rotate-mobile
L'annuncio / Vigolzone

Vigolzone, Argellati si ricandida: «Orgoglioso di quanto fatto, si va avanti»

Il sindaco cerca il bis: «Abbiamo aiutato tutte le categorie sociali, il paese è più attrattivo. La casa di riposo è il progetto che mi sta più a cuore. Ho una bella squadra, riconfermata in blocco»

Non era un mistero, ma ora ogni dubbio è fugato. Gianluca Argellati si ricandida a sindaco di Vigolzone con la sua lista civica “Uniti per Vigolzone”, sostenuta dai partiti del centrodestra, d’altronde lo stesso sindaco uscente è vicesegretario provinciale di Forza Italia. Le elezioni amministrative si terranno il prossimo 9 giugno, in concomitanza con le Europee.

«Mai avuto dubbi su una ricandidatura - spiega Argellati -, l’ho sempre detto che il percorso di un sindaco è di dieci anni. Pur avendo svolto gran parte del programma elettorale, il 90-95% di quanto promesso nel 2019, abbiamo l’obbligo di terminare ciò che abbiamo iniziato». Ovvero? «La cosa che mi sta più a cuore è la partenza dell’iter per la casa di riposo. Mi incita a proseguire per i prossimi cinque anni. I lavori partiranno entro l’anno per il centro diurno. Nei cinque anni che verranno lo finiremo, contro chi sta gufando perché ciò non avvenga. Ma è un’opera essenziale per i vigolzonesi e anche per l’Unione. E realizzeremo la pista ciclopedonale da Villò ad Albarola».

«AMO AVERE UN FILO DIRETTO CON TUTTI»

Un mandato contrassegnato anche dalla pandemia. «Il programma è stato realizzato nonostante quello che è successo nel 2020, anno che ha rappresentato un banco di prova importante e penso che sia servito a fare capire i cittadini di Vigolzone la mia indole». Argellati, oltre che di opere, ne fa un discorso anche di atteggiamento. «La promessa più importante della campagna elettorale fu che avrei ascoltato tutti, senza chiudermi nel mio ufficio, mettendomi totalmente al servizio della cittadinanza. Amo avere un filo diretto con tutti, non sempre le risposte possono essere totalmente accomodanti, però quando si ha un rapporto con i cittadini si trova una soluzione. Il mio numero di telefono è ovunque, sono in tutti i gruppi di vicinato di Vigolzone».

QUASI TUTTI CONFERMATI

Il sindaco conferma in blocco i suoi assessori - «saranno tutti in lista, sono orgoglioso di loro, il programma realizzato non è frutto del “sindaco Argellati” ma “dell’Amministrazione Argellati”» - e anche i consiglieri uscenti, unica eccezione il 27enne Marco Paganelli che si candida a sindaco di Farini, suo paese d’origine. «Squadra che vince non si tocca e per quanto riguarda l’assenza di Paganelli, sono orgoglioso che si candidi a sindaco. Era una figura fondamentale, ci ha aiutato molto ed è cresciuto in cinque anni. Ha questa vocazione per la montagna, mai rinnegata e sono contento che faccia questo passo. Mi ha chiesto consigli, è un giovane capace che farà bene». Argellati, comunque, rimarca anche l’attivismo del suo gruppo civico: «oltre ai candidati ci sono uomini e donne che ci aiutano esternamente, nel corso degli anni abbiamo accolto nuove persone, gente che si prodiga perché vuole bene al paese».

«PER QUALCUNO ERA UN PROGRAMMA IRREALIZZABILE»

In questi giorni è stata distribuita in tutte le case una brochure che racconta gli ultimi cinque anni. «Siamo intervenuti su tutte le categorie sociali, dai bambini agli anziani, con opere di sostentamento, bonus bebè.  Abbiamo migliorato la qualità della vita con riqualificazione dei parchi gioco. Vigolzone deve crescere come attrattività, oggi è un posto migliore dove vivere rispetto a cinque anni fa. È una comunità ideale per le famiglie, un paese a loro misura». «Mi sono sempre sentito dire dalla minoranza - prosegue il sindaco - che il nostro programma era “irrealizzabile e frutto di utopie” che “ambizioso” ed è stato un orgoglio guardare alle cose fatte».

L’AGENDA FUTURA

Il prossimo programma? «Cinque anni fa - conclude Argellati - promettemmo manutenzione ordinaria e straordinaria costante, cura dei cimiteri, cura per le strade. Ci sarà sempre attenzione sul sociale e per le famiglie. Il bonus bebè è strutturale negli anni, rimarrà. L’attenzione al cittadino sarà maggiore, il contribuente non deve essere schiacciato ma aiutato. Come ci sarà sempre un punto d’ascolto per chiunque ne abbia bisogno. Il programma elettorale lo stiamo costruendo, ci sarà qualcosa d’interessante in più che ora non voglio divulgare, ma niente cattedrali nel deserto». L’obiettivo è quello di «rendere Vigolzone sempre più attrattivo e non un dormitorio come era stato in passato».  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vigolzone, Argellati si ricandida: «Orgoglioso di quanto fatto, si va avanti»

IlPiacenza è in caricamento