rotate-mobile
Lunedì, 15 Aprile 2024
Il murale

Un murale che racconta la storia dell'uomo per riqualificare via Negri

Inaugurato questa mattina il progetto di riqualificazione dei laboratori scolastici di via Negri

È stato presentato questa mattina in via Negri l'esito dell'intervento - promosso dalla Provincia di Piacenza - di realizzazione del murale che cambia il volto di uno degli edifici presenti nel plesso scolastico, in particolare di una delle strutture destinate ad attività laboratoriali. Erano presenti al “taglio del nastro” la vicepresidente Patrizia Calza e le dirigenti scolastiche del liceo "Cassinari", Sabrina Mantini, e dell'istituto "Isii Marconi" Cristina Rebecchi, oltre all’assessore comunale Francesco Brianzi. L’opera è dell’artista Fabio Guarino, già noto a Piacenza per simili iniziative, che ha partecipato alla realizzazione del progetto con l'associazione Diciottotrenta: con lui, insieme ai docenti che li hanno accompagnati nel percorso, ragazze e ragazzi impegnati da un lato nella realizzazione del murales e dall'altro lato nella registrazione dei podcast che hanno affiancato l'intervento.

«Affidare ai ragazzi la riqualificazione di questi laboratori - ha detto Calza -, quindi una parte dello spazio pubblico di proprietà della Provincia, è una sfida vinta, perché il risultato è veramente ammirevole. Non si tratta solamente di bei disegni e di bellissimi colori che rendono più bello questo spazio e quindi ispirano al maggior rispetto, che era l’obiettivo da raggiungere. Ma hanno anche raccontato una storia, il tema della nascita dell’uomo e la sua evoluzione fino ai giorni nostri. Questo dimostra che, dietro al disegno, c’è una progettualità, un pensiero, un’elaborazione di una storia da rappresentare attraverso le capacità pittoriche. Spero di riuscire nel futuro ad affidare a loro altri progetti di questo tipo».

murale via negri-4

A dettagliare senso e caratteristiche del murales è stato l’artista Fabio Guarino (che ha partecipato con l’associazione Diciottotrenta), che si è detto orgoglioso di un risultato “superiore alle attese” e felice di aver potuto trasmettere il valore della street art a ragazze e ragazzi, elogiati anche per la bravura nel coordinarsi tra loro durante il lavoro.

Con lui, insieme ai docenti che li hanno accompagnati nel percorso, ragazze e ragazzi impegnati da un lato nella realizzazione del murales e dall’altro lato nella registrazione dei podcast che hanno affiancato l’intervento: hanno espresso la soddisfazione per la possibilità avuta e per aver completato un progetto che unisce la bellezza e lo stimolo al senso civico, in un’ottica di servizio alla comunità.

Il murales è stato ideato e realizzato, sotto la supervisione e la guida dell’artista Fabio Guarino e del professor Nicola Traversoni, dalla Classe V Arti Figurative del Liceo Artistico Statale “B. Cassinari” - A.S. 2023/2024: Anelli Max, Armijos Andrea Alejandra, Balduzzi Alice, Baronchelli Lucrezia, Caponetti Emma, Costantini Son, Fava Alessandra, Freda Mao, Genovese Sara, Giorgio Michela, Mercurio Marisol, Senalin Vega Maria Andrea, Tiberino Camilla, Vercesi Riccardo, Zambelli Annalisa. In parallelo hanno affiancato l’intervento Deraoui Zakaria e Monfasani Davide con il gruppo podcast dell’istituto statale “ISII Marconi” di Piacenza, e fondamentale è stato l’apporto delle professoresse Barbara Scaravonati del Liceo Artistico Statale “B. Cassinari” e Ilaria Tiberio dell’istituto statale “ISII Marconi”.

Il murales raffigura un viaggio, che lo spettatore compie percorrendo la parete, riguardante la storia del mondo. Il percorso si svolge da sinistra a destra; si apre con una figura femminile che rappresenta Madre Natura sotto forma di nebulosa, la quale dà inizio alla creazione. A partire da questo personaggio ci siamo collegati al tema dello spazio, attraverso pianeti, stelle e satelliti. Dalla nascita dell'Universo si passa ai microrganismi, ovvero le prime forme di vita esistenti, che in seguito vanno a formare la vegetazione, raffigurata da una pianta. Questa è seguita da una citazione alla grotta di Lascaux, luogo dei primi segni della presenza dell'umanità sulla Terra. In seguito abbiamo inserito elementi architettonici che vanno a interagire con quelli preesistenti. Per collegarci alle varie scoperte dell'uomo abbiamo inserito strumenti tecnologici antichi e recenti, come l'astrolabio, cartine geografiche e squadre; fino ad arrivare alla scienza moderna, rappresentata da ampolle, atomi e DNA. Queste scoperte si sviluppano tanto da permettere all'uomo di raggiungere lo spazio grazie a uno Shuttle, tornando così all'origine. La scelta dei colori gioca sul contrasto fra lo sfondo, principalmente viola in quanto ricorda lo spazio, e i soggetti che richiamano toni caldi (giallo, arancione, rosso). Dal momento che la composizione è molto articolata abbiamo optato per l'utilizzo di campiture piatte, che fanno risaltare il disegno rendendolo più immediato. - Classe V Arti Figurative Liceo Artistico Statale “Cassinari” di Piacenza

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un murale che racconta la storia dell'uomo per riqualificare via Negri

IlPiacenza è in caricamento