rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Salute e medicina on line

Opinioni

Salute e medicina on line

A cura di dottoressa Rosanna Cesena

La comunità di scienziati studiano come fronteggiare possibili future minacce pandemiche

Il futuro del genere umano sarà purtroppo segnato da altre emergenze pandemiche

Il futuro del genere umano sarà purtroppo segnato da altre emergenze pandemiche. Oggi - ha dichiarato la dottoressa Melanie Saville, virologa, direttrice della Ricerca e sviluppo vaccini di CEPI (Coalition for Epidemic Preparedness Innovations) - siamo a conoscenza dell’esistenza di circa 260 virus che infettano gli esseri umani, provenienti da 25 famiglie virali e si stima che vi siano più di 1,6 milioni di specie virali appartenenti alle medesime famiglie di virus ancora da scoprire, presenti negli ospiti di mammiferi e uccelli, che sono i serbatoi più importanti per le zoonosi virali. Non sappiamo quando e quali di questi virus inizieranno a diffondersi, ma sappiamo che succederà. Dobbiamo essere pronti e la nostra sfida è quella di farlo studiando questi virus, preparando prototipi di vaccini per ciascuna di queste famiglie, per effettuare sperimentazioni, accumulare dati sulla sicurezza, portarci avanti con la catena di distribuzione. I vaccini individuati devono essere anche immediatamente disponibili per tutti.

Nel mirino aggiornato, la prevenzione e la cura di malattie ed agenti patogeni temibili: Covid -19, Ebola, Chikungunya, Febbre di Lassa, Mers, Nipah, Febbre della Valle di Rift.

La chiamata di CEPI è rivolta a tutta la comunità scientifica e conta di coinvolgere un numero enorme di scienziati in tutto il mondo e migliaia di laboratori e istituzioni di ricerca. L’impegno è per la massima condivisione dei vaccini a livello globale. Il programma Covax, in collaborazione con GAVI, OMS e UNICEF ha distribuito 524 milioni di dosi di vaccino anti-Covid  in 144 Paesi.

La Coalizione Internazionale per la lotta alle epidemie (CEPI), a cui anche l’Italia, aderisce dal 2020, recluta scienziati da tutto il mondo per fronteggiare le future minacce pandemiche, con un piano di 3,5 miliardi di dollari in 5 anni. Fondata nel 2017 in Svizzera dai Governi di Norvegia e Regno Unito, dal World Economic Forum, dalla Bill & Melinda Gates Foundation e da Wellcome Trust, con sede operativa ad Oslo, Londra e Washington, è una partnership globale che coinvolge, quali finanziatori, organizzazioni pubbliche, private, filantropiche. Tra loro anche la Commissione Europea e diversi Paesi: Australia, Canada, Danimarca, Etiopia, Germania, Indonesia, Giappone, Kuwait, Malesia, Messico, Arabia Saudita, Svizzera, per citarne alcuni, fino al Fondo di solidarietà Covid -19 della Fondazione delle Nazioni Unite.

La comunità di scienziati studiano come fronteggiare possibili future minacce pandemiche

IlPiacenza è in caricamento