Università Cattolica

Un’app per il Pnrr, spesa online e mobilità alternativa: i business plan degli studenti

Undicesima edizione per i progetti d’impresa proposti dagli studenti del corso di laurea Magistrale in gestione aziendale, tra sostenibilità ambientale e sociale

Un’app per il Pnrr, spesa online con risparmio e mobilità alternativa. Sono alcune delle proposte emerse nell’undicesima edizione per i progetti d’impresa proposti dagli studenti del corso di laurea Magistrale in gestione aziendale dell’Università Cattolica del professor Fabio Antoldi. Gli allievi hanno presentato i propri lavori ad una commissione di esperti (imprese, banche, associazioni di imprese, startupper), per formalizzare, dopo oltre tre mesi di lavoro, la loro idea di business e dimostrare di aver appreso come formalizzare in maniera efficace, all’interno di un documento fondamentale come quello del business plan, scelte strategiche di medio-lungo termine, con particolare riferimento all’avvio di una nuova impresa.

I progetti proposti dagli studenti si caratterizzano tutti per la forte valenza innovativa e per la presenza di una componente di sostenibilità ambientale e sociale. Questo tipo di prova, inserito all’interno del corso di laurea, è relativo alle conoscenze specialistiche dei processi di governo, di gestione, di organizzazione nei vari tipi di aziende e di aggregati interaziendali; propone una visione sistematica dei fenomeni economici, sociali, giuridici, culturali e tecnologici in linea con le evoluzioni recenti, le istanze di cambiamento e la prospettiva internazionale nelle aziende di diverse dimensioni. Inoltre, l’acquisizione di modelli e strumenti avanzati, anche quantitativi, per la gestione dei processi decisionali nelle diverse funzioni aziendali. Ed ancora: consente un solido approfondimento delle logiche della gestione manageriale (efficienza, economicità, flessibilità, sostenibilità), le capacità di comunicazione, di lavoro in team, di apprendimento, di iniziativa e di leadership, di gestione dei conflitti, di sviluppo dei processi di cambiamento ed innovazione aziendale e l’utilizzo fluente, in forma scritta e orale, di due lingue dell’Unione Europea, con particolare riferimento al lessico disciplinare.

Tre le commissioni che hanno presentato i loro progetti sono state premiate la “sharing mobility”, la “info +” e la “Cip list”. La prima (con un investimento potenziale di 54.0000 euro) era relativa ai mezzi di locomozione alternativi con abbonamenti; la seconda (con un investimento virtuale di 46.000 euro) è un’applicazione che consente di entrare in contatto con professionisti per la stesura dei piani relativi al Pnrr; la terza consente di predisporre liste della spesa ed acquisti on line risparmiando tempo e denaro. Tutti i progetti, al di là del risultato, sono stati comunque apprezzati dalla Commissione di esperti che si è complimentata con gli studenti del professor Antoldi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un’app per il Pnrr, spesa online e mobilità alternativa: i business plan degli studenti
IlPiacenza è in caricamento