nelle acque del Po, per richiamare l’attenzione sulla necessità di estendere il Parco fluviale del Trebbia

Tre chilometri ecologici e a braccio sul Po, la cui IV edizione ha suscitato un notevole interesse per il suo significato simbolico e propositivo

Il lussureggiante verde che si estende sulla riva destra del Po a valle della foce del Trebbia va tutelato e conservato per il diletto e la salute dei piacentini.  La necessità di estendere l’attuale Parco fluviale del Trebbia alla bella riva padana, ancora “naturale”, preservata o poco antropizzata (Pontieri, Vittorino, Nino), è la musa ispiratrice della “Trebbia Nino”: 3 Km ecologici e a braccio sul Po, la cui IV edizione ha suscitato un notevole interesse per il suo significato simbolico e propositivo.

Nel giorno di San Rocco 2020, un cielo plumbeo e un’improvvisa pioggerella nel deserto domenicale fluviale padano, anche grazie al Covid 19, hanno creato un’atmosfera suggestiva e meditabonda. Protagonisti del pomeriggio sono stati i due battellieri più forti del momento: Giovanni Beretta Anguissola per la Nino Bixio e Carlo Losi per la Vittorino da Feltre, che hanno monitorato i due nuotatori: Marina Guagliumi da Trevozzo e il veterano Francesco Molina da Bettola.  Nell’ attesa, ormai ultra decennale, che il grande fiume divenga finalmente sano e vivibile, il mitico gerontologo Carlo Mistraletti Della Lucia ha dovuto rassegnarsi, per questa volta, al ruolo di organizzatore affinché si disponesse di una imbarcazione fidata per ogni nuotatore e di reporter.

Nel corso dell’impresa durata circa un’ora, i nostri non hanno incontrato anima viva sul percorso fluviale (hanno incrociato solo una canoa biposto guidata dal cardiologo Massimo Piepoli e dall'avvocato Luca Grassini); all’arrivo accolti anche dal presidente della canottieri Nono Bixio Mario Bonvini, i naviganti padani hanno partecipato al finale della festa dell’“anguriata”  con Carlo Bonino, Chicco Bertè, Pietro Milani, Sandro Navelli e altri amici.

Nelle immagini: in primo piano il battelliere Carlo Losi;  nel gruppo a sinistra Carlo Losi, Francesco Molina, Marina Guagliumi, Carlo Mistraletti, Carlino Bonino.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

«Allargare la cava significa più inquinamento per la zona»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento