Il melograno: frutto d'autunno buono e sano

Questo frutto dai chicchi rossi è considerato l’alimento che ci prepara all’autunno perché rinforza e prepara il nostro sistema immunitario ai freddi invernali

Il frutto del melograno può essere considerato un superfood, ovvero un alimento ad alto valore nutrizionale, definito anche alimento-farmaco. Infatti possiede così tante proprietà nutrizionali da diventare un ottimo rimedio preventivo e curativo, per molti dei più comuni disturbi. E' considerato l’alimento che ci prepara all’autunno perché rinforza e prepara il nostro sistema immunitario ai freddi invernali.

Le ricerche svolte sul frutto di melograno ci dicono che la sua origine è la Cina e l’India ma che, grazie alla sua capacità di adattamento, si può trovare in tutti i luoghi con estati caldi e inverni non troppo freddi, proprio come per la nostra zona mediterranea.

Le proprietà

Dai suoi succosi granelli dai quali si ricava il succo di melograno è un concentrato di vitamina C e di antiossidanti; sono proprio queste due caratteristiche che rendono il frutto un alimento curativo e benefico per la salute. Al suo interno troviamo una varietà di fenoli, particolarmente attivi contro i radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento precoce dei tessuti corporei. Troviamo un’alta percentuale di acido punico, considerato un inibitore per lo sviluppo del cancro al seno.

Le vitamine contenute sono tante e sono il suo punto di forza:

- alta percentuale di vitamina C

- ricco di vitamina K (importante per la crescita dei bambini)

- vitamine del gruppo B

- vitamina A

- vitamina E

Al frutto di melograno vengono attribuite diverse proprietà, tanto che viene considerato una panacea per l’organismo, al pari dello zenzero.

Ecco quali sono:

- antiossidante (ritarda l’invecchiamento dei tessuti corporei)

- gastroprotettivo (crea una pellicola che protegge le pareti dello stomaco)

- antibatterico (contrasta la proliferazione di batteri e parassiti all’interno dell’intestino)

- antitumorale (previene la formazione di cellule tumorali, grazie alla sua azione basificante per l’organismo)

- vaso protettore e anticoagulante

Il melograno è particolarmente indicato per chi soffre di problemi intestinali perché ha una proprietà astringente e contrasta vermi, parassiti, batteri. Il suo succo purifica l’intestino, stimola il transito e previene la formazione di depositi di cibo. Oltre alla polpa dei piccoli frutti, si utilizzano anche le foglie, i fiori, le radici e la corteccia.

Melograno in cucina

Oltre al suo succo buono e nutriente da consumare a colazione o durante la giornata, anche per recuperare le energie, il melograno può essere impiegato in diversi modi in cucina senza stravolgerne il gusto e sue proprietà. I chicchi del melograno, per il loro gusto particolare un po’ aspro, possono essere utilizzati in tantissime ricette, come le insalate di cavolo rosso o di cereali, abbinati anche a cous cous, farro e tanti tipi diversi di frutta secca, come uva e pere.

Insalata autunnale
Per preparare un’insalata autunnale di melograno, perfetta sia come secondo che come contorno, iniziate lavando circa 300 g di lattuga verde. Poi mettetela in una ciotola capiente e spezzettatela grossolanamente con le mani. Lavate e tagliate 1 mela verde a dadini, se vi va, potete anche lasciare la buccia, e mettetela in ammollo per qualche minuto in un recipiente con acqua e limone. Tagliate 1 finocchio, abbastanza grande, a dadini e pulite e sgranate 1 melograno, cercando di lasciare i chicchi intatti, eliminando accuratamente le parti bianche della scorza. Dopo aggiungete tutti gli ingredienti nella ciotola con l’insalata e condite con una salsa a base di olio d’oliva e aceto balsamico, senza dimenticare 1 pizzico di sale. Quest’insalata può accompagnare tanti tipi di pesce, come per esempio il salmone, o può essere aggiunta ad altri antipasti, accompagnata da crostini di pane croccanti.

Marmellata
Durante la stagione autunnale, potete realizzare anche una buonissima marmellata di melagrana, semplice da preparare e buonissima per la colazione e la merenda. Iniziate a preparare i vasetti, in cui riporre la conserva, poi passate a preparare la frutta. Lavate accuratamente 2 mele, tagliatele in due parti, eliminate il torsolo e poi riducetele in fettine sottili. Sgranate 4 melograni, eliminando tutta la buccia esterna e passate i semi in un passaverdura. Versate il succo di melograno in una pentola, con circa 200 g di zucchero e i pezzetti di mela. Fate cuocere per 30 minuti a fuoco dolce, fino a quando la marmellata non vi apparirà abbastanza densa. Versate, infine, la marmellata nei barattoli e lasciateli raffreddare, poi, chiudete ermeticamente i barattoli, facendoli bollire per almeno 45 minuti.

Risotto al melograno

Per preparare il risotto al melograno per prima cosa dovete sgranare 2 melograni. Poi in una pentola antiaderente, fate sciogliere 1 noce di burro e fate imbiondire circa 50 g di porro, affettato grossolanamente. Quando il porro è ben cotto, frullatelo insieme ai semi del melograno, fino a ottenere una crema vellutata. Nel frattempo, fate tostare 400 g di riso in una padella antiaderente, con una noce di burro, e sfumatelo con mezzo bicchiere di vino bianco. Quando il vino evapora, aggiungete il brodo vegetale, un poco per volta, fino a farlo assorbire completamente. Aggiungete un’altra manciata di chicchi di melograno, come decorazione finale al piatto e aggiungete un mix di formaggi, dal pecorino al parmigiano grattugiato, per mantecare il risotto. Servite ancora caldo, con una manciata di noci o un po’ di prezzemolo fresco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento