Effetto vertigo

Effetto vertigo

Addio a Monicelli, quasi un secolo di cinema

Si è spento Mario Monicelli, suicida dal quinto piano dell'ospedale San Giovanni di Roma, dove era ricoverato. Nella sua lunga carriera di oltre cinquanta regìe ha collaborato con tutti i più importanti attori italiani

Si è spento all'età di 95 anni Mario Monicelli. Nato a Viareggio nel 1915, il regista, gravemente malato di cancro alla prostata, si è precipitato dal quinto piano dell’ospedale San Giovanni di Roma, dove era ricoverato da domenica. Nella sua lunga carriera di oltre cinquanta regìe ha collaborato con tutti i più importanti attori italiani, da Alberto Sordi a Totò, da Aldo Fabrizi e Vittorio De Sica a Sophia Loren e Marcello Mastroianni, Vittorio Gassman, Ugo Tognazzi, Adolfo Celi, Walter Chiari, Anna Magnani, Nino Manfredi, Paolo Villaggio, Monica Vitti, Gigi Proietti, Giancarlo Giannini, Giuliano Gemma, Ornella Muti, e Gian Maria Volonté.

Vorrei rendere un piccolo omaggio spendendo qualche parola per una tra le sue opere più ricordate, quel "I Soliti ignoti' (1958), con Vittorio Gassman, Marcello Mastroianni, Totò e Claudia Cardinale, considerato all'unanimità il film che ha generato il prezioso filone della commedia all'italiana.

Con I soliti ignoti infatti si può parlare di un nuovo esempio di commedia comica che abbandona gli stilemi praticati nel cinema sino a quel momento, che risalivano sostanzialmente alla florida tradizione dell'avanspettacolo, del varietà o del Cafè Chantant, e che, certamente ereditando il testimone del neorealismo, si apre alla quotidianità dipingendo caratteri su precisi riferimenti sociali, molto più chiari al pubblico poichè appartengono al vissuto di tutti i giorni, dalla politica al sociale.


La comicità non sarà più esclusivamente quella delle marionette, delle maschere che giocano lo scherzo esclusivamente in chiave di performance fisica, giochi di parole, gesti ridicoli o nonsense, fattori che in gergo cinematografico producono un genere definito come "slapstick", che indica un tipo di comicità basata sul lunguaggio del corpo, nata col cinema muto.  Da "I soliti ignoti" i dialoghi e le trovate umoristiche del cinema italiano tenderanno ad articolarsi su prove definite, sicuramente spesso anche macchiettistiche e caricaturali, ma riferite sempre ad una sceneggiatura rigorosa, creando quindi una sorta di connubio tra vecchio e nuovo, tra corpo e parola.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


Diversi critici hanno rilevato nel personaggio di Dante Cruciani, interpretato da Totò, principe della risata e dell'improvvisazione, un ipotetico passaggio di consegna della comicità: sulla nota terrazza del film, l'arte della commedia passa dalle mani del geniale attore napoletano a quelle di uno stuolo di sapienti sceneggiatori (tra cui è bene ricordare Sergio Amidei, Rodolfo Sonego, Age e Scarpelli, Ettore Scola, Ruggero Maccari), i quali se ne serviranno per lasciare ai posteri flash e pennellate di un passaggio decisivo per la nostra storia nazionale, ricco di contraddizioni, di incompatibilità tra vecchio e nuovo, condizionamenti sociali e culturali dettati dai miti provenienti dalla cultura americana in primis.

Tra gli altri film non dimentichiamo 'La grande guerra', 1959; 'L'armata Brancaleone', del 1966; 'La ragazza con la pistola', 'Vogliamo i colonnelli' del 1973; 'Amici miei', del 1975 con cui vince il David di Donatello; 'Un borghese piccolo piccolo' e  'Il marchese del Grillo' con Alberto Sordi, a cavallo degli anni 70 e 80; 'Speriamo che sia femmina', del 1986 e 'Parenti Serpenti' del 1992.

 

Effetto Vertigo

L'autore di questo blog di giorno è videomaker freelance e creativo multimediale. Ama il caffè turco, i suoi dischi di Tom Waits, e i libri di Kundera. Gira qualsiasi cosa gli passa per la testa, o per le mani: cortometraggi, reportages, virali. Di notte mangia yogurt miele e noci, s'ingozza di film, e musica.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di Moira g
    Moira g

    E' stato il suo ultimo film, con finale tragico.Indimenticabile come uomo e come regista per chi ci ha lavorato e per lo spettatore.Addio,Mario,chissà se ci sono gli studi in  Cielo.

  • Addio Mario. E' quasi riduttivo dire che fosse un genio.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento