menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un elmo dei vigili del fuoco (foto Gatti)

Un elmo dei vigili del fuoco (foto Gatti)

«Troppe lacune nella caserma, noi vigili del fuoco dimenticati dallo Stato. Intervenga il Comune»

Il sindacato Conapo: «Mancano completamente sia il marciapiede sia l’illuminazione sull’ultima parte del percorso per arrivare al comando, l’uscita dei mezzi di soccorso risulta non essere sufficientemente segnalata sia per l’assenza di una incisiva ed efficace segnaletica verticale e orizzontale sia per la vetustà dell’impianto semaforico»

«Amati dalla gente e dimenticati dalle istituzioni. Troppo spesso questo luogo comune risulta essere quanto di più vero si possa scrivere del corpo nazionale dei Vigili del Fuoco, giova ricordarlo soprattutto in questo periodo nel quale l’approssimarsi di appuntamenti classici come la celebrazione della patrona dei pompieri, Santa Barbara e di un appuntamento ormai consueto quale il festeggiamento dell’Epifania, evento profondamente amato dai bimbi di Piacenza, avvicina considerevolmente il nostro Comando alla popolazione». Scrive in una nota il sindacato Conapo.

«Vogliamo approfittare dell’occasione per sensibilizzare le istituzioni locale e in particolare il Comune in merito ad alcuni problemi inerenti in particolare la sede centrale del comando di strada Valnure e il suo collocamento all’interno del tessuto urbano della città. In particolare - prosegue la nota - vogliamo soffermarci sul fatto che, come è noto, essendo alcuni uffici aperti al pubblico manca completamente la possibilità da parte dell’utenza di recarsi a piedi alla nostra sede in quanto da sempre mancano completamente sia il marciapiede sia l’illuminazione sull’ultima parte del percorso. Tutto ciò viene acuito dalla assenza di una fermata dei mezzi pubblici al servizio della caserma e dalla assenza di un attraversamento pedonale adeguatamente segnalato che consenta di usufruire dell’antistante parcheggio in sicurezza».

E ancora: «Inoltre l’uscita dei mezzi di soccorso risulta non essere sufficientemente segnalata sia per l’assenza di una incisiva ed efficace segnaletica verticale e orizzontale sia per la vetustà dell’impianto semaforico (peraltro integralmente importato dalla vecchia sede) che non comprende le “lanterne centrali” risultando così poco visibile. Contestualmente la mancanza di adeguata segnaletica rende di difficile comprensione quale sia il limite di velocità nel tratto di strada antecedente il Comando in quanto non è chiaramente specificato il confine della città e quindi l’inizio della zona all’interno della quale vige l’obbligo dei 50 chilometri orari. Tutto ciò influisce pesantemente sulla sicurezza sia dei mezzi di soccorso al momento della loro uscita sia sull’incolumità degli automobilisti come peraltro testimoniano i vari incidenti già successi in prossimità della sede».

«Queste - conclude il sindacato - a nostro avviso fondamentali problematiche sono chiaramente già state poste ufficialmente all’evidenza degli uffici preposti del Comune senza peraltro aver ottenuto nessuna risposta ufficiale. Fermo restando siamo consci delle difficoltà e dei tagli con i quali gli enti locali devono quotidianamente fare i conti riteniamo imprescindibile un intervento incisivo dell’Amministrazione comunale al fine di risolvere o quantomeno mitigare le problematiche esposte sia per garantire la sicurezza dei cittadini e sia, perché no, per farci sentire una volta tanto istituzionalmente importanti non solo per quello che facciamo ma anche per quello che rappresentiamo. Dimenticati spesso dallo Stato speriamo di non essere dimenticati dalla nostra città».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Isa Mazzocchi è la "chef donna 2021" per Michelin

Ultime di Oggi
  • Economia

    Elezioni del CdA Terrepadane: Coldiretti contro Coldiretti

  • Economia

    Coldiretti: «Al Consorzio Agrario chiediamo più trasparenza»

  • Cronaca

    Covid-19: 24 nuovi casi e nessun decesso nel Piacentino

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Isa Mazzocchi è la "chef donna 2021" per Michelin

  • Cronaca

    «Quando permetti alla mafia di entrare in casa tua, hai già perso tutto»

  • Attualità

    Un premio di laurea per ricordare Fausto Zermani

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento