Salute e medicina on line

Salute e medicina on line

Aggiornamenti sulla situazione epidemiologica al 10 marzo

L'epidemia causata da SARS CoV - 2 ora coinvolge 106 Paesi del mondo. In totale, i casi di contagio confermati a livello mondiale sono 109.578, mentre i decessi 3.809. La maggior parte dei malati è in Cina, dove i nuovi contagi il 9 marzo sono stati 46, segno che la diffusione del coronavirus sta rallentando e i pazienti guariti 58.600.  In evidenza, il numero dei contagi in alcuni Paesi: Germania 1.122, Francia 1.116, Spagna 589, Svizzera 332, Olanda 265, Svezia 203 Belgio 200, Norvegia 169, Regno Unito 27.


IN ITALIA, AL 10 MARZO 2020: 

10.149 casi di contagio


di cui:
- 8.514 attualmente positivi, 84%
- 631 decessi, 6%
- 1.004 guariti, 10%

Il picco della epidemia per gli esperti è ancora impossibile definirlo con precisione. "Se si guarda la situazione di Covid 19 in Lombardia, con i primi casi del 21 febbraio e si considera che ogni persona con coronavirus ne infetta in media 2,6 - spiega la dottoressa Stefania Salmaso, Epidemiologa dell'Istituto Superiore di Sanità - i tempi, in questo caso si accorciano in modo proporzionale, collocando la data verosimile di ingresso del virus in Italia verso la fine del mese di gennaio e quella del picco a metà aprile.

L'aumento dei casi recenti, più di mille al giorno, da oltre una settimana, va visto tenendo conto del periodo di incubazione. La persona che si è ammalata ieri, può aver contratto il virus fino a 14 giorni fa. L'evoluzione del quadro epidemiologico ci ha dimostrato che il virus circolava sottotraccia nel Paese già da molte settimane. 

Sempre per la regola dei 14 giorni di incubazione, avremo bisogno almeno di altre due settimane anche per capire che effetto avranno le misure di contenimento messe in campo con il nuovo decreto del Governo".

coronavirus_diretta_oggi_10_marzo_2020_ultime_notizie_contagi_italia_europa_mondo_10182323-2

I SINTOMI SOSPETTI DA "IL VADEMECUM DELL'ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ" (*)

Febbre e sintomi simil- influenzali, come tosse, mal di gola, respiro corto, dolori muscolari, stanchezza, sono segnali di una possibile infezione dal nuovo coronavirus. Se negli ultimi 14 giorni si è stati a stretto contatto con una persona infetta da Sars - CoaV -2 o in una area a rischio, oppure al lavoro in una struttura sanitaria con pazienti Covid -19, il sospetto può diventare una certezza. Comparsi i sintomi, occorre restare in casa e chiamare il medico di famiglia, il pediatra o la guardia medica. Se non si riesce, occorre contattare uno dei numeri di emergenza indicati sul sito www.salute.gov.it/nuovocoronavirus; non si deve accedere al Pronto soccorso o in un ambulatorio, senza prima averlo concordato con il medico. Vanno sempre seguiti i comportamenti di igiene personale indicati (lavarsi regolarmente le mani con acqua e sapone o usare un gel a base alcolica) e mantenere pulito l'ambiente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

(*) E' questo il primo punto del vademecum pubblicato dall'Istituto Superiore di Sanità e realizzato in collaborazione con " European Centre for Disease Control (Ecdc)" e il Ministero della Salute.

Salute e medicina on line

Spazio di divulgazione medico-scientifica intesa ad approfondire temi generali che riguardano la salute e gli eventi collegati. Si tratta di articoli di natura medica, affrontati però con un taglio divulgativo accessibile ai non esperti, che non possono in alcun modo sostituirsi a valutazioni o a diagnosi mediche.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • le nuove notizie e i nuovi dati che arrivano dalla Cina sembrano essere decisamente positivi e danno l’impressione che, almeno laggiù, i duri interventi che sono stati adottati stiano portando nella giusta direzione. Il completo superamento delle criticità richiederà naturalmente ancora un po’ di tempo, ma sembrerebbe che esso possa essere non troppo lontano (perlomeno in Cina)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento