rotate-mobile
Salute e medicina on line

Salute e medicina on line

A cura di dottoressa Rosanna Cesena

Schillaci: «Grande condivisione per rafforzare la salute pubblica e l’universalità delle cure»

«Guardiamo avanti per consolidare  ed espandere, nei prossimi anni i progressi finora compiuti  e continuare a lavorare  su soluzioni comuni  per una sanità globale  più resiliente in una ottica di maggiore equità». Lo ha detto il Ministro della Salute, Orazio Schillaci, intervenendo alla riunione dei Ministri,  in occasione  del G7 che si è tenuto a Nagasaki in Giappone.

Tre, le sessioni di lavoro, tra sabato e domenica  (13 -14 maggio 2023) dedicate: alla architettura sanitaria globale, alla copertura sanitaria universale e alla innovazione in Sanità. Il Ministro Schillaci ha rimarcato l’importanza di un approccio coordinato  e di collaborazione  a livello internazionale  perché «le emergenze  sanitarie  non hanno confini nazionali. La Covid  ci ha insegnato  che investire in prevenzione  è essenziale  per uno sviluppo sostenibile  ed un pilastro fondamentale  per la copertura universale  della salute e sarà tra gli impegni  della presidenza italiana  del prossimo G7. L’Italia, come il Giappone - ha proseguito il Ministro - ha una popolazione  particolarmente longeva, ma l’aspettativa di vita sta crescendo in tutto il mondo e con essa anche l’aumento di patologie, spesso croniche  e di disabilità  che modificano gli stili di vita ed hanno un impatto sulla spesa sanitaria. L’invecchiamento in salute è uno dei temi  più urgenti da affrontare  e un fattore chiave  per la promozione  della salute e la prevenzione delle malattie. La pandemia Covid-19  ha evidenziato  la necessità di interventi integrati per rispondere a bisogni sanitari e sociali e in Italia, in questo senso,  stiamo organizzando la sanità di prossimità basata su equipe  multispecialistiche ed investendo  sulla innovazione  e su nuove modalità  di assistenza come la telemedicina”. Il Ministro, ha inoltre precisato che “l’universalità è uno dei principi fondanti  del servizio sanitario. La nostra Costituzione  riconosce la salute come un diritto universale e garantisce a ogni persona  l’accesso all’assistenza sanitaria  affinchè nessuno sia lasciato indietro. Dobbiamo fare uno sforzo  comune  per sostenere  il rafforzamento  dei sistemi  sanitari nelle nazioni  meno sviluppate  economicamente, al fine di  superare le disuguaglianze».

Il Ministro, ha sottolineato anche  l’importanza  di promuovere la salute mentale  e della protezione  dell’ambiente.  Ha evidenziato  l’impegno italiano,  in ambito europeo  ed internazionale e le attività messe in campo  per fronteggiare eventuali  future emergenze  legate a patogeni virali, ed anche un rapido sviluppo  delle contromisure,  in termini di disponibilità  di farmaci e  dispositivi medici. Contromisure che  sono un elemento  essenziale  per la preparazione  e la risposta  ad eventuali  minacce  di epidemia o pandemia, con una chiara  individuazione delle responsabilità  e delle risorse  necessarie.

Schillaci: «Grande condivisione per rafforzare la salute pubblica e l’universalità delle cure»

IlPiacenza è in caricamento