Accadde giorno per giorno, 120 anni fa

Accadde giorno per giorno, 120 anni fa

Ottobre 1897: topi nei cortili dell’ospedale civile, ma gli inservienti danno la caccia ai gatti

In un mondo che va forte, troppo; che pretende di continuare a voltare pagina senza fermarsi a pensare, può valere la pena di riflettere su briciole di fatti accaduti oltre 120 anni fa. C è ne dà l’opportunità, il libro Sei anni di vita piacentina (1894 -1899) giorno per giorno, a cura di Corrado Sforza Fogliani e di Antonietta De Micheli

1-15 OTTOBRE 1897 “Foreste vergini a Piacenza”.

1 - da 'L'Amico del Popolo': Sono incominciati i lavori per l'ampliamento dello attuale ristretto sacello dedicato ab antiquo alla venerata Nostra Signora di Guastafredda.

2 - da 'Libertà': Pei restauri delle facciate di Santa Brigida. Da qualche giorno nell'interno di questo storico tempio, vennero esposti, e lo sono tuttora, i disegni delle due facciate che si intenderebbero attuare. Noi li esaminammo attentamente e ci parvero nell'insieme non del tutto rispondenti ai riguardi storico architettonici delle costruzioni di quell'epoca. Sarebbe un progetto di nuova facciata e non un risarcimento puro e semplice dell'antica originaria come s'aveva in animo di fare.

3 - da 'Libertà': A proposito della Direzione del Genio, che si era detto doveva tornare a stabilirsi tra noi, rileviamo dal Resto del Carlino di ieri: 'Il comando di Bologna non torna a Piacenza, va bensì a Genova, e gli si dà il solo IV corpo. Il VI viene assegnato al Comando di Spezia così lontano e in così differenti condizioni territoriali di Bologna.

IMG_9845-3

4 - da 'Libertà': "Foreste vergini a Piacenza. Dove sono? E' presto detto: nei cortili dell'Ospedale Civile, destinati al passeggio dei convalescenti. Il giornale riferisce che la fauna di 'quelle foreste' è rappresentata da una moltitudine di topi; e commenta: "E per combattere l'esercito invadente dei topi, suggerirei di adunare una schiera di gatti, ma tale proposta non potrebbe approdare, secondo me, a buon fine, per due motivi: primo perché i topi, grossi, forti e numerosi se ne infischiano dei gatti; secondariamente perché i gatti non possono moltiplicarsi all'Ospedale, dove si dà loro, d'inverno, una caccia spietata, col laccio, da alcuni inservienti, non per odio istintivo, intendiamoci, ma perché sono amanti di mangiarli cucinati in padella".

5 - da 'Il Progresso': L'uva introdotta in città sino ad oggi è di quintali 40 mila, quindi l'introito è di lire 150 mila. Resta poi la certezza che altri cinquemila quintali verranno ancora introdotti in città. A gestione finita pare debbasi chiudere la gestione con vantaggio del Comune di 60.000 lire circa. Il confronto del 96 col 97 a tutto settembre, dà una differenza di 6.500 quintali.

6 - da 'Libertà': Fu presentata al Comizio una proposta per l'istituzione di una Società cooperativa di macellazione, la quale approfittando del basso prezzo dei bovini da macello si proporrebbe di ridurre sensibilmente i prezzi delle carni, procurando nello stesso tempo uno sfogo agli animali ingrassati, la cui vendita è ora difficile per gli agricoltori.

7 - da 'Libertà': La Cassa di Risparmio raccoglie il prodotto del lavoro della nostra provincia ed invece di usarne per procurare un maggior sviluppo nella ricchezza della città e provincia, aiutando le industrie ed i commerci, invece di aumentare il portafoglio, la Cassa non cerca che un impiego sicuro in titoli pubblici; la cui sicurezza poi è problematica, essendo soggetta alla immobilizzazione del mercato mondiale, oltreché obbligata alla immobilizzazione di forti capitali, il cui frutto va perduto, per provvedere alla oscillazione dei valori, mentre d'altra parte tali forti riserve sono esposte alla cupidigia di governi presenti e futuri.

