Attualità

Tumore al seno, Schianchi: «Con la presenza di sintomi sospetti visita ed esami entro 72 ore»

Il direttore Usl, Luca Baldino: «Per le donne da 45 a 75 anni l’adesione allo screening è la forma migliore di prevenzione»

«Il tumore al seno è una malattia che fa paura, perché coinvolge la donna in tutta la sfera della sua esistenza: quella personale, oltre che ovviamente quella sanitaria. La diagnosi precoce è una delle armi migliori che abbiamo per contrastarlo». Lo ricorda Luca Baldino, direttore dell’Azienda Usl di Piacenza: per le donne da 45 a 75 anni l’adesione allo screening è la forma migliore di prevenzione. Ma le donne che riscontrano sintomi quali arrossamenti, presenza di piccoli noduli o dolore al seno, hanno in provincia di Piacenza, come in tutta la regione, un percorso dedicato. Rosella Schianchi, direttrice del Centro Salute Donna di Piacenza, raccomanda: «In casi come questo è importante rivolgersi al proprio medico di fiducia che prescriverà un esame clinico-strumentale: l’appuntamento al Centro Salute Donna sarà fissato entro 72 ore e la visita senologica sarà completata dalla mammografia o dall’ecografia in funzione dell’età della donna. Anche nel caso ci fosse necessità di ulteriori approfondimenti, l’intero percorso sarà comunque gratuito e le prenotazioni gestite direttamente dal Centro Salute Donna». «Ma, è importante effettuare controlli - continua l'esperta - anche quando non siano presenti sintomi allarmanti». In questo caso il medico di famiglia prescriverà una visita senologica, il tempo d’attesa massimo è di 90 giorni per le donne di età inferiore a 40 anni.  Qualora il senologo, al termine della visita, lo ritenesse opportuno potrà consigliare approfondimenti strumentali che, saranno prenotati direttamente dal Centro Salute Donna.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tumore al seno, Schianchi: «Con la presenza di sintomi sospetti visita ed esami entro 72 ore»

IlPiacenza è in caricamento