Libri piacentini

Libri piacentini

"Santa Franca. Ogni donna è chiamata a diventare madre"

La nostra sezione Cultura, curata dal giornalista Renato Passerini, dedica questo spazio alla segnalazione e recensione di libri piacentini. Ne entrano a far parte le opere che trattano argomenti riguardanti la nostra provincia: geografici, storici, ambientali, economici, urbanistici, folcloristici, ecc.; a queste si aggiungono i libri e le recensioni di autori piacentini, per nascita o per adozione, e i cataloghi delle esposizioni allestite sul territorio provinciale. Saggi e recensioni di amici del nostro blog

Oggi segnaliamo

SANTA FRANCA. Ogni donna è chiamata a diventare madre

Autore Madre Maria Emmanuel  Corradini, Gaia Corrao, Lucia Favari.

Collana Il centuplo quaggiù e l’eternità

Formato cm 4,7 x 7,5 cm.

Pagine 48

Editore Il Nuovo Giornale

Anno 2018

L’agile volumetto, pubblicato in occasione delle iniziative programmate a Piacenza nell’ultima settimana di aprile per ricordare gli 800 anni della morte di Santa Franca (Piacenza, 1175 –1218; proclamata santa da Papa Gregorio X nel 1273) la cui festa liturgica cade il giorno 25 aprile. Santa Franca, nata nei pressi di Vernasca dalla famiglia dei Vitalta a fine 1100, è vissuta in una Piacenza lacerata da divisioni e discordie. La sua vita fu segnata da una straordinaria precocità: in convento a 7 anni, a 14 la consacrazione, badessa a 24 e a 43 anni - nel 1218, esattamente 800 anni fa - in Paradiso. Una manciata di anni, i suoi, per ricordare a tutti, ancora oggi, l’importanza di prendere decisioni coraggiose e “per sempre” nella propria vita. “Non si è madri solo quando si genera un figlio - ha detto Gaia Corrao alla presentazione della pubblicazione nella chiesa di Santa Franca a Piacenza, alla quale sono intervenute anche le altre due autrici. Madre è colei che ti accoglie e che ti ama. Tutto questo trascende la semplice fecondità fisica. La donna è tale quando sa mettersi da parte per far spazio all’altro nella sua vita”.

“Nella vita - ha affermato madre Corradini - ciò che conta è l’amore. Per Santa Franca, questo sentimento era rivolto a Gesù. Il Signore è stato per lei l’unica persona vera e necessaria. Quando è diventata benedettina, aveva una sola volontà: quella di stare da sola con Cristo. La vita monastica comincia con una domanda: il mio cuore batte per qualcuno? Vocazione significa esser pronti a donare la vita per il Signore. Dirgli «se hai bisogno, eccomi, io ci sono»”. Lucia Favari nella pubblicazione ha dedicato un capitolo alle somiglianze riscontrate tra la storia di Santa Franca e quella della protagonista di "Oceania", film di animazione della Disney. "La protagonista Vaiana come la giovane Franca - spiega Favari -, in tenera età, compie una scelta significativa per la sua vita. I genitori non furono di ostacolo in entrambi i casi. Questo è importante perché non dobbiamo sostituire con i nostri sogni quelli dei nostri figli. Dobbiamo metterli nelle condizioni di capire cosa vuole il loro cuore e sostenerli. Vaiana e Franca hanno quindi risposto ad una chiamata”.

“Santa Franca – scrive mons. Ambrosio - è un prezioso dono di Dio alla Chiesa piacentina di quel tempo e di ogni tempo. In lei traspare la luce di Dio che illumina la storia personale e collettiva di ogni tempo. In lei vediamo l’esempio luminoso di chi ha seguito radicalmente Cristo nella vocazione religiosa. In Lei, amica di Dio, molti piacentini hanno trovato e trovano l’esempio per impegnarsi a rispondere con generosità alla chiamata del Signore, oltre al conforto e alla consolazione”.

Libri piacentini

La nostra sezione Cultura, curata dal giornalista Renato Passerini, dedica questo spazio alla segnalazione e recensione di libri piacentini. Ne entrano a far parte le opere che trattano argomenti riguardanti la nostra provincia: geografici, storici, ambientali, economici, urbanistici, folcloristici, ecc.; a queste si aggiungono i libri di autori piacentini, per nascita o per adozione e i cataloghi delle esposizioni allestite sul territorio provinciale

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Nell'ultimo decennio i movimenti femministi e affini hanno ottenuto "la parità dei sessi" che, in pratica ha portato ad una confusione dei ruoli biologici dei sessi, stabiliti dal ns DNA (o da Dio per i credenti). Le conseguenze sono note a tutti. Sono per la parità dei sessi, per i diritti e i doveri, non per i ruoli nella società. Se siamo FISICAMENTE diversi, c'è un motivo.

Torna su
IlPiacenza è in caricamento