8 - da 'Libertà': Il pittore sig. Sidoli ha esposto nella vetrina del sig. Porta, in piazza Cavalli, alcuni suoi ultimi lavori di piccole dimensioni tra i quali: Lungo il Trebbia, bozzetto raffigurante 5 pecore curate da pastorella dormiente; Il divoto alla preghiera, figura di vecchio dalla barba fluente in preghiera davanti al crocefisso.

9 - da 'Libertà': Continuano le bricconate. Abbiamo accennato, giorni sono, alle bricconate, stigmatizzandole severamente, commesse da alcuni malvagi, di aver cioè dato fuoco alle corrispondenze che trovavansi in una buca postale, in via San Lazzaro. Ora i tristi si sono dati ad un'altra impresa, imbrattando di sterco umano le cassette stesse.

10 - da 'L'Amico del Popolo': Dietro i reiterati lagni nostri e di altri nostri colleghi in giornalismo intorno alla necessità urgente di provvedere alla conservazione del monumentale Palazzo di Cittadella, l'autorità cittadina ha reso un servizio all'arte officiando e persuadendo l'Autorità Militare a non voler porre tempo in mezzo per salvaguardare da ulteriori deperimenti e pericoli questa mole Farnesiana.

11 da 'Il Progresso': Il questore Martelli. Lo hanno collocato a riposo e forse di lui non si parlerebbe, se il suo nome non fosse diventato molto, anche troppo, popolare a proposito del caso Prezzi, del quale la giustizia sembra provi una certa ripugnanza ad occuparsi.

12 da 'Libertà': Sappiamo che la Società del Gas ha fatto domanda all'Amministrazione comunale perché le si permetta di illuminare ad incandescenza - senza aumento di spesa ed a suo rischio - alcune parti centrali della città e cioè: via 20 Settembre, Corso V. E. sino a via al Teatro, Corso Garibaldi, via S. Nicolò. La domanda è fatta per tre mesi.

13 da 'Libertà': Nella bella chiesa dei religiosi Francescani di Cortemaggiore, ebbe luogo, la scorsa domenica, il collaudo del nuovo organo ivi collocato dalla benemerita ditta Porro Diego e C. di Brescia, già nota in questa provincia pel riuscito organo dalla medesima rimesso a nuovo nella monumentale chiesa collegiata di Borgonovo V.T.

14 da 'Libertà': Il prof. Melato, insegnante di ballo, ginnastica e scherma, aprirà a giorni in via S. Simone, palazzo Ricci, una sala per apprendervi il ballo, la ginnastica e la scherma.

 15 - da 'Libertà': Tutti i cinque signori nominati a far parte della Deputazione teatrale dell'ultima assemblea dei Consiglieri Comunali e dei Palchettisti, hanno rassegnato le dimissioni.

... confrontando la cronaca di allora con quella di oggi possiamo dire di essere diversi?  Alla domanda il prof. Ferdinando Arisi in occasione di una precedente cronologia degli stessi autori, rispondeva che ci sono motivi per pensarlo, ma non ne mancano per negarlo. Siamo migliori? Forse che sì forse che no, come scritto nella pietra d angolo d una bella casa di via Campagna.

FORSE CHE SI FORSE CHE NO-3

Accadde giorno per giorno, 120 anni fa

" In un mondo che va forte, troppo; che pretende di continuare a voltare pagina senza fermarsi a pensare, può valere la pena di riflettere su briciole di fatti accaduti oltre 120 anni fa. C'è ne da l'opportunità il libro ""Sei anni di vita piacentina (1894-1899) giorno per giorno"", a cura di Corrado Sforza Fogliani e Antonietta De Micheli "

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • sul finire del 19.mo secolo l'Ospedale Civile piacentino era quindi infestato da una schiera di toponi perchè gli inservienti davano la caccia ai gatti per poi mangiarseli cucinati in padella. Ma i magna gati non erano i vicentini ?

Torna su
IlPiacenza è in caricamento