Salute e medicina on line

Salute e medicina on line

In Italia nuovi focolai di Coronavirus

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato una ordinanza che vieta l'ingresso e il transito da Paesi a rischio Covid

In Italia scatta il divieto di ingresso per chi arriva da Paesi a rischio Covid. Ad annunciarlo, il Ministro della Salute Roberto Speranza. "Sentito i Ministri degli Affari Esteri, dell'Interno e dei Trasporti, ho firmato una nuova ordinanza che prevede il divieto di ingresso e di transito sul territorio nazionale di cittadini  che nei 14 giorni antecedenti  hanno soggiornato o sono transitati nei seguenti  Paesi (tredici): Armenia, Bahrein, Bangladesh, Brasile, Bosnia Erzegovina, Cile, Macedonia, Moldavia, Oman, Panama, Perù, Kuwait, Repubblica Domenicana. Per tutti gli altri Paesi extra UE ed extra Schengen, resta l'obbligo di quarantena. Al fine di garantire un adeguato livello di protezione sanitaria, sono sospesi anche i voli diretti e indiretti da e per i Paesi indicati. L'epidemia a livello globale è nella fase più acuta, non possiamo vanificare i nostri sacrifici degli ultimi mesi -  ha dichiarato il Ministro Speranza - per questo abbiamo scelto la via della prudenza".

Il problema dei voli aerei in transito con passeggeri provenienti da zone a rischio era stato oggetto, nei giorni scorsi, di una missiva del Ministro Speranza al Commissario della Unione Europea alla Salute Stella Kyriakides e al Ministro della Salute tedesco Jean Spahn, per decidere al più presto nuove misure rigorose e cautelative per gli arrivi da aree extra Schengen ed extra UE. "E' necessario - aveva ribadito il Ministro Speranza -  che Commissione e Presidenza promuovano un maggiore coordinamento tra gli Stati membri per garantire una maggiore efficacia nel contenere la diffusione di contagi causati da focolai di origine esterna di Sars - CoV -2". Intanto, tornano a salire i contagi in Italia, con focolai sparsi, cioè l'improvviso aumento di casi all'interno di aree circoscritte. Ed è proprio sulla individuazione ed il contenimento immediati che si basa la seconda fase della epidemia che, se svolta con efficacia, eviterà una seconda ondata di infezioni. Una buona notizia arriva dall'Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, che dopo 137 giorni dal ricovero del primo paziente, la Terapia Intensiva è Covid - free.  Nei giorni più critici della pandemia, era arrivata ad ospitare oltre cento pazienti intubati, attualmente restano ricoverati alcuni malati contagiati dal coronavirus, ma ormai negativizzati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Salute e medicina on line

Spazio di divulgazione medico-scientifica intesa ad approfondire temi generali che riguardano la salute e gli eventi collegati. Si tratta di articoli di natura medica, affrontati però con un taglio divulgativo accessibile ai non esperti, che non possono in alcun modo sostituirsi a valutazioni o a diagnosi mediche.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • vedo che non compaiono gli USA nell’elenco dei Paesi di quella nuova ordinanza che prevede il divieto di ingresso e di transito sul territorio nazionale di cittadini che nei 14 giorni antecedenti hanno soggiornato o sono transitati in tredici specificati Paesi. Ciò mi fa pensare che tale ordinanza sia solo di tipo politico e che abbia unicamente fini propagandistici

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento