Salute e medicina on line

Salute e medicina on line

La Giornata mondiale senza tabacco

“Proteggere i giovani dalle tattiche dei produttori e prevenire l'uso di tabacco e nicotina". In Italia la legge Sirchia ha ridotto di 1 milione i fumatori che però sono ancora 11 milioni e 600.000, 80.000 i decessi anno

Si celebra il 31 Maggio la giornata mondiale senza tabacco 2020 per promuovere una campagna di marketing e sollecitare i giovani ad impegnarsi nella lotta contro la "big Tobacco", in risposta alle diverse tattiche commerciali che sistematicamente vengono promosse dalle industrie operanti nel settore del fumo. Questa campagna mondiale vuole sfatare i falsi miti e far emergere il concetto di manipolazione, in particolare attraverso la pubblicità dei nuovi aromi e prodotti. Questa la sintesi dell'Istituto Superiore di Sanità, Osservatorio Fumo alcol e droga. In Italia, i fumatori sono 11,6 milioni, il 22% della popolazione di età superiore ai 15 anni. Gli uomini che fumano sono oltre 7 milioni, le donne 4,5 milioni.

La legge "Sirchia del 10 gennaio 2005 art. 51" che vietava il fumo nei locali pubblici al chiuso, proposta dall’allora Ministro della Salute Girolamo Sirchia, compie 15 anni, ed ha portato ad un milione di fumatori in meno e la crescente consapevolezza collettiva rispetto ai danni dall'uso del tabacco. Tra i principale effetti ottenuti dalle leggi antifumo nel corso degli anni è quello di aver sensibilizzato la popolazione nei confronti dei danni provocati dal fumo. In Italia, secondo i dati "Passi" relativi al 2018 è totalmente rispettato in circa il 73% dei casi il divieto di fumo nei luoghi chiusi. Il termine "leggero" (o light o mild ) riferito alle sigarette è fuorviante perchè le differenze con quelle normali, in termini di effetti sulla salute è irrilevante. Neppure il sigaro e la pipa sono alternative più sicure, anche se portano ad inalare il fumo meno profondamente. Ciò riduce leggermente il rischio di tumore al polmone rispetto a chi fuma sigarette, ma favoriscono lo sviluppo di tumori della bocca, gola, esofago e pancreas.

IL MINISTERO DELLA SALUTE SU FUMO E COVID-19

Fumare nuoce gravemente alla salute ed ancora di più nei tempi della Covid - 19. Questo è il monito dell'Istituto Superiore di Sanità a tutte le persone che non riescono perdere il vizio del tabacco. Studi recenti condotti in Cina, indicano un aumento significativo di rischio di almeno tre volte di sviluppare polmonite severa da Covid-19, in pazienti con storia di uso di tabacco, rispetto a non fumatori.

Un terzo dei fumatori positivi alla Covid - 19 presentava all'atto del ricovero una situazione clinica più grave di non fumatori e per loro il rischio di avere bisogno di terapia intensiva e ventilazione meccanica era più alto. Questi studi ipotizzano anche che la condizione di fumatore spieghi la differenza di genere nel tasso di letalità riscontrata che sarebbe del 4,7% negli uomini e il 2,8% nelle donne.

- Come smettere di fumare?

Sfruttare il maggior tempo libero e le necessità di cambiamento delle abitudini giornaliere per abbandonare il consumo di tabacco e nicotina.

Smettere di fumare è possibile. In Italia vi sono Centri Antifumo presenti su tutto il territorio nazionale dove operano specialisti in grado di aiutare i fumatori nel percorso della cessazione del consumo dei prodotti di tabacco, anche attraverso interventi personalizzati.

Chiama il numero verde ISS contro il fumo 800554088  Attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 16 per informazioni e sostegno nel cambiamento.

Il fumo di sigaretta

Secondo l'OMS il fumo di sigaretta è la più importante causa di morte evitabile della nostra società. Ogni anno nel mondo a causa del tabacco perdono la vita circa 8 milioni di persone, delle quali 1,2 milioni non fumatori, ammalate a causa del fumo passivo. Secondo il Ministero della Salute, le vittime delle sigarette in Italia, ogni anno, sono circa 65.000.

L'Istituto Superiore di Sanità stima che il fumo di tabacco sia responsabile di 1/3 delle morti per cancro e del 15% circa di tutti i decessi che avvengono per qualunque causa. Molti studi scientifici hanno dimostrato che chi fuma tabacco rischia più degli altri di sviluppare oltre 50 malattie, non solo tumorali. Il fumo aumenta il rischio di morte per enfisema, ictus, infarto, ischemia cerebrale e degli arti.

Le sostanze cancerogene contenute nel fumo favoriscono lo sviluppo di tumori del polmone, cavo orale, gola pancreas, colon, vescica, rene, esofago, mammario e di alcune leucemie. Ogni volta che si accende una sigaretta si introducono oltre 4.000 sostanze chimiche, almeno 80 delle quali, secondo l'Agenzia Internazionale per la Ricerca sul cancro (AIRC) sono cancerogene.

