menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Un papà: «Il primo giorno di lezione online è stato un incubo»

Lo sfogo di un padre di una studentessa del Respighi: «Immagini ferme o fuori fuoco, audio incomprensibile. Non si poteva fare qualche test di prova in precedenza?»

«Sono il papà di una allieva del Liceo Respighi che ieri è tornata a scuola e oggi, per la prima volta, doveva seguire le lezioni da casa per rispettare i regolamenti interni decisi dall’istituto che prevedono un’alternanza a causa della ridotta disponibilità delle aule. Bene, oggi per mia figlia è stato un giorno completamente buttato: impossibile seguire quanto dicevano gli insegnanti con un video che si vede a scatti (quando si vede, perché a tratti l’immagine si ferma ed è completamente fuori fuoco) e un audio assolutamente incomprensibile. Verificato che la connessione utilizzata a casa è ottima, considerato che disponiamo di una fibra ottica perfettamente funzionante che oggi garantiva oltre 65 mega in download, ci siamo comunque confrontati con altri genitori che hanno riscontrato la stessa problematica.

Fra l’altro il gruppo che era a casa nella giornata di ieri ha lamentato (e segnalato) le stesse difficoltà anche a causa di strumentazioni all’interno dell’istituto che non funzionavano correttamente.

La domanda che vorrei porre ai dirigenti responsabili è: la scuola è chiusa da più di sei mesi, non era possibile almeno effettuare un test per capire se la connessione avrebbe retto a un numero di accessi elevato? Perché nel momento della riapertura ancora non funziona un servizio che dovrebbe essere di base, visto il momento, come la connessione internet? Come è possibile che nonostante tutto il tempo a disposizione non si sia pensato a una soluzione veramente fruibile dagli studenti, che ora di fatto saranno costretti a perdere ulteriori giorni di lezione?

Io credo che i nostri ragazzi stiano dando dimostrazione di disponibilità e di buon senso, ma noi adulti non riusciamo a fare un passo concreto verso di loro, complicando ulteriormente un periodo già di per sé complesso».

Grazie

Lettera firmata

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Usb: «Non saremo con i Si Cobas davanti alla Cgil»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento