Libri piacentini

Libri piacentini

"Il sacerdote e il contadino"

La nostra sezione Cultura, curata dal giornalista Renato Passerini, dedica questo spazio alla segnalazione e recensione di libri piacentini. Ne entrano a far parte le opere che trattano argomenti riguardanti la nostra provincia: geografici, storici, ambientali, economici, urbanistici, folcloristici, ecc.; a queste si aggiungono i libri e le recensioni di autori piacentini, per nascita o per adozione, e i cataloghi delle esposizioni allestite sul territorio provinciale. Saggi e recensioni di amici del nostro blog

Oggi segnaliamo

IL SACERDOTE E IL CONTADINO

A cura di Mauro Molinaroli

Formato cm 17x24

Pagine 118

Stampa Grafiche Lama

Edito da Banca di Piacenza

Anno di edizione 2019

La bella sede del Circolo Culturale Maria Luigia a Villa il Follo di Pittolo, ha fatto da cornice alla presentazione di questo efficace volume 11006982_11000128_tavolo3-2curato da Mauro Molinaroli e edito Banca di Piacenza, in ricordo del sacerdote-poeta, don Luigi Bearesi (morto il 2 agosto 2004 a 74 anni) del quale raccoglie 18 poesie inedite (1975-2004) e altre 12 scritte a quattro mani con il “contadino” Antonio Marchini.

Co protagonisti dell’incontro, aperto dai saluti del presidente del Maria Luigia Antonio Chitussi, l’avv. Corrado Sforza Fogliani, il parroco di Grazzano don Piero Maggi, il cav. Antonio Marchini con tabarro, cappello e campanaccio d’ordinanza e l’autore della pubblicazione Molinaroli,

Don Bearesi era un uomo schietto e poteva definirsi anche filologo – ha evidenziato il presidente della Banca di Piacenza Sforza Fogliani. Se si leggono le sue poesie in quest’ottica, ci si spiega il perché fossero così comprensibili e concise ed oggi è in crescita l’attenzione verso il dialetto piacentino perché consente di esprimersi con immediatezza, come si fa con i tweet. Ho ben presente anche la grande amicizia tra don Bearesi e mons. Tammi, da qui la loro collaborazione nella realizzazione del Vocabolario dialetto-italiano edito dalla Banca di Piacenza.

Don Piero Maggi ha ricordato la figura di prett puvrein di don Bearesi (lui stesso così si definisce nella poesia-testamento pubblicata nel libro): “Si è sempre sentito un prete umile, non ha mai ambito alla carriera, rimanendo in disparte, ma sempre attivo. Era un canzoniere delle cose che osservava. Ed è quasi commovente – ha concluso don Piero - leggere il suo testamento spirituale in versi:

"E quand me sarò mort da prett puvrein / inveci d'una làgrima, un surrìs, / parcse in dla me vita ho fatt dal bein / me sper d'avìgh un post in Paradis".

Anche molte poesie che fanno parte di questa raccolta, scrive Molinaroli, racchiudono un universo che profuma di genuinità, come il pane appena sfornato o la prelibatezza del coniglio mangiato con la polenta; sono presenti, però, nei tanti versi di Marchini e Bearesi, figure e personaggi che si sono distinti per la loro attività professionale e medica in sede nazionale e che hanno dato lustro a Piacenza e alle zone che costeggiano il Po, Mortizza e Roncaglia, borgate che sembrano appartenere ai romanzi di Giovannino Guareschi. I versi e le poesie di Bearesi e Marchini pubblicati in questo volume - tutti inediti - rappresentano il corollario delle manifestazioni organizzate dagli Amici della Mietitrebbia: la Festa della Mietitrebbia e il Cuore d'Oro.

Il libro si chiude con l'ultima poesia di cui si abbia documentazione. Luglio 2004, don Bearesi ricoverato in ospedale, il male che l'ha aggredito lo rende consapevole che la vita è breve. Ricordi e desideri s'intersecano in una storia che sembra giunta alla fine.

Ho pregato San Matteo
(Policlinico a Pavia);
m'ha risposto: Marameo,
vai in osso-terapia!

Sono a Parma, in ospedale,
col patrono Sant'Ilario;

non mi manca il "generale":
professor Viganò Mario!
Provo un po' di nostalgia:

le battute di Marchini,

la gustosa poesia,

i sorrisi e gli occhiolini ...
All'Olympia di Niviano
mangerete e gusterete
,

ma per me così lontano
salterà il "boccon da prete
"!
Ci saranno cari amic
i,
piatti tipici nostrani:

buona festa, ore felici,

con risate e battimani!

Libri piacentini

La nostra sezione Cultura, curata dal giornalista Renato Passerini, dedica questo spazio alla segnalazione e recensione di libri piacentini. Ne entrano a far parte le opere che trattano argomenti riguardanti la nostra provincia: geografici, storici, ambientali, economici, urbanistici, folcloristici, ecc.; a queste si aggiungono i libri di autori piacentini, per nascita o per adozione e i cataloghi delle esposizioni allestite sul territorio provinciale

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • l’ultima poesia del Bearesi contiene pure un messaggio promozionale che non condivido molto, perché a Niviano personalmente preferirei di gran lunga pranzare al ristorante trattoria la 45 piuttosto che all’Olympia

Torna su
IlPiacenza è in caricamento