rotate-mobile

Luglio 1895, si dimettono sindaco e Giunta dopo una discussione sul bilancio

In un mondo che va forte, troppo; che pretende di continuare a voltare pagina senza fermarsi a pensare, può valere la pena di riflettere su briciole di fatti accaduti oltre 120 anni fa. C'è ne dà l'opportunità, il libro Sei anni di vita piacentina (1894 -1899) giorno per giorno a cura di Corrado Sforza Fogliani e di Antonietta De Micheli

16 – 31 LUGLIO 1895

16 - da Libertà: l'Istituto Gazzola ha nominato il pittore Stefano Bruzzi coadiutore del prof. Bernardino Pollinari, da molti anni insegnante di pittura e di plastica figurativa nell'Istituto di Belle Arti. ln questi giorni Bruzzi si trova a Groppallo di Val Nure, dove è solito passare il periodo estivo e dove tiene i suoi fondi.

16 – da il Progresso. Silvio Becchia, il ben noto e valente pubblicista, che per qualche anno ha diretto il nostro Progresso, parte oggi per Buenos Ayres, dove - col mezzo di un grosso capitale sottoscritto da ragguardevoli nostri connazionali stabilitisi in Argentina - fonderà un grande giornale italo-americano.

17 – da Libertà: oggi, alle ore 15, ha luogo il passaggio dei poteri dalla vecchia alla nuova Giunta Comunale.

18 - davanti alla Corte di Cassazione di Torino viene oggi discusso il ricorso del nostro Comune contro la sentenza pronunciata dalla Corte d'appello a favore della Società per l'illuminazione a Gas della nostra città.

-Da Libertà: Non potrebbero i signori macellai, quando mandano in giro per la città i loro garzoni, provvederli di grembiali un po’ più puliti di quelli che usualmente indossano? Tutto quel sangue ed altre sozzure che ricoprono i grembiali costituiscono uno ... spettacolo talora stomacante; un po’ più di decoro e di pulizia non starebbe male, ci pare.

19 - da Libertà: Inganno elettorale.  S'era stabilito che, esempio nuovo nella vita politica di Piacenza, la lotta attuale si sarebbe limitata alla discussione di programmi, alla affermazione dei principi, lasciando fuori causa le persone che l'incarnano. Ma sembra proprio che anche questa modesta aspirazione nostra - e non certo per nostra parte - debba essere anche questa volta smentita dai fatti.

- Oggi il Vescovo mons. Scalabrini si reca a benedire la nuova Casa di Carità, sorta per iniziativa del can. Pinazzi sullo stradone Farnese, di fronte alla Chiesa dei Cappuccini. Sopra il portone di ingresso é collocato un busto del patrono della Casa, San Vincenzo dè Paoli, opera del giovane artista Ferruccio Massari. L'edificio é stato disegnato dal prof. Camillo Guidotti.

21 – da Libertà: Mons. Scalabrini riconsacra oggi la Chiesa di S. Brigida, dove sono stati terminati i lavori di restauro.  Per tutta la settimana, vengono celebrate sacre funzioni. Viene inoltre inaugurato e collaudato il nuovo organo costruito dal piacentino Giuseppe Cavalli. L'organo viene suonato dal prof. Volpi.

- Hanno luogo le elezioni politiche, viene eletto deputato Tassi con 1473 voti; Cipelli ne ottiene 1021.

- Nel pomeriggio di oggi, un ragazzo di 13 anni - certo Luigi Zerbi - annega nelle acque del Po.

23- da Libertà:  La crisi in Giunta.  Sappiamo che la Giunta comunale è fermamente intenzionata a rassegnare il mandato, causa di tale determinazione deve trovarsi nei propositi di opposizione riscontrati in alcuni fra i più influenti consiglieri.

