Libri piacentini

Libri piacentini

"Ascona. La storia attraverso i secoli"

La nostra sezione Cultura, curata dal giornalista Renato Passerini, dedica questo spazio alla segnalazione e recensione di libri piacentini. Ne entrano a far parte le opere che trattano argomenti riguardanti la nostra provincia: geografici, storici, ambientali, economici, urbanistici, folcloristici, ecc.; a queste si aggiungono i libri e le recensioni di autori piacentini, per nascita o per adozione, e i cataloghi delle esposizioni allestite sul territorio provinciale. Saggi e recensioni di amici del nostro blog

Oggi segnaliamo

Ascona-2

Autore Silvano Romairone

Editore Val d’Aveto-Liguria

Formato cm 17x23

Pagine: 182

Data di pubblicazione 2020

In copertina Ascona d’estate.

L’opera racconta la storia di Ascona Valdaveto, un piccolo villaggio sui monti dell'Appennino Ligure, nel comune di Santo Stefano d’Aveto (Genova), ma per secoli legato al villaggio piacentino di Torrio (Ferriere). Sino a metà degli anni sessanta del '900, chi giungeva da fuori arrivava ai due villaggi attraverso le mulattiere a piedi.

Oggi questo borgo conta meno di venti abitanti, ma non più tardi di settanta anni fa i residenti erano dieci volte tanti, anche se in tanti erano emigrati oltre oceano.

La prima testimonianza su Ascona, l’autore l’ha rintracciata nell’Historia Ecclesistica di Piacenza (1651) a cura del Campi, dove nel 302 d.C., tra le proprietà della Diocesi piacentina sono citati Tyro Tyrum e Oscu Osconam, identificabili come Torrio e Ascona.

Il nome Scaone, che gli storici riconoscono come Ascona compare alla fine del primo millennio in un inventario dei possedimenti dell’abbazia di San Colombano, assieme a quelli di Turrio, Caterrungna, Nocetole e Metelia. Per ritrovare il nome di Ascona bisogna Silvano Romairone-2arrivare al 1423 nell’atto di cessione del feudo ai Malaspina da parte dei Visconti e più tardi nei registri del Ducato di Piacenza datati 1462 e 1476 dove venivano registrate le tasse che i villaggi di Torrio ed Ascona, facenti parte del marchesato di Gambaro.

Notizie che riguardano direttamente la vita del paese si hanno però dal 1500 quando i fratelli Cristoforo e Bernardino Ascona, ultimi rappresentanti della famiglia che diede o prese il nome al paese, fuggirono dalla val d’Aveto per rifugiarsi nella più ospitale val Nure, seguiti a distanza di dodici anni dall’altra famiglia che abitava il paese, i Cavanna. A quel tempo Ascona faceva parte del piccolo marchesato di Gambaro; il legame con Torrio e il territorio piacentino si protrarrà sino all’invasione da parte delle truppe di Napoleone, alla fine del quale l’assetto amministrativo di Torrio e Ascona prese strade separate: Il primo tornò (1822) a far parte del ducato di Parma e Piacenza, Ascona entrò a far parte del Regno di Sardegna, inglobata nella provincia di Chiavari, poi dal 1859 in quella di Genova.  

Le pagine del libro oltre a raccontare eventi e storie di uomini, donne, famiglie, tradizioni, arti e mestieri, modi di dire, usi e costumi, contengono documentate schede su Torrio, Velleia, Bobbio, sul marchesato di Gambaro e sui Malaspina, località e famiglia che hanno avuto relazioni con Ascona. Ulteriore interesse viene dal capitolo sull’emigrazione con le “Storie dal nuovo mondo”.

Attraverso le immagini d’epoca (da fine Ottocento fino ai giorni nostri) si scopre l’Ascona del passato e di parte del territorio picentini nelle sue diverse sfaccettature: il paesaggio, la sua gente, le tradizioni civili e religiose. Un’appendice è dedicata ai soprannomi dialettali di persona e di famiglia. Il volume trasmette al lettore tutto il fascino del passato e una riflessione sul futuro.

Silvano – scrive Francesco Barattini nella presentazione - ha avuto la curiosità e la perseveranza di non fermarsi al ritratto attuale di Ascona che ormai ingolfa, scatto dopo scatto, la memoria degli smartphone. Si è invece fatto strada tra le frasche della storia incrociando piani eterogenei di fonti storiche fin dalle epoche remote alle quali la ricerca è riuscito a risalire; contatti inaspettati con paesi e genti vicine e lontane, toponomi che cambiano, confini che si spostano.

CONOSCIAMO L’AUTORE: Silvano Romairone è nato a Genova nel 1962. Impiegato presso una casa d'aste ha lavorato in passato nel settore alberghiero. Appassionato di fotografia ed escursionismo ha scritto le raccolte di poesie Viaggi e Ricordi (1989), Storie (1992), Capitoli (2008) e Cinquanta (2012), la selezione di Poesie 107 Mondi (2009) e i racconti “Un Capodanno alle Lame” (1994, Diario Americano (2009) e la prima edizione di “Ascona, cinque secoli di storia” nel 2001.

La genesi di questo libro – racconta - ha inizio alla fine degli anni novanta con una lettera di una cittadina americana di origini asconesi, Gina Barattini, in cui chiedeva agli abitanti di Ascona un aiuto per individuare le proprie radici. Era la fine del secolo scorso, i primi anni di internet: quando venni a sapere della richiesta scrissi una mail a Gina e quando giunse in Italia con i genitori li accompagnai ad Ascona alla scoperta del luogo da cui era partito il loro avo Lorenzo. Fu grazie a questo incontro che nacque l'idea di scrivere questo volume. Ala pubblicazione fu fondamentale l'aiuto di Giancarlo Peroni, asconese trapiantato a Torrio: senza di lui la prima edizione non avrebbe mai visto la luce. Era il 2001, poi La scintilla per una seconda edizione è arrivata grazie a Pierluigi Carini, originario di Curletti, paese della val d'Aveto piacentina sulla cui storia ha scritto un bellissimo libro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il libro è disponibile presso le edicole di Santo Stefano d'Aveto, di Ferriere e Buzzetti via Taverna 100 Piacenza. Inoltre presso il Circolo La Scuola di Torrio.

Libri piacentini

La nostra sezione Cultura, curata dal giornalista Renato Passerini, dedica questo spazio alla segnalazione e recensione di libri piacentini. Ne entrano a far parte le opere che trattano argomenti riguardanti la nostra provincia: geografici, storici, ambientali, economici, urbanistici, folcloristici, ecc.; a queste si aggiungono i libri di autori piacentini, per nascita o per adozione e i cataloghi delle esposizioni allestite sul territorio provinciale

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento