Anticaglie

Anticaglie

A proposito di Silvia Romano

Silvia Romano

Ho aspettato qualche giorno dal giorno della sua liberazione. E mi riferisco alle immagini del suo  arrivo a Ciampino, accolta festosamente dai genitori e  dai parenti in genere. Inoltre  dai rappresentanti delle istituzioni con l’onnipresente Conte gongolante a pontificare di come le istituzioni italiane  siano presenti quando bisogna essere utili al paese. In questo caso liberare un ostaggio, dopo 18 mesi di prigionia. E per istituzioni, intendeva i servizi segreti, di cui non si sa nulla, né come operano, né  esattamente chi sono e da chi effettivamente dipendono e quali mezzi utilizzano. Ovvio, viene da dire, altrimenti non sarebbero segreti. Vabbè  lasciamoli stare senza  perdersi in fantasiose ipotesi e limitiamoci a  prendere atto quando qualcosa di utile sono in grado di compiere. Come il caso che ci riguarda. Dunque il soggetto è la liberata Silvia. La osserviamo mentre scende dall’aereo e  al posto di maglietta e  jeans che verosimilmente indossava,  come ci ricordano le foto quando era partita dall’Italia per raggiungere il kenya,  il nuovo abbigliamento  di una giovane di appena 23 anni, nulla ci ricorda del suo passato. Macché maglietta e jeans. Abito lungo fino alle caviglie a tinte vivaci, avvolto da una specie di palandrana svolazzante con integrato cappuccio o  velo a coprire la testa,  dimostrano in lei un cambiamento radicale. Stupore.  Il sorriso  aperto  a 36 denti, tutti bene in mostra ,svela la soddisfazione di rivedere non solo i patri lidi, ma i patri parenti. Oltre all’abito, anche  le mani  inducono a qualche pensiero fuori dall’abituale, con la sinistra adagiata sul ventre, mentre la destra sollevata e  mossa  ripetutamente a salutare la piccola folla,  sta a dimostrare una   evidente soddisfazione. Insomma da ogni parte felicità per il ritorno del figliol prodigo in chiave femminile. Ma, sempre a questo proposito, qualcosa non quadra alle nostre  viste e per dirla tutta nelle nostre aspettative.  Cosicchè dopo i rituali riti di saluto ai parenti e alle istituzioni, subentra  la legge  per interrogarla, onde accertare quanto accaduto. E così emerge la novità, già anticipata dal vestire islamico, la rivelazione  che non si chiama più Silvia, ma Aisha che guarda caso è stata una delle mogli e concubine di Maometto. Quella, per intenderci , la preferita dal profeta che gli venne data in sposa dopo la morte di Khedija, la prima moglie, ad una età talmente infantile che stentiamo a credere. Insomma, per farla breve, la prima conoscenza  con la neo sposa, avvenne a 6-7 anni e la consumazione a 9-10. Cose queste che succedevano a quei tempi soprattutto quando si trattava di onorare chi ebbe in sogno l’arcangelo Gabriele per farsi dettare( meglio recitare) il libro sacro: il Corano, Ma non è questo il punto. Più interessante è capire come è avvenuta la conversione di fede. Indotta con la forza  da parte dei carcerieri tutti integralisti islamici, facente parte di un gruppo molto vicino ad al Qaeda, oppure  avvenuta in modo spontaneo, come poi dichiarato dalla stessa Aisha.  La quale in aggiunta  ci tiene a precisare di non essere stata trattata male, di non aver subito alcuna violenza fisica mentale o psicologica, di non essersi sposata, di non essere incinta e di essersi avvicinata alla religione islamica allorchè chiedendo un libro da leggere, le venne consegnato Il Corano. Leggendolo  e conoscendo la verità  superiore  in esso contenuta, la conversione venne di conseguenza con la stessa convinzione di  Paulo . Solo che non avvenne sulla via di Damasco, ma su quella di Mogadiscio ,  la capitale somala in cui venne  poi rilasciata dai suoi carcerieri. Crederci, non crederci?  Come si fa ad esserne certi . Ci aiuta in questo la psicologia. Entrambe infatti sono psicologicamente giustificate e non sempre è mentalmente riconoscibile una differenza fra costrizione e spontaneità. Per la prima, subentra il desiderio di soddisfare i carcerieri come unico mezzo per salvare la vita. Per la seconda, una conversione apparentemente spontanea, diventa il tentativo di capire e giustificare gli stessi carcerieri, sulla base di giustificazioni teologiche per le quali il male , come si può intendere un rapimento, in realtà non è un male. Ma  secondo un procedimento eristico, già sperimentato dalla filosofia   dei sofisti, trattasi in effetti di un bene, se si colgono le ragioni profonde. Quelle che giustificano  ogni forma di lotta armata contro l’occidente, detta appunto jihad. Un tempo luogo di infedeli, ma ora solo di un popolo senza dio, sostituito da  convinzioni relativistiche e nichilistiche.  