Il monossido di carbonio, lo stesso gas responsabile degli avvelenamenti da gas di scarico delle auto e delle stufe,  impedisce all'ossigeno di legarsi alla emoglobina e di conseguenza, provoca danni cardiovascolari. La nicotina è responsabile degli effetti del fumo sul cervello e della dipendenza fisica. Il catrame contiene molte sostanze cancerogene come benzopirene ed altri idrocarburi aromatici. Il fumo contiene inoltre altre sostanze: il solvente acetone, ammoniaca, arsenico, formaldeide, acido cianidrico, nitrosammine e sostanze radioattive.

I costituenti del fumo con maggiore potenziale cancerogeno sono l'1,3 butadiene, l'arsenico, il benzene, il cadmio. Il benzene è responsabile di una quota significativa (dal 10 al 50%) delle leucemie provocate dal fumo. Tra le sostanze radioattive è di particolare rilievo il polonio 210. Chi fuma un pacchetto al giorno ha lo stesso rischio biologico come a sottoporsi a 25 radiografie del torace, dichiarano gli esperti. Questa sostanza, infatti, si deposita nei polmoni, esponendoli ad altissime dosi di radiazioni ad alta energia che possono indurre mutazioni potenzialmente cancerogene nel DNA. Il benzopirene, uno degli idrocarburi policiclici aromatici più studiati tende a mettere fuori uso il gene  che codifica per la proteina p53, una delle molecole più importanti per proteggere l'organismo dal cancro.

- Effetti del fumo passivo

I danni del fumo si estendono anche a chi, per il fatto di vivere o lavorare  insieme a fumatori è stato costretto a respirare sia il fumo emesso dal fumatore dopo che lo ha inalato che quello liberato direttamente dalla combustione delle sigarette.

Il fumo passivo è responsabile di almeno una quota di tumori al polmone nei non fumatori, oltre che di malattie cardiache e asma.

I risultati pubblicati sulla rivista "Lancet" di uno studio effettuato da esperti della OMS, hanno dimostrato che nel 2004 sono decedute per cause attribuibili al fumo passivo oltre 600.000 persone, 165.000 delle quali, bambini che vivevano in casa con un fumatore.

I neonati esposti al fumo sono più soggetti alla SIDS (Sudden Infant Death Syndrome), cioè la morte in culla, nel primo anno di vita.

Se si continua a fumare, soprattutto dopo il terzo mese, crescono le probabilità che la gravidanza si interrompa, che il nascituro sia poco vitale, abbia un  basso peso  alla nascita, oppure sviluppi altri problemi di salute.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I vantaggi immediati dello smettere di fumare sono per il cuore e i polmoni. Chi smette prima dei 35 anni, secondo l'American Cancer Society annulla al 90% le conseguenze negative.

Salute e medicina on line

Spazio di divulgazione medico-scientifica intesa ad approfondire temi generali che riguardano la salute e gli eventi collegati. Si tratta di articoli di natura medica, affrontati però con un taglio divulgativo accessibile ai non esperti, che non possono in alcun modo sostituirsi a valutazioni o a diagnosi mediche.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (7)

  • Libero (ed. Nazionale, ed. Milano) del 12/02/20 pag. 23 FUMO Ci vuole un referendum 35 italiani su 100 fumano sigarette. il rimanete 30 per cento è per i divieti di fumo nei luoghi pubblici e aperti al pubblico portati dalla legge Sirchia del 2003. Il restante 25 per cento è per il ritorno alla situazione precedente a tale legge. Indicato un referendum che la abroghi. Silvio Pammelati Roma

  • Libero (ed. Nazionale, ed. Milano) del 14/04/20 pag. 17 SIGARETTE IN CASA Il virus lo ha dimostrato Il fumo non fa così male In questo periodo saltano agli occhi le lunghe file fuori dai bar tabacchi di persone che intendono comprare sigarette. Quando finirà la quarantena sarebbe carino che le persone trovassero spazio nei bar ed in genere dei luoghi pubblici ed aperti al pubblico a fumare. Ora fumano tutti a casa constatando che il fumo passivo non produce alcun danno (nei luoghi chiusi). Silvio Pammelati Roma

  • Sono 32 anni che fumo in casa e mia madre godi di ottima salute all'età di 88 anni. Il fumo passivo non crea danni.

    • Se tuo/a figlio/a ti dicesse: "babbo io non osservo i limiti di velocità e non ho mai fatto un incidente quindi vado avanti così" tu cosa diresti? " 'mmazza quanto è intelligente" oppure chiederesti la prova del DNA?

    • 36 anni

  • Premesso che non ho mai fumato dal 1941, anno di nascita, in famiglia fuma solo il 10%, ho sempre sentito che il la Nicotina fa male, riduce la vita, ecc. Conosco fumatori ultra novantenni, in ottima salute e non fumatori morti prima della maggiore età. Vorrei solo conoscere i parametri di valutazione dell'American Cancer Society o, meglio, il metodo usato nella statistica.

  • che il fumo faccia male ormai dovrebbero saperlo pure i sassi, anche se proprio ultimamente sulla stampa nazionale avevo letto, credo che fosse su Libero (per la verità avevo letto solo il titolo a caratteri cubitali in prima pagina), che i fumatori sarebbero “immuni” (o quasi “immuni”) al covid, e mi era venuta una mezza tentazione di ricominciare (qui sopra ho però letto il contrario, quindi mi sà che sarà meglio rinunciare)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento