Mappatura dei nei: dove farla a Piacenza

E' molto importante prendersi cura in maniera preventiva dei: ecco a chi rivolgersi per fare i controlli nella nostra città

L’importanza della prevenzione passa anche dal controllo della pelle, la parte più estesa e più facilmente ispezionabile del nostro corpo. Una delle pratiche principali in dermatologia è la mappatura dei nei, una valutazione svolta dal dermatologo sui nei presenti sulla pelle: si tratta di un esame diagnostico preventivo che può precocemente individuare neoplasie della cute e offrire più di una chance di cura.

Durante la visita, lo specialista procede al monitoraggio dei nei osservandone la forma, la simmetria, i bordi, il colore e le dimensioni, oltre all’eventuale individuazione di nuove formazioni. Il tutto si esegue in ambiente ambulatoriale, con strumenti non invasive e in modo del tutto indolore per il paziente.

L’obiettivo dell’indagine è la ricerca di eventuali neoformazioni dalle caratteristiche atipiche, di cambiamenti dei nei nel corso del tempo o di tumori della pelle.

I nei (detti anche nevi) sono macchie pigmentate e persistenti di colore scuro che appaiono sulla superficie cutanea a causa dell’accumulo di melanociti, le cellule che producono melanina, il pigmento alla base del colore della pelle e dell’abbronzatura. Si dividono in congeniti - se presenti sin dalla nascita - e in acquisiti, se invece appaiono nel corso della vita. Anche le lentiggini sono formazioni neviche.

I nei sono un fenomeno naturale nella pelle, ma può diventare sospetta una loro eventuale struttura atipica; infatti, quando un neo manifesta cambiamenti nell’aspetto, è possibile una degenerazione maligna. 

Nella nostra città, è possibile reperire tutte le informazioni necessarie consutando il sito dell'Ausl cittadina nella sezione di dermatologia, oppure cercando tramite internet uno specialista che visiti privatamente, come in questo elenco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal Po affiora un cadavere. In tasca i documenti di Stefano Barilli

  • Tamponamento tra tir in A1, un morto. Traffico deviato e code sulla via Emilia

  • «Quel corpo è di mio figlio», la madre riconosce Stefano. Ora si attende il Dna

  • Si schianta col furgone contro un Tir in manovra, gravissimo un artigiano

  • Dal 26 aprile torna la zona gialla: ristoranti riaperti anche a cena e scuole in presenza

  • Muore incastrato nella sua auto dopo lo schianto in A1 contro un camion

Torna su
IlPiacenza è in caricamento