Piacenza Nostra

Piacenza Nostra

Muntà di Ratt, spunta uno strano monumento

Che a Piacenza spunti di notte un monumento civico-politico all'insaputa di tutti è (brutto) segno dei tempi. Lo dice la storia di Piacenza nostra, dove sui monumenti si accesero spesso vivaci dibattiti e persino scontri. Ecco alcuni esempi.

Che a Piacenza spunti di notte un monumento civico-politico all’insaputa di tutti è (brutto) segno dei tempi. Lo dice la storia di Piacenza nostra, dove sui monumenti si accesero spesso  vivaci dibattiti e persino scontri. Ecco alcuni esempi.   

1862.  La Madonna di Piazza Duomo fu oggetto di contese varie.  Papisti contro preti liberali e fazioni del clero, liberali contro clericali passatisti. Nel primo caso pomo della discordia fu il dogma della immacolata concezione, imposto da Pio IX per tagliare ogni dissertazione sul  caso di Maria, concepita senza peccato. Ovvero nata senza la macchia del peccato originale. Alcuni teologi facevano notare che in tal caso veniva meno la necessità del sacrificio salvifico di Cristo.  Dio avrebbe potuto infatti  allargare l’eccezione di  Maria sine labe concepta a tutti gli uomini. Nel secondo caso si scontravano i patrioti contro il papa re con chiassate notturne sotto il palazzo vescovile.  Il giornale “La Provincia” invocò l’intervento del Comune perché imponesse la sostituzione della Madonna con l’effige di  Carlo Alberto.

1867. La risposta risorgimentale al monumento papista fu la statua di GD Romagnosi. Nessun dissenso politico, ma ugualmente grandi polemiche perché il Comune ritardava l’inaugurazione.   Il problema (amministrativo) stava nella non conformità dei materiali (scadenti) rispetto al mandato dell’Ente. Quello politico nella delicatezza delle relazioni con la Francia, protettrice dello Stato Vaticano,  dopo  il blitz di Garibaldi finito male a Mentana.  Le autorità temevano che l’inaugurazione ufficiale sfociasse in disordini contro la Chiesa. L’opera fu scoperta nottetempo senza che mai seguisse una qualsiasi cerimonia. In occasione dei lavori per la costruzione del terzo lotto Romagnosi finì nel cortile delle scuole Alberoni. Alla fine si temette che la giunta comunale intendesse non ricollocare la statua (che volta le terga al portale di San Francesco) nel suo sito d’origine e nacquero polemiche di stampa. Ritornò al suo posto nel 1966.  

1907.  Eletto più volte deputato nella nostra circoscrizione, Felice Cavallotti scaldava gli animi da vivo, senza vie di mezzo. Morì nell’ennesimo duello l’anno 1898. Piacenza gli dedicò l’attuale via Roma e un comitato promotore si adoprò fin dal 1900 per erigergli un monumento  da posare nella piazzetta di Santa Maria, alla confluenza di via Roma con via Alberoni. La commissione comunale di ornato non ritenne idoneo il sito in ragione del modesta mole del monumento. Ma un gruppo di cittadini promosse un referendum cittadino che fu favorevole al luogo prescelto. La questione si sbloccò solo con l’inaugurazione del 4 luglio 1907.  Non era finita. Agli albori del fascismo cominciò un balletto di ricollocazioni provvisorie, finì pure in fondo a un magazzino fino a che il busto, privato dell’erma,  trovò posto nella loggia della biblioteca civica. Da dove sembra guardare con malinconia alla strada che un tempo era intitolata al suo nome.

1976.  A 30 anni dalla fine della guerra il consiglio federativo della Resistenza incaricò William Xerra di ideare una memoria a ricordo dei caduti partigiani. L'artista propose un "dolmen", che in bretone significa tavola di pietra. Immediato e intenso il dibattito nella città e negli ambienti artistici. Poi si schierò con i favorevoli Bruno Sichel (al tempo presidente di una associazione tra pittori e scultori piacentini) e a quel punto il sindaco Trabacchi si schierò a sua volta. Ma la discussione si spostò sul luogo scelto. I contrari lo considerarono angusto per la tipologia del monumento, adatto semmai ad ampi orizzonti. Alla fine arrivò il benestare della Sovrintendenza e il dolmen venne montato il giorno 15 aprile: 400 q.li di pietre provenienti dal Trentino.

