rotate-mobile
Libri piacentini

Opinioni

Libri piacentini

A cura di Renato Passerini

"Geometrie dello spirito"

La nostra sezione Cultura, curata dal giornalista Renato Passerini, dedica questo spazio alla segnalazione e recensione di libri piacentini. Ne entrano a far parte le opere che trattano argomenti riguardanti la nostra provincia: geografici, storici, ambientali, economici, urbanistici, folcloristici, ecc.; a queste si aggiungono i libri di autori piacentini, per nascita o per adozione e i cataloghi delle esposizioni allestite sul territorio provinciale e i racconti degli amici lettori

GEOMETRIE DELLO SPIRITO

Autori: Nicola Albanesi, Cecilia Clio Borgoni, Paolo Chiapparoli, Francesco Rapaccioli, Martina Subacchi, Saul Tambini.

Casa editrice Libreria Intern. Romagnosi

Formato cm 14,5 x 20,5

Pagine 164

Copertina flessibile

Anno di edizione 2022

ISBN: 978888 620735

Prezzo di copertina euro 12

In continuità editoriale con i precedenti volumi “Tenere il segno. Pensando a Dio”, anno 2020 e nel 2021 “Ad occhi chiusi. I frammenti dell’Invisibile”, entrambi della

la Casa editrice Libreria Internazionale Romagnosi, ecco questo GEOMETRIE DELLO SPIRITO, che nasce dal desiderio degli autori di condividere alcune riflessioni attorno alla sfera dell’umano e a quella del divino, utilizzando l’antico supporto della carta e della forma-libro, nella consapevolezza che questa modalità di scrittura, e quindi di lettura, conserva in sé qualcosa di unico.

Il libro propone un percorso di approfondimento che si snoda tra il pensiero e la fede cristiana; un libero pensare su di sé, sul mondo, e anche su Dio, che vive la gratuita e talvolta anche azzardata attitudine a comunicare il sapore di una vita che parla in noi.

Il titolo e l'immagine di copertina – una porzione di pavimento della cripta della Basilica di San Colombano di Bobbio - si intrecciano volutamente con l'intento di interrogarsi su una figura del divino che da sempre ha sedotto il cuore e la mente degli uomini, ossia quella dello Spirito.

La porzione del pavimento è composta da formelle esagonali variopinte e decorate con figure geometriche e floreali, simili, ma non uguali, dando così vita ad un equilibrato, seppur elaborato, componimento architettonico. Questo manufatto riprende figure e temi celtico-irlandesi in onore delle origini del santo abate Colombano. Una Presenza che attraverso molteplici geometrie ha disegnato l'esperienza religiosa di interi popoli, generando nomi, forme e figure.

L'intento di questo piccolo testo – scrive il curatore Paolo Chiapparoli nelle pagine introduttive – non è però quello di parlare di quella geometria sacra che presiede le tipologie architettoniche dello spazio liturgico e che le differenti tradizioni religiose hanno elaborato per mappare le coordinate del possibile incontro tra l'orante e il divino, ma quello di raccontare come lo Spirito ha dato forma all’uomo e a tutte le sue imprese, talvolta mostrandosi come tale e talvolta agendo in modo misterioso e decreto, come se fosse unicamente azione umana.

IL “PROGETTO” LA CORTE E IL CHIOSTRO. È sostenuto da persone per la maggior parte piacentina; cambiano di libro in libro, tranne alcune eccezioni. Paolo Chiapparoli è curatore-coordinatore di un gruppo di amici o conoscenti che praticano il pensiero, spiritualità, arte, filosofia, letteratura. Alcuni hanno titoli accademici, altri semplici cultori del pensiero, ma sempre interessanti e preparati che hanno accettato di raccontare loro “richiami”, ognuno con la propria sensibilità, con la propria modalità di scrittura. “Pur con l’intensità di chi è abituato ad avventurarsi nei pensieri, ognuno ha espresso le proprie riflessioni senza la preoccupazione di farne un elaborato scientifico o di strutturare un pensiero articolato”. Questo piccolo progetto editoriale, ci evidenzia il curatore Paolo Chiapparoli, prende il nome di “La Corte e il Chiostro”: due dimensioni dell’umano, quella esteriore, aperta, ossia la piazza e quella interiore, intima, ossia la stanza. Un’architettura dello spazio che diventa un’architettura dell’anima.

Si parla di

"Geometrie dello spirito"

IlPiacenza è in caricamento