Domenica, 14 Luglio 2024
Libri piacentini

Libri piacentini

A cura di Renato Passerini

"Dizionario della Banca di Santa Maria di Campagna"

La nostra sezione Cultura, curata dal giornalista Renato Passerini, dedica questo spazio alla segnalazione e recensione di libri piacentini. Ne entrano a far parte le opere che trattano argomenti riguardanti la nostra provincia: geografici, storici, ambientali, economici, urbanistici, folcloristici, ecc.; a queste si aggiungono i libri di autori piacentini, per nascita o per adozione e i cataloghi delle esposizioni allestite sul territorio provinciale e i racconti degli amici lettori

Dizionario della Banca di Santa Maria di Campagna

Autore Maria Teresa Sforza Fogliani Fava

Formato cm 15 x 21,5

Pagine 44

Editore Banca di Piacenza

Anno 2022

Un dizionario dedicato da Maria Teresa Sforza Fogliani Fava a Santa Maria di Campagna che attraverso chiavi di lettura offre spunti di conoscenze relative alla Basilica di cui si celebrano i 500 anni dalla posa della prima pietra. Libri su Santa Maria di Campagna, non ne mancano e alcuni sono stati presentati anche in questa rubrica, mancava però un agile libro a Dizionario, che rendesse a portata di mano una documentata serie di aspetti ed  eventi religiosi, civici, artistici e figure religiose che hanno caratterizzato i cinque secoli di vita della Basilica.

Altro argomento di interesse, ricostruibile grazie al dizionario, è anche la presenza di artisti e relative opere d’arte che sono arrivate in seguito a far parte del patrimonio del Santuario. Ad esempio – ha evidenziato la prof. Valeria Poli nel corso della presentazione del libro nella Biblioteca della Basilica - l’Annunciazione di Ignazio Stern, realizzata per la chiesa soppressa dell’Annunciata, della quale la Banca di Piacenza ha acquistato uno studio preparatorio nel 2011. Non poteva poi mancare anche il richiamo allo strettissimo legame che la Banca ha con il Santuario cittadino testimoniato, non solo dal concerto di Pasqua, ma dai numerosi restauri e iniziative finanziate dal 1989 ad oggi.

ALCUNE VOCI DAL GLOSSARIO

Organi - In Basilica sono collocati due Serassi (dal nome della celebre dinastia di maestri organari): il piccolo (datato 1836) collocato a suo tempo al Teatro Municipale di Piacenza ed utilizzato per le opere liriche, è
stato trasferito nell' area presbiteriale della Basilica una ventina di anni fa, dopo un accurato restauro ad opera della Banca di Piacenza, ed è destinato primariamente all'uso liturgico. La sua tastiera fu toccata da padre Davide da Bergamo che, di passaggio nella sua città, tenne nel salone di palazzo Zanchi un grande concerto. Il grande Serassi - datato 1825/1838 - collocato in cantoria, ideato e progettato da padre Davide che lo inaugurò il 21 maggio 1838, è considerato un eccezionale organo sinfonico-bandistico, geniale dal punto di vista tecnico. Padre Davide da Bergamo produsse magnifiche e originali armonie tramite questo superbo organo, anch' esso restaurato grazie alla Banca di Piacenza.
In Santa Maria di Campagna esiste, inoltre, un terzo organo settecentesco di scuola napoletana di autore ignoto, situato a pavimento su basamento indipendente, nella seconda cappella a destra, qui trasferito sempre
per interessamento dell'Istituto di via Mazzini.

Ballo dei bambini. Tutti gli anni, il 25 marzo - festa patronale del Santuario - in occasione della
solennità dell’Annunciazione si svolge questo tradizionale ballo in cui ogni bambino, solitamente
accompagnato dai genitori o dai nonni alla basilica di Santa Maria di Campagna, viene sollevato dai frati che lo affidano alla Vergine Maria, tracciando nell'aria un segno di croce. Una tradizione molto sentita che ha accompagnato generazioni e generazioni di piacentini.

Walfredo - Prete che ufficiava l'antica chiesa di Santa Maria in Campagnola esistente fin dal 1030; desideroso di accrescere la devozione alla Madonna di Campagnola, cedette, nel 1030, la chiesuola ed un appezzamento di terreno al monastero dei Benedettini di San Savino. È il primo nucleo del convento e della chiesa di Santa Maria di Campagna.

Maria Teresa Sforza Fogliani Fava. Laureata in Relazioni Pubbliche allo I.U.L.M. di Milano; è stata copywriter per una decina d'anni in un'agenzia pubblicitaria di Piacenza, poi addetta stampa, dopodiché ha collaborato con il quotidiano La Cronaca per 5 anni.

Ha scritto un saggio per il catalogo della mostra "Giacomo Bertucci tra Ghittoni e De Pisis", dedicata dalla Banca di Piacenza al pittore Giacomo Bertucci ed un saggio per il catalogo della mostra voluta dalla Banca di Piacenza "La Piacenza che era".

Collabora saltuariamente con i periodici "Panorama Musei" e l"L'Urtiga".

"Dizionario della Banca di Santa Maria di Campagna"
IlPiacenza è in caricamento