rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022

Marzo 1899, il Tondo di Botticelli si vede a malapena in un corridoio

In un mondo che va forte, troppo; che pretende di continuare a voltare pagina senza fermarsi a pensare, può valere la pena di riflettere su briciole di fatti accaduti 123 anni fa. C'è ne dà l'opportunità, il libro “Sei anni di vita piacentina (1894 -1899) giorno per giorno”, a cura di Corrado Sforza Fogliani e di Antonietta De Micheli

1-15 marzo 1899

1 - da Libertà: la città nostra ha la fortuna di possedere una tavola del Botticelli rappresentante la Madonna con Gesù Bambino e S. Giovanni Battista. E’ di forma circolare e contenuta in una cornice che mi pare dell'epoca. Quanta espressione di affetto c'è nel viso di quella Madonna; quanta di ammirazione nella figurina del San Giovanni; e quanto è bello, è vero, quel Gesù bambino! Questo quadro, di un valore grandissimo, visto molti anni sono dal nostro pittore Bruzzi nel Castello di Bardi, si conserva adesso in uno stretto ed oscuro corridoio del Museo cittadino in embrione, dove non può che essere veduto che malamente.

2 - da Libertà: Una invenzione dovuta al nostro concittadino, sig. Giuseppe Paganuzzi, tenente nel 70° fanteria, di stanza a Roma. Si tratta di una vanghetta-picconcino da applicarsi allo zaino di ogni soldato, a cui servirebbe sul campo di battaglia per fare trincee, fare feritoie, mettere caseggiati in istato di difesa, collocare e distruggere ostacoli, far lavori da campo d'ogni specie. Questo nuovo strumento fu sperimentato in piazza d'armi ai prati Castello a Roma da alcuni giorni or sono, alla presenza del gen. Lazzari comandante la brigata Ancora, e di molti ufficiali delle varie armi. L'esito fu felicissimo e tutti i presenti constatarono  la grandissima utilità della vanghetta e la sua praticità, ed ebbero parole di vera lode per il giovane inventore studioso e geniale tenente Paganuzzi, al quale inviamo noi pure le nostre congratulazioni

3 - da Libertà: il processo per diffamazione contro il gerente della “Voce Cattolica”, Santani, comincia stamane e si presenta interessantissimo.  

4 - da Libertà: Castellarquato: un quadro del Botticelli in dono alla chiesa. La vedova del compianto capitano Alessandro Galleazzi donava alla nostra chiesa, prima di morire, un quadro rappresentante la Madonna col Bambino. Il quadro è di gran valore ritenendosi opera del Botticelli, del quale ebbe a parlare giorni sono un vostro collaboratore. Mi consta che questo egregio parroco, unitamente alla Fabbriceria, ha disposto per il ritiro del pregevolissimo lavoro, che tra poco arriverà qui ed andrà ad arricchire la più bella collezione che abbiamo di cose d'arte.

 5 - da Il Piccolo: L'impianto della industria dell'alluminio nella nostra città è un fatto compiuto. L'alluminio è impiegato nella fabbricazione di motori per carrozze e automobili. Ora nello stabilimento meccanico della spettabile ditta Giovanni Biggi di Piacenza si riuscì, dopo lunghi studi, a fondere le parti dell'alluminio per detta materia ed a lavorarle, emancipandosi così dalle grandi esigenze degli specialisti di Milano ed impiantando in questa città un nuovo ramo di industria.    

6 - da - Libertà: Dall'anno scorso, nel quale si volle festeggiare il cinquantenario dello Statuto è stato, da parte del Governo, una continua e larga distribuzione, a titolo di patriottiche benemerenze, di medaglie d'oro a molte fra le città del Regno.  Perché dunque a Piacenza non venne assegnata quella medaglia d'oro? ... Diverse egregie persone si sono volute ora, molto lodevolmente, interessare della cosa, perché Piacenza, di fronte alle altre città sorelle, non abbia ad esser creduta da meno e rimanere priva di una di quelle soddisfazioni morali alle quali avrebbe tante volte diritto.

7 - da Libertà: Al Politeama. Questa sera dunque la compagnia di prosa Città di Milano viene ad iniziare un corso di recite al nostro teatro di via S. Siro, corso di recite che speriamo verrà a farci dimenticare gli ultimi dolorosi eventi al Politeama medesimo.

8 - da Il Progresso. Segnaliamo delle screpolature formatisi nella parte bassa della grande tela 'L'andata al Calvario' di G. Landi posta in S. Giovanni. Il guasto ebbe a manifestarsi poco dopo la reintelatura forse per mancanza di adeguata stabilità di tensione.        

9 - da Libertà: Nella notte viene svaligiata la chiesa di S. Lorenzo di Castell'Arquato. Il danno ascende a circa 200 lire. Furono sfregiate diverse immagini sacre, fortunatamente fu salvo il gran quadro rappresentante il “Martirio di S. Lorenzo" di non comune valore.  

10 - da Libertà: Il brigadiere Giovanni Bardin e il carabiniere Antonio Testa arrestano, dopo colluttazione, nella frazione di Travazzano, certo Achille Trancanti di 24 anni, facchino originario di Ravenna, detentore di una roncola affilatissima. Risultò essere compagno dell' anarchico Comandini Guglielmo arrestato giorni sono in Ciriano pure armato di un potatoio.  

11 - da Libertà": Crediamo di sapere che ieri sono intervenuti accordi fra la nostra Amministrazione comunale e l'Opera parrocchiale del Duomo per la illuminazione dello orologio che si trova sul palazzo Vescovile.

12- da Libertà: Grandi lavori al nostro Manicomio. Sappiamo che in una delle sue ultime adunanze l’onorevole Deputazione Provinciale ha approvato il capitolo d'appalto per la costruzione del secondo padiglione al nostro Manicomio. Ci consta pure che l'asta verrà indetta fra qualche giorno ed in aprile cominceranno i nuovi lavori, che importeranno una spesa di settantamila lire circa.  

13 - da Libertà: Non sappiamo comprendere francamente, come uno spettacolo buono quale abbiamo ora al Politeama, grazie alla compagnia drammatica Marini-Tellini, che ci dà seralmente buone interpretazioni di ottime commedie, non sappiamo comprendere come mai vi accorra sempre un pubblico così scarso.  

14 - da Libertà: Fioccano le querele da una parte e dall'altra; oramai sono diventate come le ciliegie. 'La Voce Cattolica' di ieri annunciava che il suo direttore, don Francesco Gregori, ha sporto querela per ingiuria e diffamazione contro una certa signora Anna Trenchi e contro don Paolino Miraglia, direttore responsabile del Gerolamo Savonarola; e ciò in causa di una serie di articoli pubblicati su questo giornale dalla sunnominata signora Trenchi. 'La Voce' assicura che altre querele si stanno preparando contro il Miraglia e qualche altro.

15 - da Libertà: Le due lampade a luce elettrica sotto i portici del Gotico furono ieri sera trasportate davanti al Gotico medesimo, a titolo di prova, e sono destinate a rimanervi, appese alle due mensole che si applicheranno provvisoriamente. I portici del Gotico rimasero ieri sera al buio; ma vi si metteranno tre lampade cominciando, crediamo, da questa sera. 

FORSE CHE SI FORSE CHE NO-3

Confrontando la cronaca di allora con quella di oggi possiamo dire di essere diversi?  Alla domanda il prof. Ferdinando Arisi in occasione di una precedente cronologia degli stessi autori, rispondeva che ci sono motivi per pensarlo, ma non ne mancano per negarlo. Siamo migliori?  Forse che sì forse che no, com'è scritto nella pietra d'angolo di una bella casa di via Campagna.

Marzo 1899, il Tondo di Botticelli si vede a malapena in un corridoio

IlPiacenza è in caricamento