rotate-mobile

Dalla “Endless” la bicicletta senza catena

In un mondo che va forte, troppo; che pretende di continuare a voltare pagina senza fermarsi a pensare, può valere la pena di riflettere su briciole di fatti accaduti 123 anni fa. C'è ne dà l'opportunità, il libro “Sei anni di vita piacentina (1894 -1899) giorno per giorno”, a cura di Corrado Sforza Fogliani e di Antonietta De Micheli

16- 31 gennaio 1899

16 - da Libertà: "Monsignor Scalabrini querelato per diffamazione ed assolto in Camera di consiglio. Fin dal settembre scorso la signora Antonia Guidi, nota seguace di Miraglia, aveva sporto querela contro mons. Scalabrini, don Francesco Gregori, curato, i fratelli Gotti, tipografi e Antonio Santani, gerente del giornale 'La Voce Cattolica” per reato di diffamazione a mezzo del detto giornale. Ora in seguito a lunga inchiesta la Ca-
mera di consiglio presso il tribunale dichiarò "non luogo a procedimento penale in confronto di M. Scalabrini, don Gregori e i fratelli Gotti mancando gli estremi del reato" e rinviò invece il gerente Santani avanti questo tribunale per un articolo in cui si veniva a mettere in dubbio l'onore e la riputazione di detta signora Guidi.

17 - da Libertà: una nota commerciante di gioielli Enrichetta Uccelli, nativa di Ponte dell'Olio, che aveva negozio di oreficeria in via Venti Settembre è stata recentemente condannata al Tribunale di Milano per essersi impossessata con l'inganno di una collana di diamanti del valore di quattrocento lire a danno della ditta milanese di oreficeria Pollini e Cavezzaghi e dopo averla impegnata al Monte di Pietà ha fatto perdere le sue tracce, forse fuggendo in America.


18 - da Il Progresso: Una nuova chiesa. Il sig. Giovanni Celli, ricco proprietario che ha parecchi possedimenti
su quel di Mortizza ha fatto testé costruire a totale sue spese una nuova chiesa a Bosco dei Santi frazione appunto di quel comune.


19 - da Libertà: Un altro suicidio, questa volta avvenuto a Castelsangiovanni. Un disgraziato che si è tolto la vita è un commissario molto conosciuto nella nostraIMG_9767-2 città. Si tratta di un giovane di 27 anni certo Achille Cassi corriere da Castelsangiovanni a Milano e viceversa; si è tolto la vita con le esalazioni di un braciere. Nella stanza dove il fatto è accaduto vengono trovate lettere, una in particolare indirizzata all'amante in cui il Cassi manifesta propositi suicidi.

20 - da Libertà: Nella notte i ladri si introducono nell’abitazione del sig. Ettore Prati alla Biasina di Sant'Antonio. Da un armadio sottraggono 450 lire, somma ricavata dalla vendita del latte e che per motivi di salute non era ancora stata messa al sicuro.

21 - da Libertà: Un inconveniente da togliere e per cui abbiamo ricevuto già diversi reclami è quello che succede la sera all'uscita dal Teatro Municipale, con tutto quell'agglomeramento disordinato di carrozze, che vanno quasi a pigliar d'assalto... la gente.

22 - da Libertà: La bicicletta senza catena. La Casa Endless dei signori ing. V. Bassi e Merosi costruirà quest'anno anche il tipo' A-catene'. Nelle vetrine di Corso Garibaldi anzi ne ha già esposta una, la prima che è vero gioiello di eleganza e tale da non smentire la fama della fiorente Casa di Cicli e di Automobili.

23 - da Libertà: Giorni sono un certo Biasini di Prato Ottesola, nelle così dette Corte di Diolo, e più precisamente nel Canale della Valle, operando alcuni scavi, scoprì i resti di un cetaceo fossilizzato.

24 - da Libertà: l'altro giorno a Torino il soldato Emilio Ferrari, del distretto di Piacenza, attendente presso un capitano del Commissariato, si è gettato da una finestra nel cortile dell’abitazione del suo padrone.

25- da 'La Voce cattolica': Archeologia. Praticandosi alcuni scavi su quel di Lugagnano e precisamente
alla Cesta di Diolo venne trovata una mandibola di balena fossilizzata.

26 - da Libertà: A Borgonovo e precisamente a Castelnuovo di Borgonovo avviene una aggressione nella casa di Alberto Sforza Fogliani. Sette uomini armati di bastoni si introducono nella casa ed aggrediscono il segretario sig. Francesco Magrini che armato di rivoltella riesce a mettere in fuga i malviventi.
Va ricordato che il 16 di questo mese c'era stato un altro tentativo di entrare nella abitazione del citato, che svolge anche la funzione di vice Sindaco nel comune di Borgonovo e per questo per un certo periodo i Carabinieri avevano svolto servizio di sorveglianza alla casa.

27 - da Libertà: Da parecchio tempo si stanno eseguendo lavori di restauro in quella casa che, in via XX Settembre, fa angolo col vicoletto di Sant' Apollonia ed è di proprietà dei noti e stimati negozianti
cappellai sig. Marani. Per la parte muraria i lavori sono affidati ai capi-mastri Ferrari e Dellanera". I lavori sono diretti dall'ing. Francesco Gregori e dal figlio.

28 - da Libertà: Un piacentino certo Giovanni Pozzi coinvolto in un gravissimo furto in un negozio di tessuti a Busto Arsizio la quantità di pezze recuperate ammonta a 4.000 lire.

29 - da Libertà: Una medaglia d'oro meritata la guadagnava testé alla Mostra Campionaria Internazionale di Roma il sig. Ugo Monici di Fiorenzuola che, fra i trecento e più concorrenti, fu uno dei dieci che ebbero tale distinzione. E questo l'ottenne pel suo Elixir Monici, un liquore davvero prelibato.
 

30 - da Il Piccolo: La Tipografia del giornale 'Il Progresso' in stato di fallimento. Giovedì ultimo (26 c.m.) la Ditta Pumelli e Perinetti editrice del giornale 'il Progresso' depositò in tribunale il proprio bilancio in cui figura un attivo di lire 6554.70 contro un passivo di lire 11090.62. A curatore provvisorio venne nominato il rag. Calza.

31 - da Libertà: Un incidente al Municipale. Ieri sera durante il quarto atto dell' Africana al Municipale, un servitore dei palchi di primo ordine, certo Bisagna, camminando sotto l'atrio, andava a cadere in malo modo a causa di una buccia di arancia che lo fece scivolare. Il poveretto ebbe uno svenimento abbastanza lungo e fiaccata una gamba, così che ne avrà per parecchi giorni. A proposito: poiché è proibito fumare non si potrebbe proibire anche di sbucciare arance sotto l'atrio? Sempre a proposito del Municipale: Ieri sera, durante il primo atto da un palco di quart’ordine vi fu una vera pioggia di vino in un altro di terzo, pioggia per fortuna fermata a tempo perché non giungesse a guastare le toilettes delle signore sottostanti! Più attenzione per bacco!
 

 Confrontando la cronaca di allora con quella di oggi possiamo dire di essere diversi?  Alla domanda il prof. Ferdinando Arisi in occasione di una precedente cronologia degli stessi autori, rispondeva che ci sono motivi per pensarlo, ma non ne mancano per negarlo. Siamo migliori?  Forse che sì forse che no, com'è scritto nella pietra d'angolo di una bella casa di via Campagna.

FORSE CHE SI FORSE CHE NO-2

Dalla “Endless” la bicicletta senza catena

IlPiacenza è in caricamento