Insomma la psiche è sempre un coacervo di conoscenze difficili da valutare. Essa può  adattarsi alle cose che succedono, fino ad accettare l’opposto di quanto prima  ritenuto credibile. Tutto questo  può capitare nella mente  esacerbata. E quando l’odio, e  poi ancora l’odio  ripetuto ossessivamente, non riesce a trovare soluzioni, causa le eccessive tensioni  cui è sottoposto l’io, ecco che subentra il suo  opposto e l’odio diventa amore.  Dunque di fronte al pericolo  e nel caso specifico, la possibile tortura e poi la morte, tutto diventa possibile nella mente.    Ma tralasciamo ora questo dato che riguarda, come detto, non solo un atto di fede, ma un procedimento psicologico che induce a dare risposta ad un evento angoscioso.  Ed affrontiamo invece  il dato oggettivo della liberazione. E  quindi  domandiamoci se la nostra Aisha ritornata alle sue latitudini, sia da considerarsi ,come alcuni sostengono,  una eroina. Infatti diciotto mesi di  prigionia, fra i peggiori tagliagole, non sono stati una prova di poco conto.  E per quanto sia stata trattata bene, in base  alle sue  stesse testimonianze , nessuno crede  sia stata una esperienza, la sua, facile. Tanto, è lecito pensare, che se non ci fosse stata la convinzione di resistere ai disagi, prima ancora della avvenuta conversione, gli eventi avrebbero preso una piega  ben diversa. Dunque per alcuni-ripeto- trattasi di una eroina. Questo modo di valutare le cose è tipico del nostro  attuale modo di fare e di essere. Un tempo gli eroi erano quelli che per eccezionali atti di coraggio diventavano gli esempi da imitare. Una condizione, la loro, talmente fuori dal comune, in cui la storia si confondeva con la leggenda e nessuno osava indagare quale delle due fosse quella più veritiera. Erano infatti degne di fede entrambe, perchè nessuno voleva sminuire un atto  cui si attribuiva un valore assoluto, irraggiungibile quasi impossibile a compiersi . Questo al tempo della storia e della leggenda. Ma oggi le cose sono cambiate. E’ sufficiente dedicarsi ad un’opera di bene, che subito  in questo nostro mondo pieno di indifferenza, di accidia e di scadimento dei valori, gli eroi sorgono dalle   dimenticate stanze  e riacquistano, usurpandole, le antiche memorie. Capita allora che gli eroi, scaduti e scadenti, vanno incontro ad un processo di moltiplicazione. Ed eroi diventano i medici e gli infermieri al tempo del covid 19, i vigili del fuoco quando spengono un incendio, le forze dell’ordine quando arrestano un pericoloso delinquente e via andare. Ritorniamo allora a Silvia Romano, pardon ad Aisha, che nel 2018 ha voluto andare in Kenya, come componente di una onlus, per dedicarsi ai bambini locali.  Indigenti e bisognosi di  ogni attenzione. Ebbene, azione meritoria la sua, tanto più dopo essere  stata avvisata   del pericolo  esistente in quelle zone. In particolare a Malindi, località in cui è stata rapita. La situazione politica, si sapeva, era tutt’altro che tranquilla. Anzi a dirla tutta, molto pericolosa. Ebbene recandosi in quella zona, l’unica possibilità era quella di assumersi la responsabilità di quanto poteva accadere. Ed in effetti successe quanto era nelle più fosche previsioni, trattandosi di un paese dilaniato da lotte politiche e religiose. Il calvario per Silvia, non ancora Aisha come già detto, è stato lungo e verosimilmente molto più drammatico di quanto, lei convertita, oggi dichiara. Sta di fatto che la poverina ha mobilitato non solo l’opinione pubblica, ma l’intelligence che dopo varie operazioni segrete, ha finalmente trovato la via di uscita. Il mezzo quello che non solo oggi, ma da sempre è  stato il più convincente per risolvere le controversie: il denaro. Soprattutto da parte degli integralisti islamici, che hanno estremo bisogno di soldi  per muovere  guerra contro  gli occidentali col fine di  sostituire i loro governi  democratici, con un potere  teocratico. Ecco allora la domanda. L’eroina, che eroina non è, cosa ha prodotto nelle nostre coscienze intorpidite, a parte l’aspetto della conversione religiosa? Questo. Un beneficio economico e di immagine ad una formazione terroristica. La conclusione allora non può essere che questa. Che tutti coloro che vogliono, per motivazioni umanitarie ,di per sè encomiabili, sfidare la sorte, devono convincersi che le possibilità sono due. O rinunciare ai loro progetti e rimanere a casa, oppure  accettare il rischio di perdere perfino la vita. Salvarne una vita (vi ricordate di Aldo Moro per il quale non venne pagato alcun riscatto?) e metterne a rischio tante altre, forse e senza forse, non ne vale la pena.    

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

                                                                                                                         

Anticaglie

Anticaglie

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (7)

  • Se ha capito questa situazione come dimostra di aver capito il rapimento Moro stiamo freschi.... Ci spieghi allora il caso Ciro Cirillo... Veramente vedere solo quello che si vuole vedere con l'interpretazione distorta che si vuole dare. PS : fra cattolici e mussulmani la differenza non è molta. La realtà è che per nostra fortuna il potere religioso è stato fortemente ridotto da chi lo avversava. Fosse stato per la Chiesa sareste uguali agli islamici. Loro hanno avuto la fortuna di non avere una opposizione forte.

  • Ottimo articolo! La vicenda esposta mi convince sempre più che siamo al punto di non ritorno. Infatti il nocciolo della vicenda è il riscatto pagato che incrementerà l'attività dei terroristi islamici, come è avvenuto in precedenti analoghi. Il buonismo, oggi di moda, ha suggerito di pagare il riscatto, con grande effetto mediatico e con gioia dei sequestratori. Mi domando "a Chi giova", cui prodest? Certamente a Chi oggi ha il potere e negherà la responsabilità di futuri eventuali danni derivati dall'uso del denaro per il riscatto.

  • forse perchè il Santo Padre vuole che le sue pecorelle ritornino all'ovile

  • Su questa vicenda si sono sprecati i luoghi più comuni della 'vulgata' social: una giovane sprovveduta (come se in passato non fossero stati rapiti personaggi più adulti e navigati di lei); che ci è andata a fare là (senza porsi domande sulla sua scelta di formazione e sulle sue aspirazioni entrambe legittima); quanto ci è costata? è presto detto: nell'ipotesi peggiore un quinto di quello che si spende OGNI ANNO per il solo ordine pubblico e per il solo campionato di calcio (fonte Panorama 21.03.2019). E ma così si finanzia il terrorismo: probabile; alcuni stati (Svizzera) escludono ogni possibilità di pagare riscatti. Ai sostenitori della linea della fermezza vorrei ricordare oltre al nome di Aldo Moro anche quello di Ciro Cirillo, tanto per prendere le misure sul valore delle vite. Chissà perché ma sono convinto che se al posto della ragazza ci fosse stato un UOMO, magari imprenditore e che fosse sbarcato cantando 'Fratelli d'Italia' e sventolando il tricolore in pochi si sarebbero fatti domande sul suo sorriso, sul suo buon stato di salute o sulla sua esperienza di frequentazione di certe zone. DI SICURO non avremmo avuto notizia di miserabili figuri che da posizioni istituzionali inneggiano all'impiccagione o a collusioni con il terrorismo.

  • Silvia Romano, ora Aisha, è sicuramente una giovane donna di notevole valore morale, perché non si può considerare diversamente una ragazza che a vent’anni decide di andare con una onlus in Kenya per dedicarsi agl’indigenti e bisognosi bambini locali, ma questa volta temo di dover concordare in piccola parte con Giarelli, anche se solamente quando egli storce il naso sul pagamento del riscatto

  • condivido ornella vanoni che ha detto che se in africa la musulmana era felice,perchè riportarla nella patria del papa ?

    • Oltre al fatto che ci è costata un sacco di soldi. Soldi che serviranno a finanziare una guerra contro di noi! Ma giustamente visto che ha scelto lei di andare là, visto che è maggiorenne......

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento