Martedì, 28 Settembre 2021
Attualità Travo

#VivalAppennino2021 e nuovi stili di vita, se ne parla con la scrittrice Letizia Bricchi a Travo

Giovedì 19 agosto alle 21.00, nella splendida cornice delle Serate letterarie Giana Anguissola, Anna Leonida e Tiziana Albasi dialogheranno con Letizia Bricchi autrice del libro “La sindrome di Teodora. Riflessioni sulla crisi ecologica”

Proseguono gli appuntamenti del contest #VivalAppennino2021, promossi dall’associazione piacentina Nuovi Viaggiatori, nell’ambito. Quest’anno, il festival è itinerante in ben quattro borghi del nostro territorio, con dibattiti e incontri che tendono a promuovere nuovi stili di vita, la necessità di un nuovo umanesimo, l’urgenza di un nuovo inizio con nuovi paradigmi, la valorizzazione dei luoghi, della lentezza e di un rinnovato rapporto con la natura come stelle comete del nostro agire.

Dopo gli incontri di Marsaglia (7 luglio) e Bobbio (11 agosto), la prossima tappa sarà Travo, dove, giovedì 19 agosto alle 21.00, nella splendida cornice delle Serate letterarie Giana Anguissola, Anna Leonida e Tiziana Albasi dialogheranno con Letizia Bricchi autrice del libro “La sindrome di Teodora. Riflessioni sulla crisi ecologica” (LIR edizioni, 2020)

Il libro costituirà occasione per trattare temi di scottante attualità: ecologia, terra, ambiente, sfruttamento, ingiustizie. Ma anche spunto per la riflessione sul nostro abitare nel mondo, sui nostri stili di vita e sul valore delle scelte individuali quotidiane. Viviamo un decennio cruciale e la terra è la nostra unica casa: per questo non possiamo rimanere indifferenti di fronte a un processo di autodistruzione che rischia, ogni giorno di più, di diventare irreversibile.

“Questo incontro dimostra l’attenzione che quest’anno vogliamo ulteriormente rafforzare su temi che ci vedono impegnati da tempo e che l’emergenza pandemica nei fatti ha reso ancora più necessari” dichiara Adele Boncordo, presidente dei Nuovi Viaggiatori.  “Il progetto #vivalappennino2021 vuole sottolineare l’importanza dell’Appennino e dei piccoli borghi intesi come “laboratori di futuro”: luoghi in cui recuperare il rapporto con la natura e sperimentare nuovi stili di vita, alternativi a un modello di sviluppo urbanocentrico e turbocapitalistico. Luoghi da riabi(li)tare, in cui non solo viaggiare, ma anche lavorare e vivere”.

Il ricavato delle vendite del libro sarà devoluto dall’autrice all’Associazione Plastic free Piacenza.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

#VivalAppennino2021 e nuovi stili di vita, se ne parla con la scrittrice Letizia Bricchi a Travo

IlPiacenza è in caricamento