1998-2002.  Lo scultore Groppi propose una propria scultura dedicata al martire patrono della città: Sant'Antonino a cavallo. Grandi discussioni, soprattutto sul luogo ove collocarla. Nel frattempo spuntò un piacentino dagli Usa che si offrì di far dono alla città di un "suo" San'Antonino appiedato. Però qualcuno obbiettò che il santo cristiano era sì patrono della città ma martirizzato a Travo.  Di qui l'idea di collocare la statua ove la si vede, a sud,  tra la città romana e la valle del Trebbia. Per non far torto a nessuno fu montata sopra una erma rotante, tale per cui nel giro di un giorno si rivolge sia  verso la piazza grande, sia verso Travo.  

Muntà-4 Muntà-5

Piacenza Nostra

" Vita professionale al Comune di Piacenza, vita politica locale sotto traccia, ma abbastanza tribolata. Più tranquilla quella di giornalista pubblicista (""pubblicista"" come fu Einaudi, si parva licet componere magis) collaboratore dei quotidiani Libertà, Il Giorno, La Voce, La Cronaca, oltre che di varie testate periodiche. Ho pubblicato anche una diecina di monografie per i miei 22 affezionati lettori (due meno di Manzoni e uno meno di Guareschi) su temi disparati ma sempre tenendo un sentiero ben tracciato: di tutto ciò che riguarda appieno, o di striscio, Piacenza Nostra. "

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (8)

  • Il monumento è bello, e sinceramente ci sta bene, l'unica critica che mi sovviene è che non è ben contestualizzato visto il suo messaggio in quel luogo (a meno che la maggior parte di coloro che hanno partecipato alla guerra del 36 - 39 non fosse di quella zona), sicuramente non merita tutte le critiche e anzi meritava molte lodi ... sarebbe interessante, e non solo per questo caso, approfondire sull'autore con adeguato materiale ... come sarebbe interessante che i busti ai giardini margherita venissero ripuliti e resi al meglio, visto che ci rappresentano ... ma probabilmente qualcuno griderebbe allo scandalo

  • Parliamo seriamente, la statua è molto bella e non sta nemmeno male in quel contesto, l'unico piccolo neo se vogliamo chiamarlo cosi è la lapide (motivi politici e qui mi fermo, chi è intelligente mi ha capito senza fomentare polemiche.....). Qualcuno li definisce monumenti ad minchiam, io le definisco OPERE D'ARTE a cielo aperto che abbelliscono alcune zone della città, vi ricordo il S.Antonino di Groppi, veramente splendido, l'uovo di Mazzocchi alla Cavallerizza, unico nel suo genere.... All'estero ogni statuetta o simile la riempiamo di foto e di selfie, non vedo perchè anche noi non dovremmo collocarne visto che abbiamo degli artisti contemporanei molto bravi. Pensate a una bella statua in bronzo del Tino in bicicletta sulla rotonda di Borgotrebbia,(battuta della Barocelli/cicci a parte....) Un monumento simile nella piazzetta di S. Agnese raffigurante Pinchin, il decano dei carrettieri..... esempi ce ne sono tanti, all'estero davanti agli stadi collacano statue di calciatori viventi, Piacenza cercando di mantenere la sua identità potrebbe fare fare di meglio, gli scultori bravi li abbiamo, valorizziamoli....

    • errata corrige... l'uovo é di Bertuzzi

  • Tanto rumore dei chiacchieroni per nulla come al solito (Foti capofila con le sue pessime dichiarazioni sulla guerra di Spagna). Quelli che tanto rompevano potrebbero spiegare in cosa questo bel momumento sfregia la Muntà? E soprattutto che spiegassero perché tanto casino per una statua quantomeno aggraziata e zero casino per un gazebo realmente brutto? Ma si sa, al piacentino medio(cre) piace la lamentela per il gusto di farla...

  • Il monumento ai pontieri (per me l'unico monumento degno di tale nome a Piacenza) era "decorato" alla sommità della colonna centrale con alcuni fasci che (sempre secondo il mio gusto) la rendevano più armonica (confrontare vecchie foto);nel dopoguerra però (conosciamo bene le ragioni) furono rimossi. Chissà se un domani meno agitato verranno rimessi (a fedele testimonianza di un'epoca e di un gusto).

  • Proporrei un monumento al Tino o alla mitica Cicci in quel di Borgotrebbia.....

    • concordo con il monumento al Tino Maestroni.........

  • "spunti di notte"? Ma cosa sta dicendo Zilocchi? Non si vergogna a fare mistificazioni di questo tipo?

Torna su
IlPiacenza è in caricamento