Martedì, 28 Settembre 2021
Attualità

«Un documento per contrastare l'infiltrazione della criminalità, salvaguardare i diritti e tutelare il lavoro»

I vertici di Cgil, Cisl, Uil, insieme a Libera hanno presentato un documento per contrastare l'illegalità

Un documento per contrastare l'infiltrazione della criminalità, salvaguardare i diritti e tutelare il lavoro. Questi gli argomenti della videoconferenza tentuta dai vertici di Cgil, Cisl, Uil, insieme a Libera! Associazione nella mattinata di venerdì 19 marzo. Il quadro delle illegalità - nelle sue diverse forme, a partire da quelle che investono il lavoro, oltre all'infiltrazione della criminalità organizzata nella economia legale - rappresentano una grave emergenza in tutta la regione. L'azione di contrasto ai principali fenomeni di illegalità deve vedere protagoniste le istituzioni locali e l'insieme dei soggetti economici e sociali, e l'associazionismo, al fine di attivare concrete misure di prevenzione.

«Ci vuole la costituzione di un Tavolo della legalità nel territorio di Piacenza, con una funzione pro-attiva per quanto riguarda la cultura della legalità, con l'intenzione di formalizzare obiettivi e impegni finalizzati ad attivare efficaci misure di contrasto ai tentativi di infiltrazione nell’economia legale da parte della criminalità organizzata, in particolare di quella mafiosa e per il contrasto al lavoro irregolare e al caporalato» hanno spiegato i referenti sindacali. «Piacenza ha bisogno di uno scatto d'orgoglio dopo le varie vicissitudini che sono capitate negli ultimi anni in relazione a questo tipo di problema, dal processo "Grande Drago" al caso "Grimilde"».

Si propone che facciano parte del Tavolo la Prefettura, gli Enti Locali del territorio di Piacenza (Provincia, Comune capoluogo e Unioni), le Organizzazioni sindacali, le Associazioni d'impresa e l'associazionismo antimafia. Finalità, ambiti di intervento e funzionamento del Tavolo dovranno essere definiti con specifico regolamento, inclusa la possibilità di avvalersi di esperti in materia di criminalità organizzata, infiltrazioni mafiose sul territorio emiliano-romagnolo e gestioni dei beni/aziende sequestrati/confiscati alle mafie.

Il Tavolo provinciale dovrà altresì dare vita all'Osservatorio locale e centro studi sulla criminalità organizzata, favorendo la promozione di centri per la legalità e la cittadinanza responsabile, con particolare attenzione alla formazione delle nuove generazioni ed alla definizione delle attività di promozione della legalità sviluppabili in collaborazione con le istituzioni scolastiche.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Un documento per contrastare l'infiltrazione della criminalità, salvaguardare i diritti e tutelare il lavoro»

IlPiacenza è in caricamento