24 - Il conte Gaspare Barbiellini Amidei rende noto con una lettera pubblicata da Libertà che, come proprietario dell'immagine della Vergine detta Madonna della Bomba, intende passare a vie legali perché il Sacello fatto costruire per interessamento del sacerdote Torta, sia dichiarato ufficialmente di sua proprietà.  Lamenta inoltre che quel parroco abbia manomesso l'immagine della Vergine cambiando colori, posa e di avere inoltre arbitrariamente modificate le pietre dello stabile dove essa si trova.

- Da Libertà: Le dimissioni del sindaco e dell’intera Giunta sono state ieri deliberate; in una seduta fissata per sabato, saranno comunicate al Consiglio, e così andremo diritti allo scioglimento del Consiglio, al Commissario regio e a nuove elezioni generali .

- 25.  Il sacerdote Torta risponde dalle pagine di libertà al conte Barbiellini precisando che il terreno sul quale sorge il sacello della Madonna della Bomba è di proprietà del Demanio e che suo è solo il muro della casa sul quale il sacello si appoggia.

- 27. Tumultuosa seduta del Consiglio Comunale, nel corso della quale Sindaco e Giunta rassegnano le dimissioni, non ritenendosi adeguatamente sorretti dal Consiglio stesso nell'assunzione delle gravose decisioni che si impongono per l'assestamento del bilancio. Il Consiglio esamina allora un ordine del giorno del marchese Volpe Landi di appoggio alla Giunta (invitata a ritirare le dimissioni) che ottiene - astenuti gli assessori - l'unanimità dei consensi dei partecipanti al voto.

- Da Il Progresso: Ieri festa e fiera di Sant'Anna. Una volta, in quei lontani paraggi, c'era un concorso numeroso di mammine, di papà e di piccini. Oggi, tutto è mutato: qualche modesto banco di zufoli di terra cotta qualche altro di cipolle e null’altro. La poesia della fiera dei giocattoli è scomparsa.  

- Il Vescovo mons. Scalabrini con propria ordinanza impone a don Paolo Miraglia Gullotti di ritirare entro nove giorni, la querela presentata nei confronti  di alcuni sacerdoti di questa citta, sotto pena di scomunica.

28 - Da L'Amico del Popolo: Il ponte in chiatte sul Po ha sempre - in fatto di estetica e solidità - lasciato molto a desiderare, ma ora più che mai è ridotto in uno stato veramente deplorevole, non solo, ma pericoloso pei passanti. Di sera poi viene lasciato completamente al buio.

- Esce “Il Gerolamo Savonarola” periodico domenicale religioso - politico - letterario. Tip. Progresso. Direzione ed amministrazione, via Prevostura 48. Direttore, don Paolo Miraglia Gullotti; Redattore capo responsabile, Giovanni Bianchi. Nella presentazione del programma viene detto: Scopo essenziale della presente pubblicazione periodica e quello di diffondere nel popolo la Santità della vita di Gerolamo Savonarola. Nell’odierno numero si rende nota l'intenzione di erigere, in occasione del 4° centenario del Savonarola, un monumento.

30 - da Libertà: Per invito gentile della illustre signora marchesa Anna Landi Anguissola Scotti e del marchese Antonino Casati, colto e perfetto gentiluomo, ebbi giorni or sono la compiacenza di vedere il volto di un salotto nel palazzo della nobile famiglia Landi Anguissola Scotti da S. Vincenzo, dipinto di recente dal sig. Mariano Macini di Rimini.

… confrontando la cronaca di allora con quella di oggi possiamo dire di essere diversi?  Alla domanda il prof. Ferdinando Arisi in occasione di una precedente cronologia degli stessi autori, rispondeva che ci sono motivi per pensarlo, ma non ne mancano per negarlo. Siamo migliori?  Forse che sì forse che no, com'è scritto nella pietra d'angolo di una bella casa di via Campagna.

Gallery

Luglio 1895, si dimettono sindaco e Giunta dopo una discussione sul bilancio

IlPiacenza è in caricamento