Vigoleno, Epas a caccia di fenomeni paranormali all'interno del castello

Per una notte gli esperti dell'European Paranormal Activity Society hanno condotto un sopralluogo mirato da una parte a raccontare la storia del celebre maniero, dall’altro a verificare eventuali eco del passato e tracce di possibili presenze paranormali

Un momento dell'iniziativa

La notte tra il 28 e il 29 settembre scorsi, Epas (European Paranormal Activity Society) ha condotto un’indagine all’interno del magico castello di Vigoleno. Un sopralluogo mirato da una parte a raccontare la storia del celebre maniero, dall’altro a verificare eventuali eco del passato e tracce di possibili presenze paranormali. In campo, oltre alla sezione piacentina dell’associazione, anche una delegazione della sezione di La Spezia: il team è stato accompagnato dalla dottoressa Lisa Massari, responsabile dell’ufficio turistico del Comune di Vernasca, che ha illustrato le peculiarità storiche e artistiche del borgo di Vigoleno in un racconto dettagliato e preciso che andrà ad arricchire anche il futuro documentario, disponibile a breve sui canali Facebook e Youtube dell’associazione. Gradita sorpresa anche da parte del vicesindaco di Vernasca, Marco Mariani, che si è unito alla spedizione in piena notte.

I tecnici Epas erano attrezzati con telecamere e fotocamere in grado di percepire infrarossi e ultravioletti, telecamere termiche, misuratori di campi elettromagnetici, microfoni digitali ultrasensibili, rilevatori di movimento. Strumenti in grado, secondo la tradizione scientifica, di rilevare eventuali presenze o fenomeni di natura paranormale. A fine indagine il materiale raccolto è risultato davvero ingente e saranno necessari alcuni giorni per verificare eventuali prove concrete. Senza dubbio, però, si sono verificati episodi degni di nota, anche se al momento si possono definire solo avvenimenti “curiosi e singolari”. Per esempio, all’interno del mastio, precisamente al primo piano, alcuni dei presenti hanno accusato un forte senso di spossatezza e un calo di energie. Ma è stato il Museo degli Orsanti a regalare le esperienze più significative. I ricercatori del passato insegnano che spesso le presenze sono in grado di ascoltare i “vivi”, a volte addirittura di rispondere. Ebbene, alla domanda “Vi diamo fastidio? Volete che ce ne andiamo?” i misuratori di campi elettromagnetici e i rilevatori di movimento si sono attivati senza un apparente motivo logico, mentre la temperatura interna alla stanza ha subìto un calo drastico e improvviso. Pochi istanti dopo, il microfono a filo indossato da uno dei ricercatori si è staccato di netto dai suoi abiti finendo a terra.

Episodi che si spera possano essere confermati dalle registrazioni e dagli strumenti: “Se avvenimenti o sensazioni non trovano conferma in video, immagini o registrazioni, per noi restano solo esperienze personali di cui non tenere conto – spiega il presidente della sezione piacentina di Epas, Marcello Chichinato – la nostra ricerca, infatti, si sforza di mantenere un’impronta scientifica. Teniamo presente poi che oltre alla verifica di eventuali fenomeni paranormali, le nostre indagini mirano a far conoscere luoghi o edifici di interesse storico. Ogni nostro sopralluogo è destinato a diventare un documentario e i nostri canali Youtube e Facebook hanno migliaia di follower: in questo modo sentiamo di contribuire in maniera fattiva alla promozione del territorio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Al fisco 5mila euro e lavoratori in nero ma in casa un tesoro da mezzo milione: ristoratori indagati

  • Piacenza e l'Emilia-Romagna in zona arancione: quello che c'è da sapere

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

Torna su
IlPiacenza è in caricamento